'Attacco di rappresaglia': Gli Stati Uniti bombardano tre radar nello Yemen

'Attacco di rappresaglia': Gli Stati Uniti bombardano tre radar nello Yemen

L'esercito degli Stati Uniti ha lanciato "attacchi limitati autodifesa" contro le tre siti radar nello Yemen, come rappresaglia per quelli contro il suo distruttore.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha comunicato, questa mattina, che "tre siti radar 'situati nella zona controllata dagli hutíes (membri del movimento popolare yemenita Ansarullah) sono stati distrutti dopo i loro recenti attacchi.
 
"Questi attacchi limitati, di natura difensiva, sono stati effettuati per proteggere la nostra gente, le nostre navi e la nostra libertà di navigazione in questa rotta cruciale", ha riferito il portavoce del Pentagono Peter Cook, nelle dichiarazioni riportate dalla Reuters.
 
Allo stesso tempo, ha avvertito che in futuro ci saranno risposte ad eventuali minacce alle sue navi da guerra e da trasporto commerciale marittimo. Questo attacco avviene dopo due falliti attacchi yemeniti contro il cacciatorpediniere nordamericano USS Mason, tra lunedì e mercoledì scorso che stava violando l'accesso alle acque territoriali yemenite.
 
In precedenza, Cook aveva già avvertito che gli Stati Uniti avrebbero risposto a queste "minacce" al momento opportuno e appropriato.
 
Pertanto, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha autorizzato gli attacchi contro i radar nello  Yemen. I missili da crociera Tomahawk, lanciati dal cacciatorpediniere USS Nitze, hanno preso di mira tre siti costieri del Mar Rosso insieme, nello stretto strategico di Bab el-Mandeb nello Yemen, ha riferito l'agenzia di stampa NPR, che cita un funzionario locale a condizione di anonimato.
 
"Questi radar sono stati attivi durante gli attacchi precedenti sulle navi nel Mar Rosso, tra cui quelli della scorsa settimana contro la nave battente bandiera degli Stati Uniti "Swift-2" e USS Mason ", ha aggiunto il funzionario.
 

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti