Attacco missilistico delle tribù arabe contro milizie filo Usa nel Nord est della Siria

Attacco missilistico delle tribù arabe contro milizie filo Usa nel Nord est della Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un quartier generale dei gruppi armati fedeli all'esercito americano vicino al giacimento petrolifero (Al-Omar) nella Siria orientale è stato oggetto di un attacco missilistico ieri sera. Al momento non è stato possibile determinare le conseguenze dell'attacco a causa del cordone di sicurezza nella zona.

Il giornalista di Sputnik in lingua araba a Deir Ezzor ha affermato che uomini armati sconosciuti ritenuti membri delle tribù arabe hanno preso di mira, con granate a propulsione a razzo, una ddei quartier generali delle milizie 'Forze democratiche siriane, FDS, fedeli alle forze di occupazione americane nella cittadina di Al-Shuhail, una delle sedi che circonda il giacimento petrolifero (Al-Omar), che viene utilizzato dalle forze Usa come base militare illegale.

Secondo fonti civili, che hanno parlato con il corrispondente di Sputnik a Deir Ezzor, dopo l'attacco si sono levati in volo gli aerei delle forze armate delll'occupazione americana, per monitorare eventuali movimenti degli autori dell'attacco.

Questo attacco è stato effettuato, mentre le forze di occupazione americane hanno continuato a a consolidare le loro basi militari nella campagna orientale di Deir Ezzor.

Fonti locali hanno riferito a Sputnik l'arrivo di rinforzi militari provenienti dal territorio iracheno verso la base (Conoco Gas), in concomitanza con il volo di elicotteri appartenenti alle forze di occupazione americani nella regione.

Nell'area, le FDS stanno continuando le loro pratiche ostili nei confronti dei membri delle tribù arabe nelle campagne orientali di Deir Ezzor, come il rapimento di civili da arruolare nelle loro milizie e il continuo furto di petrolio, gas e grano in collaborazione con l'occupante Usa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti