Assad: Con la fine dell’egemonia del dollaro, nascerà un mondo multipolare

Assad: Con la fine dell’egemonia del dollaro, nascerà un mondo multipolare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sebbene gli Stati Uniti rimangano una "superpotenza globale", il ruolo di Washington, che insieme all'Occidente conduce "una guerra esistenziale", si assottiglia sempre di più, mentre si sta formando un mondo multipolare. È l'opinione del presidente siriano, Bashar al Assad, che ha rilasciato ieri - prima del suo ritorno in Siria - un'intervista esclusiva al canale RT in lingua araba. 

Il presidente del Paese arabo, che questo mercoledì ha incontrato al Cremlino il presidente russo Vladimir Putin, ha sottolineato che i "gruppi di pressione" di Washington hanno iniziato a perdere "la loro assoluta egemonia" in diverse aree. "La più grande debolezza degli Stati Uniti è il dollaro. Quando il dollaro lascerà l'apice dell'egemonia economica, allora l'equilibrio di potere nel mondo cambierà e emergerà un mondo multipolare. Ma se, nonostante il multipolarismo politico e militare, continua il predominio del dollaro, il mondo continuerà ad essere unipolare", ha sottolineato. 

"Riconciliare approcci comuni"

Per quanto riguarda la sua visita ufficiale in Russia questa settimana, Al Assad ha ribadito che l'obiettivo del viaggio e del suo incontro con il presidente Vladimir Putin era quello di "riconciliare gli approcci comuni" di entrambe le nazioni di fronte a "un mondo che cambia", che, ha precisato - "ci colpisce ogni giorno". 

Allo stesso tempo, ha spiegato che le delegazioni hanno concentrato il loro dialogo sulle questioni economiche in vista delle conseguenze del terremoto che ha colpito la Siria e la Turchia all'inizio di febbraio. 

Truppe illegali in Siria

D'altra parte, Al Assad ha ricordato che le truppe statunitensi e turche devono lasciare il territorio siriano dove si trovano illegalmente. "Non ci sono altre truppe che sono in Siria illegalmente", ha detto.

In tal senso ha attaccato il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, che difende la presenza di Ankara nel nord della Siria nell'ambito della sua lotta contro i movimenti curdi. " Se non è un'occupazione, allora cos'è? Li abbiamo invitati a visitare la Siria? Qual è la logica? Non so su quale legge si basi", ha lamentato. A questo proposito, ha denunciato che gli attuali problemi di sicurezza al confine sono stati causati da Ankara.

Incontro con Erdogan?

Il presidente siriano ha annunciato di non escludere un incontro con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, pur condizionando tale incontro al ritiro delle truppe da Ankara. "Se ci saranno le condizioni, non fisseremo date particolari. Possiamo incontrarci oggi o domani", ha detto.

Tuttavia, ha sottolineato che "nessuno può" fidarsi delle politiche del presidente turco, né delle sue garanzie, perché Erdogan "cambia le sue politiche come se fosse un circolo vizioso".

Sanzioni e terremoto

D'altra parte, Al Assad ha denunciato che, nonostante le dichiarazioni occidentali secondo cui alcune sanzioni contro la Siria sono state revocate dopo il terremoto, "è stato concesso solo il permesso di fornire alcuni aiuti umanitari". "Per lo sviluppo dell'economia, dell'industria e del commercio è necessario garantire la disponibilità di alimenti diversi e altri beni di prima necessità per la popolazione di qualsiasi Paese. Ma in questo senso non è cambiato nulla”. 

Per quanto riguarda le conseguenze del terremoto, il presidente ha indicato che le stime preliminari indicano che saranno necessari "quasi 50.000 milioni di dollari" per la ricostruzione delle infrastrutture danneggiate. Al Assad ha insistito sul fatto che si tratta di una cifra approssimativa, poiché i calcoli non sono ancora stati completati. 

La menzogna come strumento dell'Occidente

Alla domanda se l'Occidente stia mentendo sulla revoca parziale delle sanzioni, il capo di Stato arabo ha affermato che la questione siriana è solo una delle tante su cui l'Occidente non dice la verità. "Se non menti, non puoi essere un rappresentante dell'Occidente. Questa è la realtà attuale. Non esagero. [...] Anche quando i rapporti tra la Siria e l'Occidente erano buoni, le bugie e l'ipocrisia sulla parte dell'Occidente verso la Siria esisteva già".

In questo contesto, ha sostenuto che l'Occidente applica la stessa pratica di "bugie e ipocrisia" nel contesto del conflitto tra Russia e Ucraina e "qualsiasi altra crisi in generale". 

Mondo arabo

Riguardo alla possibilità di partecipare al vertice della Lega degli Stati arabi, dove la partecipazione di Damasco è sospesa dal 2011, Al Assad ha dichiarato che, prima di tutto, la Siria deve essere ristabilita come membro a pieno titolo dell'organizzazione. Allo stesso modo, ha riconosciuto che le condizioni per il rientro “non sono ancora favorevoli”.  

"In queste circostanze, la Lega araba è diventata principalmente uno spazio per regolare i conti. Pertanto, la Siria potrà tornare solo quando supererà le sue divisioni interne e inizierà a prendere decisioni consensuali". Su questa linea, ha aggiunto che un'altra condizione per il ritorno di Damasco è il ristabilimento delle relazioni bilaterali tra la Siria e altri Paesi arabi. 

 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti