/ AP: Le sanzioni occidentali spingono i siriani, stanchi della gue...

AP: Le sanzioni occidentali spingono i siriani, stanchi della guerra, nel baratro della povertà

 

Le sanzioni occidentali contro la Siria accentuano la sofferenza dei civili mentre il Paese lotta per andare avanti nella ricostruzione del Paese.


Nell'ultimo anno, l'amministrazione statunitense presieduta da Donald Trump ha inasprito le sanzioni contro la Siria, "peggiorando le condizioni di vita e aggravando i problemi quotidiani di una popolazione sfinita che ha vissuto otto anni di conflitto", si legge in un reportage dell'agenzia statunitense di notizie The Associated Press (AP).

 
Tuttavia, il rapporto dell'AP rivela che le sanzioni hanno esacerbato le sofferenze della popolazione siriana traumatizzata dopo una guerra che ha ucciso quasi mezzo milione di persone e spostato metà degli abitanti.
 
La Siria, un tempo esportatrice di petrolio, attualmente fa molto affidamento sulle importazioni di petrolio greggio per sostenere la sua economia. I maggiori costi del carburante causati dalle sanzioni hanno portato ad un aumento dei prezzi in quasi tutti i settori.

 
Finora la valuta ha perso un terzo del suo valore nel 2019 a 600 sterline siriane per dollaro. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), l'80% dei siriani ora vive al di sotto della soglia di povertà guadagnando meno di $ 100 al mese.
 
Le restrizioni finanziarie hanno inoltre danneggiato l'industria farmaceutica quasi indipendente in Siria, il che rende Damasco dipendente dalle importazioni di vaccini, farmaci antitumorali, derivati del sangue e forniture per dialisi e causa carenze sporadiche.
 
Nel reportage sono citate le testimonianze di cittadini siriani a tal proposito.
 
"Tre mesi fa, non era disponibile una medicinale per bambini", ha raccontato un farmacista, Samir Aftimos. "Le persone con bambini sono corsi da una farmacia all'altra per cercarla." La crisi è stata alleviata quando l'Iran ha inviato rifornimenti.
 
A causa delle restrizioni alle spedizioni, la maggior parte delle importazioni di medicinali deve essere trasportata via terra dal Libano, aumentando i costi, ha detto l'assistente del ministro Habib Abboud all'Associated Press. Le aziende hanno difficoltà a riscuotere o effettuare pagamenti all'estero e diverse compagnie mediche straniere che lavoravano in Siria stanno annullando le loro licenze, ha affermato Abboud. La Siria sta cercando di entrare in contatto con aziende in Russia, Cina, Iran e India.
 
Circa 25 delle 70 fabbriche di medicina della Siria sono state distrutte o gravemente danneggiate durante il conflitto, ha spiegato Abboud aggiungendi che molti sono stati riparati mentre le forze governative hanno riguadagnato gran parte della Siria negli ultimi tre anni. Ciò ha riportato la produzione quasi ai livelli prebellici, secondo il Ministero della Salute.
 
Una delle più grandi compagnie siriane colpite dalla guerra è la Arabian Medical Co., o Thameco, la cui fabbrica nella periferia est di Damasco di Mleiha fu presa dagli insorti e pesantemente danneggiata durante la guerra. La società statale ora lavora in un edificio di Damasco che era uno spazio di stoccaggio, dove dozzine di dipendenti producono antidolorifici, antibiotici e altre medicine.
Ma è difficile ottenere materie prime e pezzi di ricambio, ha affermato il direttore generale di Thameco, Fidaa Ali. "La maggior parte delle compagnie straniere ha rispettato la cospirazione delle sanzioni economiche e l'embargo imposto alla Siria", ha detto.
 
Le sanzioni UE e USA colpiscono anche centinaia di entità e individui, molti dei quali uomini d'affari vicini alla leadership di Assad. Washington aggiunge i nomi all'elenco ogni anno. Il più recente, aggiunto a giugno, è stato l'uomo d'affari Samer Foz e la sua famiglia e la loro società Aman Holding. Washington ha accusato Foz di aver fatto fortuna sulle terre confiscate dai siriani che sono fuggiti dal paese.
 
Fares Shehabi, legislatore e industriale di spicco, definisce "ingiuste" le sanzioni dell'UE nei suoi confronti e afferma che gli sono costate milioni di dollari.
 
"Nessuno può affermare di non essere stato colpito dalle sanzioni. Non sono solo le persone che sono sotto sanzioni come me", ha detto Shehabi, che abita ad Aleppo, la più grande città della Siria e un tempo il suo centro commerciale.
Tayseer Darkalt, che possiede una fabbrica ad Aleppo che produce macchine per produrre patatine, afferma che a causa delle sanzioni non può importare o esportare prodotti o pezzi di ricambio. Senza trasferimenti di denaro, si reca all'estero per riscuotere pagamenti in contanti, ma ciò aggiunge i costi di aereo e hotel. Ed è diffidente nel portare molti soldi.
"Le sanzioni stanno danneggiando i normali cittadini. Non stanno punendo il governo. Ci stanno punendo".
 
 
Fonte: Associated Press - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa