Attacco con fucile d'assalto contro l'Ambasciata di Cuba a Washington

Attacco con fucile d'assalto contro l'Ambasciata di Cuba a Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Grave atto terroristico a Washington contro la sede diplomatica della Repubblica di Cuba negli Stati Uniti. Nelle prime ore del 30 aprile un individuo non identificato ha esploso alcuni colpi di arma da fuoco contro l'edificio dell'ambasciata cubana negli Stati Uniti. A riferirlo è il ministero degli Esteri cubano in un comunicato stampa sul suo sito web.

 

“Non ci sono stati danni al personale della missione, che è al sicuro e protetto, ma c'è stato un danno materiale all'edificio derivante dall'impatto degli spari”, informano dal ministero degli Esteri de L’Avana.

 

L'individuo, la cui identità il governo cubano non ha informazioni, è stato detenuto dalle autorità locali sulla scena ed è sotto custodia.

 

La missione diplomatica cubana, situata nella città di Washington DC, ha un sistema di protezione e sicurezza per far fronte a qualsiasi minaccia contro il personale e le strutture, rileva Cubadebate

 

Il governo cubano attende le corrispondenti indagini da parte delle autorità statunitensi sull'identità e le motivazioni dell'autore di questa aggressione, nonché sulle circostanze che circondano l'atto. Il Dipartimento di Stato è a conoscenza dell'accaduto.

 

Ogni Stato ha l’obbligo di adottare tutte le misure appropriate per proteggere i locali di una missione diplomatica accreditata nel loro paese da qualsiasi intrusione o danno e per evitare che la tranquillità della missione sia disturbata o che la sua dignità sia violata.

 

Come ricorda il ministro degli Esteri della Repubblica di Cuba, Bruno Rodríguez Parrilla, attraverso il proprio account Twitter. 

 

L’accaduto secondo le fonti di stampa locali

 

“L’attacco è avvenuto intorno alle 2:10 all’esterno dell'ambasciata, sulla 16th Street NW vicino Fuller Street NW, prima che la polizia nell'area arrivasse sul posto e in pochi minuti arrestasse il sospetto, che le autorità hanno rifiutato di identificare", afferma il Washington Post.

 

Il tenente della polizia di Washington DC, Brian Hollan, ha detto ai giornalisti che nessuno è rimasto ferito nella sparatoria, ma stanno ancora indagando sulla misura in cui l'ambasciata cubana è stata danneggiata.

 

Diversi residenti nell'area, usando l'applicazione del quartiere Nextdoor, hanno riferito di essersi svegliati al sentire una raffica di colpi e urla.

 

Il tenente del dipartimento di polizia di Washington DC ha spiegato che le indagini sono ora guidate dai servizi segreti statunitensi.

 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti