/ Assad: "La risposta più dura contro Israele è attaccare il suo es...

Assad: "La risposta più dura contro Israele è attaccare il suo esercito in Siria: i terroristi di al Nosra"

 

Nel corso di un'intervista concessa all'emittente iraniana 'Al Alam', il Presidente siriano Bashar al Assad ha affrontato varie tematiche: il ruolo di USA e Israele, la presenza dei consiglieri iraniani, l'uso del sistema di difesa aereo russo S-300, la causa palestinese.

 
I passaggi più importanti dell'intervista a questo link.
 
Gli Stati Uniti e l'entità israeliana rendono difficile raggiungere una riconciliazione nella regione meridionale della Siria
 
Rispondendo a una domanda su quanto sta accadendo nel sud della Siria, il presidente al-Assad ha sottolineato che la decisione è stata presa dopo la liberazione del Ghouta, "la riconciliazione e liberazione con la forza", ma un suggerimento russo è emerso per dare l'opportunità di riconciliazione in quest'area di "scontro israeliano", come è successo in altre aree, il che significa lo spiegamento dell'esercito siriano e la partenza dei terroristi. "Questa proposta ci sta bene. Tuttavia, fino ad ora, non ci sono risultati concreti per una semplice ragione che è l'interferenza israeliana e americana; perché spingono i terroristi in quella zona per evitare di raggiungere un accordo pacifico", ha spiegato.
 
Ha aggiunto che russi, americani e israeliani sono ancora in contatto con questo problema, ma nessuno contatta i terroristi, poiché non sono altro che strumenti.
 
Le relazioni siriano-iraniane sono strategiche e non sono soggette a un bazar
 
Se l'abbandono dell'Iran alla regione siriana del sud è stato il prezzo da pagare che gli USA hanno chiesto per approvare il processo di riconciliazione nella stessa, Assad ha sottolineato che le relazioni siro-iraniane sono strategiche e non sono soggette ad un accordo né nel sud né nel nord, poiché essi, in termini di implicazioni e risultati sul terreno, sono collegati al presente e al futuro della regione.
 
Egli ha sottolineato che né la Siria né l'Iran hanno preso questo rapporto come un bazar di politica internazionale che è soggetto a contrattazione, sottolineando che chiunque ha fatto questa proposta è stato il nemico israeliano per dare pressione sull'Iran  scatenando una campagna internazionale scatenata contro questo paese fratello per quanto riguarda il suo dossier nucleare.
 
Taglio delle relazioni con l'Iran è un principio respinto categoricamente dalla Siria
 
"Per quanto riguarda noi in Siria, la decisione sul nostro territorio è una decisione esclusivamente siriana. Stiamo combattendo la stessa battaglia e quando avremo una decisione sull'Iran, la affronteremo con gli iraniani e non con nessuna altra parta", ha presidente il presidente siriano.
 
Ha fatto riferimento a una proposta ripetutamente sollevata dall'Arabia Saudita sulla volontà di quest'ultima di normalizzare la situazione in Siria se la leadership siriana tagli le relazioni con l'Iran. "Questo principio è sostanzialmente rifiutato da noi".
 
La Siria è determinata a liberare il Sud dai terroristi, indipendentemente da qualsiasi entità
 
Parlando del ruolo del centro operativo MOC che non ha cessato le sue macchinazioni contro la Siria dall'inizio della guerra in questo paese, il presidente al-Assad ha affermato che questa entità è stata creata per guidare i terroristi militarmente. "Di conseguenza, l'esistenza di questo centro di operazioni intende la continuazione della funzione assegnata a questi terroristi, cioè, sono attrezzati e pronti a compiere atti terroristici", ha sottolineato il presidente, aggiungendo che indipendentemente da MOC, Damasco di è spostato verso la regione meridionale e sta dando una possibilità al processo politico. "Se ciò non riesce, non abbiamo altra scelta che liberlarlacon la forza", ha avvertito.
 
Sulla delicatezza della situazione nella regione meridionale della Siria dal momento che include membri statunitensi, iraniani, russi, israeliani e di Hezbollah, il presidente siriano ha fatto riferimento allo scontro tra due assi; il primo cerca egemonia, mentre il secondo cerca l'indipendenza, sottolineando che l'asse anti-terrorismo non sosterrà il principio dell'integrità territoriale della Siria.
 
Gli Stati Uniti sono noti per le loro bugie professionali nell'arena politica
 
E a proposito della partenza delle truppe americane da Al Tanf, il presidente al-Assad ha messo in dubbio l'intenzione di Washington di lasciare questo territorio siriano poiché secondo lui "gli americani sono storicamente mentitori professionisti in politica". "Dobbiamo aspettare e vedere", ha detto.
 
Per quanto riguarda ciò che sta accadendo in Giordania, il presidente al-Assad desidera la stabilità in questo paese vicino, poiché la sua destabilizzazione avrà ripercussioni negative sulla Siria.
 
  

 
 
Liberare il sud è un dovere patriottico che deve essere compiuto
 
In una domanda su ciò che spingerà l'occupante israeliano ad approvare il ritorno dell'esercito siriano al confine, ovvero ripristinare la situazione esistente all'inizio del 2011, il presidente al-Assad ha ribadito che "l'artiglieria e aerei da guerra israeliani sono artiglieria e gli aerei dai terroristi ", nonostante l'appoggio di Israele ai terroristi, l'esercito siriano ha liberato una serie di settori nei limiti delle sue possibilità, sottolineando che con o senza decisione di approvazione israeliana è puramente siriana, e questo è un dovere patriottico che deve adempiere.

 
La più forte risposta all'escalation israeliana è di attaccare il suo esercito, i terroristi, in Siria .... la risposta è una decisione patriottica
 
Ad una domanda sulla reazione siriana alle dichiarazioni israeliane di attaccare la parte più profonda del territorio siriano, al-Assad ha avvertito che la risposta più forte a Israele ora è quello di attaccare l'esercito israeliano esistente in territorio siriano, che è praticamente i gruppi terroristi di al Nusra, tra gli altri.
 
E su come la Siria possa rispondere alle future escalation israeliane, Assad ha chiarito che la risposta non ha bisogno di una decisione politica. "Insisto sul fatto che rispondere o non rispondere non è una decisione politica. È una decisione patriottica, ed è stata presa dal primo giorno. Ma l'applicazione di questa decisione dipende da cosa possiamo fare militarmente e non politicamente."
 
Se la Siria riceverà gli S300 non lo comunicherà
 
Per quanto riguarda la richiesta alla Russia di fornire missili S300 alla Siria, il presidente al-Assad ha spiegato che queste dichiarazioni russi potrebbero essere parte della loro tattica politica, sottolineando che la Siria, anche se riceve l'S300 non lo dichiarerà perché si tratta di una questione militare: "L'arma è usata quando dovrebbe essere usata", ha detto.
 
I consulenti iraniani hanno avuto una presenza in Siria prima della guerra a causa della stretta cooperazione militare tra i due paesi
 
Circa la natura della presenza dell'Iran in Siria, il presidente siriano ha sottolineato che la Siria non ha regolari formazioni di combattimento iraniani, spiegando che consiglieri militari iraniani sono stati anche prima della guerra con la Siria dalla stretta relazione siro-iraniano a livello militare.
 
"Quando una formazione militare si sposta in una posizione di combattimento, il consigliere diventa un combattente. Quindi, la parola può essere utilizzata in diversi modi. Ci sono certamente consiglieri iraniani in Siria, e ci sono gruppi di volontari iraniani arrivati ??in Siria e guidati da funzionari iraniani. L'Iran ha combattuto e difeso il popolo siriano. Ha offerto il sangue. Ecco perché quando diciamo "consulenti", questo è un termine generico ", ha affermato.
 
Se c'è bisogno di basi iraniane, la Siria non esiterà a chiederle all'Iran
 
Il leader siriano ha evidenziato che non c'è nulla che impedisca l'esistenza di basi dal momentogli iraniani si trovano sul territorio da quando l'Iran è un alleato della Siria come la Russia. "Se troviamo, in collaborazione, coordinamento o dialogo con la parte iraniana, che c'è bisogno di basi militari iraniane, non esiteremo. Ma ora, il sostegno iraniano nella sua forma attuale è buono ed efficace", ha spiegato.
 
Sulla sua intenzione di visitare l'Iran allo stesso modo delle sue visite in Russia, Assad ha detto che non c'è motivo di impedire una visita del genere. "Visiterò l'Iran con grande gioia alla prima occasione. Questo è naturale, ma il problema è la logistica, né più né meno."
 
La Siria, per sostenere la causa palestinese, deve distruggere l'esercito israeliano sul suo territorio
 
Su ciò che sta accadendo in Palestina, Assad ha parlato dei problemi creati come la cosiddetta primavera araba, per distogliere l'attenzione dagli arabi degli eventi nel territorio palestinese occupato.
 
Tuttavia, i recenti sviluppi hanno dimostrato che il popolo arabo è ancora cosciente e rimane attaccato alla causa palestinese, sottolineando che la Siria non ha cambiato la sua posizione verso la Palestina, ma per sostenere la causa palestinese, in primo luogo, deve distruggere l'esercito israeliano in Siria, riguadagnare la sua stabilità, attaccare il terrorismo e ostacolare il piano israeliano avviato contro il paese arabo.
 
Assad ha reso omaggio a tutti i combattenti dell'asse della Resistenza giunti in Siria per difendere e sconfiggere il terrorismo, in quanto l'azione coraggiosa di questi eroi ha fatto la storia.
 
Ad una presunta richiesta della leadership siriana sul ritiro di Hezbollah dalla Siria, il capo di Stato siriano ha spiegato che la battaglia è lunga, c'è bisogno di queste forze militari per un lungo periodo di tempo. "Quando Hezbollah, Iran o altri crederanno che il terrorismo sia stato eliminato, ci diranno che vogliono tornare alle loro case."
 
La Siria supporta ogni tipo di resistenza sia ai terroristi che alle forze straniere invasori
 
Riguardo alla formazione delle unità tribali popolari per resistere agli invasori, il presidente al-Assad ha dichiarato che ci sono diverse forme di resistenza che sono apparse qualche anno fa. "All'inizio hanno combattuto contro l'ISIS prima che iniziassero a combattere contro gli occupanti",  sottolineando che lo stato siriano sostiene qualsiasi atto di resistenza, sia contro i terroristi che contro le forze di occupazione.
 
La Siria respinge la partecipazione delle parti coinvolte nello spargimento di sangue siriano nel processo di ricostruzione
 
E riguardo al processo di ricostruzione della Siria e se alcuni paesi coinvolti nella guerra contro di essa possano contribuire a questo processo, Assad ha ribadito che questi paesi non possono essere affatto parte della ricostruzione del paese, osservando che la ricostruzione della Siria avverrà solo attraverso il suo popolo e i suoi alleati.
 
Fonte: Al Alam
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa