Argus Media: gli Stati Uniti sono pronti a smettere di riconoscere Guaidó

Argus Media: gli Stati Uniti sono pronti a smettere di riconoscere Guaidó

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La farsa Guaidò è terminata da tempo. L’autoproclamato ‘presidente incaricato’ è da tempo tornato al rango di semplice oppositore del governo Maduro. Per di più contestato finanche tra le fila della stessa opposizione venezuelana stufa delle manovre golpiste. 

Tuttavia il governo degli Stati Uniti continua a riconoscere Juan Guaidò. Forse non ancora per molto. Secondo quanto riferisce Argus Media - fornitore indipendente di informazioni sui prezzi, servizi di consulenza, conferenze, dati di mercato e business intelligence per l'industria globale del petrolio e del gas naturale con sede a Londra - il governo Biden sarebbe pronto a smettere di riconoscere Juan Guaidó come ‘presidente incaricato’ e a revocare la "protezione" per la raffineria Citgo dai creditori all'inizio del prossimo anno. 

Questa sarebbe una delle conseguenze dirette del processo elettorale che si svolgerà nel Paese domenica prossima, 21 novembre. "In Venezuela, la credibilità delle elezioni regionali e comunali aiuterà a determinare quanto velocemente il paese si libererà delle sanzioni in modo che il suo petrolio ritorni sul mercato aperto", afferma Argus.

Le elezioni regionali vedono la partecipazione di candidati dei partiti di opposizione, organizzazioni che hanno lasciato alle spalle la fallita strategia del boicottaggio elettorale. Inoltre, osservatori dell'Unione Europea monitoreranno la tornata elettorale. 

A tal proposito la responsabile della missione di osservazione elettorale dell'Unione Europea (UE), la portoghese Isabel Santos, è arrivata in Venezuela martedì 16 novembre per verificare, insieme al resto degli esperti già presenti nel Paese, lo sviluppo del processo elettorale che vedrà i venezuelani recarsi alle urne questa domenica 21 novembre.

In relazione alle mega elezioni regionali e comunali, l'eurodeputata socialista ha affermato che finora tutto "sta andando bene".

L’eurodeputata incaricata di coordinare gli esperti europei ha evidenziato che i preparativi si stanno svolgendo in conformità con le disposizioni del Consiglio elettorale nazionale (Cne) e ha ribadito che il giorno delle elezioni la missione di osservazione elettorale dell'Unione Europea avrà più di 100 esperti su tutto il territorio nazionale. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO