Attacco del bombardiere Su-24 al cacciatorpediniere NATO. La Russia rivela nuovi dettagli

Attacco del bombardiere Su-24 al cacciatorpediniere NATO. La Russia rivela nuovi dettagli

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La difesa russa rivela maggiori dettagli sull'incidente con il cacciatorpediniere britannico nel Mar Nero e svela di aver sganciato bombe vicino alla nave.

Il 23 giugno scorso, un cacciatorpediniere britannico HMS Defender della NATO, armato di missili da crociera, è entrato per tre chilometri nelle acque russe vicino alla Crimea.

In risposta alla suddetta provocazione, un bombardiere delle forze aerospaziali russe ha sganciato due bombe aeree vicino al cacciatorpediniere. 

La nave britannica ha lasciato l'area dopo un colpo di avvertimento.

A tal proposito, il viceministro della Difesa russo Andrei Kartapolov, in un'intervista rilasciata ieri al settimanale locale Argumenty i Fakty , ha rivelato maggiori dettagli sull'accaduto.

"Il nostro Su-24M ha effettuato un bombardamento precauzionale con bombe da 250 kg lungo il percorso del cacciatorpediniere a una distanza di meno di un chilometro dalla nave", ha dichiarato Kartapolov.

Il funzionario russo ha aggiunto che le azioni dell'esercito russo sono state così energiche che all'equipaggio britannico è stato ordinato di indossare uniformi speciali per proteggersi da incendi ed esplosioni.

Tuttavia, Kartapolov ha rivelato che il suddetto attacco di avvertimento non ha danneggiato il cacciatorpediniere della NATO.

Ha inoltre sottolineato che tutte le azioni della flotta russa sono state completamente svolte sotto la supervisione del ministro della Difesa e sono state completamente controllate attraverso il Centro nazionale per la gestione della difesa.

La Russia ha ripetutamente avvertito di "atti provocatori" da parte dei paesi della NATO vicino ai suoi confini e ha chiarito che darà una risposta energica a tali azioni da parte dell'Occidente.

Le tensioni tra la Russia e i paesi occidentali sono aumentate dopo che la Crimea è entrata nella Federazione Russa nel 2014. Da allora, Washington e i suoi alleati della NATO hanno aumentato la loro presenza militare nei paesi confinanti con la Russia, con il pretesto di quella che la chiamano "la minaccia russa".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi