Argentina: è morta Hebe de Bonafini, storica leader delle Madri di Plaza de Mayo

Argentina: è morta Hebe de Bonafini, storica leader delle Madri di Plaza de Mayo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Hebe de Bonafini, storica presidente dell'organizzazione argentina Madri di Plaza de Mayo, è morta questa domenica all'età di 93 anni. Il decesso è stato comunicato da fonti vicine alla storica militante per i diritti umanI e confermato dalla vicepresidente dell'Argentina, Cristina Fernandez. 

"Carissima Hebe, Madre di Plaza de Mayo, simbolo mondiale della lotta per i diritti umani, orgoglio dell'Argentina. Dio ti ha chiamato nel giorno della sovranità nazionale... non deve essere un caso. Semplicemente grazie e hasta siempre", ha scritto la vicepresidente del paese latinoamericano su Twitter. 

Bonafini era stata dimessa dall'ospedale il 13 ottobre, dopo tre giorni di degenza all'Ospedale Italiano della città di La Plata per controlli medici.

Madre di due ‘desaparecidos’, militante in difesa dei diritti umani e attivista, ha fondato l'associazione Madres de Plaza de Mayo per denunciare la scomparsa di persone durante l'ultima dittatura in Argentina (1976-1983).

Hebe de Bonafini ha sempre chiesto giustizia per i ‘desaparecidos’ vittima della cosiddetta ‘Guerra Sucia’ messa in atto da 1976 al 1983 in Argentina durante la dittatura militare di Videla. Una guerra sporca che il regime - con l’avallo degli Stati Uniti - mette in atto per reprimere quella che viene definita sovversione marxista e peronista. "L'Argentina e' in guerra e la sparizione di alcune persone e' una conseguenza non desiderata di questa guerra", afferma il sanguinario ditatore Videla. 

Passano mesi prima che le madri degli scomparsi prendano coraggio e vadano di persona a chiedere alle autorità notizie sulla sorte dei loro figli, scontrandosi contro un muro di menzogne, di coperture reciproche e di omertà. La loro protesta e il loro dolore si trasformerà nella marcia silenziosa della Plaza de Mayo, che ogni giovedì pomeriggio, da anni, si trasforma in una enorme ronda colorata di bianco, come i fazzoletti delle madri che camminano per evitare l'accusa di adunata sediziosa e dunque l'arresto. 

Hebe de Bonafini è stata la guida e l’anima instancabile di questa protesta. 

La leader delle madri di Plaza de Mayo è stata anche una sostenitrice dei governi socialisti latinoamericani e nemica del neoliberismo. In una sua intervista ricordava: “Gli organizzatori del Social Forum mi hanno invitata a una teleconferenza con il Forum Economico in Svizzera, dove si trovava Soros, l'uomo più potente del mondo. Eravamo in sette, e io ho detto quello che pensavo. Ho detto a Soros che parlavo in nome delle madri che non sanno dell'esistenza di Porto Alegre e neanche della sua. ‘Però lei è la persona più criminale di questo mondo’ gli ho detto, ‘scoppierà per tutto quello che mangia, Lei ammazza milioni di bambini’”.

Nel 2020 aveva indirizzato una lettera alla Regina Elisabetta per protestare contro il sequestro dell’oro venezuelano depositato presso la Banca d’Inghilterra operato dal Regno Unito.   

“Credo, anzi dico: sono convinta che lei non abbia bisogno di quell’oro, tantomeno il popolo del suo paese (…) oserei dire, da donna del popolo a donna che regna: non le sembra un abuso da parte sua? Questa rapina, non è un oltraggio?”, affermava nella sua missiva Bonafini. 

“In questi giorni ho appreso che il suo paese, da sempre colonialista, ha deciso di rubare i risparmi in oro, depositati nelle banche inglesi dal popolo venezuelano. Spero che sappia capirmi e possa aprire la mano che ha già troppo oro e che sono sicura non ne necessita ulteriore”, scriveva la coraggiosa donna argentina sdegnata dalle azioni piratesche del Regno Unito.

Il governo argentino ha decretato tre giorni di lutto in "omaggio a Hebe, alla sua memoria e alla sua lotta, che sarà sempre presente come guida nei momenti difficili", come afferma un comunicato della Casa Rosada.

Hebe de Bonafini nacque nel 1928 in un quartiere popolare della città di Ensenada e avrebbe compiuto 94 anni il 4 dicembre.

Il 29 dicembre 1942, all'età di 14 anni, sposò Humberto Alfredo Bonafini, con il quale ebbe tre figli: Jorge Omar, Raúl Alfredo e María Alejandra. 

L'8 febbraio 1977, durante l'ultima dittatura civile-militare, suo figlio Jorge Omar fu rapito e scomparve a La Plata. Il 6 dicembre dello stesso anno, la stessa cosa accadde a Raúl Alfredo, a Berazategui. Un anno dopo, il 25 maggio 1978, la dittatura militare rapì e fece sparire anche la nuora, María Elena Bugnone Cepeda, moglie di Jorge.

Nel 1979 è diventata presidente dell'Associazione Madri di Plaza de Mayo e da allora è stata riconosciuta come un'instancabile attivista per i diritti umani. 

 
 
 
 
 

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti