/ Assange ha rivoluzionato il giornalismo e l'élite non lo perdoner...

Assange ha rivoluzionato il giornalismo e l'élite non lo perdonerà mai

 

"Privato dell'asilo dall'Ecuador e ricercato dalla Svezia e dagli Stati Uniti per presunti crimini, il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange è uno degli uomini più braccati del pianeta, il prezzo che deriva dalla devozione alla verità in un'epoca di inganno", secondo lo scrittore statunitense Robert Bridge.


Segue l'analisi di  Robert Bridge, scrittore e giornalista americano. Ex redattore capo di The Moscow News, è autore del libro "Midnight in the American Empire", pubblicato nel 2013.
 

Privato dell'asilo dall'Ecuador e ricercato dalla Svezia e dagli Stati Uniti per presunti crimini, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è uno degli uomini più braccati del pianeta, il prezzo che deriva dalla devozione alla verità in un'epoca di inganno.

 
Quando si considera il vero scopo di un giornalista, sintetizzato dalla defunta reporter americana Helen Thomas, "cercare la verità e esercitare una pressione costante sui nostri leader fino a ottenere risposte ", diventa più comprensibile quanto sia inestimabile il lavoro di Julian Assange. 

 
Spiega anche perché alcune persone lo considerano una profonda minaccia.
 

In questi cinici tempi in cui molti giornalisti si accontentano di fungere da portavoce per i potentati, l'australiano senza pretese era impegnato a pestare i piedi della superpotenza americana per le questioni relative ai crimini di guerra, alla tortura e alla corruzione ad alto livello.
 

Questa implacabile ricerca della verità a prescindere dai rischi personali in gioco, spiega molto bene perché il 47enne giornalista e programmatore di computer sia oggi oggetto di tanta rabbia e accuse sponsorizzate dallo stato.
 

 
In effetti, la pura e semplice malvagità dell'ambasciata ecuadoriana che revoca il suo asilo umanitario, consentendo in tal modo alle autorità britanniche di arrestare Assange, sarà ricordata come uno dei giorni più bui negli annali del giornalismo. E la situazione promette solo di peggiorare. Il destino del co-fondatore di WikiLeaks è in bilico, con i funzionari britannici in dubbio per decidere se estradarlo o meno negli Stati Uniti. Una volta lì, potrebbe affrontare la pena capitale.
 

Nel frattempo, la Svezia ha riaperto una causa contro Assange su un'accusa di stupro del 2010, un caso in cui l'ordinamento giuridico britannico è stato accusato di interferire in modo palese.
 

Ciò che questo dimostra è che le potenze occidentali sono decise a insegnare una dura lezione a chiunque voglia prendere in considerazione la pratica di un buon giornalismo vecchio stile, per non parlare dell'etica, che è esattamente ciò che Assange e WikiLeaks hanno fatto. Ma l'eroismo e il coraggio non sono magicamente iniziati e finiscono con Julian Assange. In realtà, i veri eroi di questa tragedia che si sta svolgendo sono i molti informatori - Chelsea Manning, Edward Snowden e William Binney, solo per citarne alcuni - che hanno rischiato molto rischiando trasformando milioni di documenti classificati nel tentativo di provare qualche violazione della legge si era verificato o si stava ancora verificando.
 

 
A titolo di risarcimento per il loro sacrificio personale, che quasi sempre si risolve in pene pesanti in carcere, l'unica richiesta dei whistleblowers è stata che i media rivelassero le informazioni in modo che la società civile potesse rispondere di conseguenza. Ma i media mainstream sembrano aver perso la voglia di confrontarsi con l'establishment. In effetti, come potrebbe non farlo quando l'establishment stesso possiede il blocco dei media? E se possiedono i media, allora è ovvio che possiedono anche i reporter, che non hanno quasi nulla in comune con persone come Julian Assange.
 

Oggi c'è un tipo molto particolare di giornalista con i quali i media mainstream preferiscono fare affari; persone che hanno un ampio punto debole nei loro cuori e cervelli per il sangue e la violenza immotivata. Prendiamo ad esempio Brian Williams della MSNBC, che ha definito il lancio di un missile del 2017 contro la Siria da una nave della Marina statunitense 'bellissimo'. "L'ospite della CNN Fareed Zakaria, commentando lo stesso attacco missilistico, ha dichiarato:" Credo che Donald Trump sia diventato presidente degli Stati Uniti ieri sera." L'apertura dell'aggressione militare contro uno stato sovrano è ciò che serve per ottenere l'approvazione dai mercanti della morte dei media in questi giorni?
 

 
In effetti, i media si sono posti lontano da quel momento d'oro del 13 giugno 1971, quando il New York Times ha pubblicato il Pentagon Papers di 47 volumi, i documenti segreti più importanti che hanno rivelato il processo decisionale sulla guerra del Vietnam, perché, nelle parole dell'editore del Times, Arthur Ochs Sulzberger,  il popolo aveva il diritto di sapere". 
 

Ora paragoniamo quell'appello sul giudizio etico al modo in cui Julian Assange, un giornalista con molti riconoscimenti alla sua cintura, viene maltrattato oggi dalla stessa pubblicazione in cui lo collega senza alcuna prova al cosiddetto scandalo "Russiagate", senza dubbio il più fantastica teoria del complotto per afferrare l'immaginazione pubblica dalla guerra in Iraq.
Il Regno Unito ha contribuito a spalmare e silenziare Assange, interrompendo la sua connessione internet all'ambasciata ecuadoriana dopo aver twittato che la Gran Bretagna era impegnata in una "guerra di propaganda" contro la Russia. 
 

Personalmente, credo che quello che sta succedendo nei confronti di Julian Assange e WikiLeaks sia solo l'ultimo capitolo dei media mainstream "legacy" che tentano di riaffermare il potere e l'influenza che sta perdendo da molti anni. In effetti, la fondazione di WikiLeaks nel 2006 potrebbe essere vista come uno spartiacque nella storia dei media moderni, l'anno in cui Assange ha contribuito a rivoluzionare il lavoro dei giornalisti di tutto il mondo nei loro sforzi per coinvolgere funzionari pubblici responsabili delle loro azioni.
 

Tuttavia, è importante ricordare che la nascita di WikiLeaks non si è verificata nel vuoto. Nello stesso periodo, le piattaforme di social media come Facebook hanno cominciato ad apparire sulla scena come generatori all'avanguardia di notizie, opinioni e informazioni, così come fonti di notizie internazionali alternative, che forniscono ai consumatori di notizie ulteriori fonti di informazioni vitali.
 

Sebbene la logica e il buon senso ci dicano che più informazioni sono naturalmente un vantaggio, in quanto consente alle persone di prendere decisioni con più notizie, non tutti sono entusiasti del nuovo panorama dei media, come può testimoniare il deprecabile caso di Julian Assange.
 

Oggi, per qualsiasi individuo idealista e aperto di mente che spera di fornire uno spazio informativo più informato e meno concentrato, essi sono visti come i nemici di una strisciante tecnocrazia che mira a riportare tutte le notizie e le informazioni sotto il loro dominio. Per i mostri dell'universo dei media, non vedono altre opzioni ma un maggiore controllo poiché è l'unica realtà che abbiano mai conosciuto. E con la tecnologia disponibile ora a loro disposizione, compresa la manipolazione degli algoritmi per controllare ciò che il pubblico è in grado di vedere, il lavoro giornalistico di persone come Julian Assange è più critico che mai. Niente di meno che la verità è in gioco.
 
Fonte: Rt
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa