Ankara rivela: incontro tra i ministri degli Esteri di Siria e Turchia lo scorso ottobre

Ankara rivela: incontro tra i ministri degli Esteri di Siria e Turchia lo scorso ottobre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha rivelato di aver incontrato e parlato con il suo omologo siriano, Faysal Mikdad, durante il vertice del Movimento dei Paesi non allineati (NAM) in Serbia lo scorso ottobre.

Questo è stato il primo incontro ad alto livello tra Turchia e Siria dall'inizio della guerra nel 2011.

Intervenendo alla 13ª Conferenza degli ambasciatori di Ankara, Cavusoglu ha evidenziato la necessità di riconciliarsi con il governo di Damasco, dicendo: “dobbiamo in qualche modo venire a patti con l'opposizione e il regime in Siria. Altrimenti non ci sarà pace duratura”.

“Ci deve essere un governo potente in atto per prevenire la spartizione della Siria, e ci deve essere un'amministrazione in grado di controllare l'intero territorio del Paese. Questo può essere raggiunto solo attraverso l'unità", ha aggiunto il massimo diplomatico turco.

Le rivelazioni di Cavusoglu sono state una sorpresa per molti, poiché la Turchia ha sostenuto i gruppi estremisti in Siria dal 2011 e ha lanciato quattro invasioni militari nel Paese per combattere i miliziani curdi.

Ankara ha recentemente annunciato di essere disposta a offrire il " sostegno politico " di Damasco se aiuta a unirsi all'obiettivo turco di espellere il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e le Unità di protezione popolare (YPG) dal nord della Siria.

I due gruppi curdi costituiscono la maggior parte delle forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti, che cercano di rovesciare il governo siriano.

Ma nonostante queste offerte, negli ultimi mesi le forze di Ankara e le sue milizie alleate hanno intensificato gli attacchi alla periferia dei governatorati di Hasaka, Aleppo e Raqqa, provocando feriti tra i civili e lo sfollamento di centinaia di famiglie.

Il presidente siriano Bashar al-Assad e altri alti funzionari hanno dichiarato che Damasco risponderà con tutti i suoi mezzi legittimi disponibili contro l'offensiva turca in corso.

Il comando generale dell'esercito arabo siriano (SAA) ha dichiarato il 26 luglio scorso che "sulla scia di un aumento degli attacchi delle forze militari turche sui territori siriani negli ultimi due giorni e dei bombardamenti su diversi quartieri e un certo numero di postazioni [siriane], ribadiamo che il nostro valoroso esercito è pronto ad affrontare ogni possibile aggressione da parte del regime turco e dei suoi miliziani alleati”.

Il mese scorso, un portavoce delle SDF ha rivelato che Damasco ha accettato di fornire armi pesanti alla milizia per far fronte alle aggressioni turche nelle campagne di Raqqa e Aleppo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti