Bill Gates compra il più prestigioso Hotel di Venezia

Bill Gates compra il più prestigioso Hotel di Venezia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

#Andratuttobene... Non avevano specificato bene per chi però. Nell'azione di sciacallaggio dei tesori italiani sotto attacco da due anni di Covid entra di prepotenza anche il magnate Usa Bill Gates compra il mitico Hotel Danieli, il più antico e prestigioso hotel extralusso della laguna veneziana.

Il gruppo "Four Seasons" dell'imprenditore miliardario ha rilevato anche il San Domenico di Taormina e vuole investire ancora in Italia.

Bill Gates fa spese in Italia e si aggiudica il Danieli di Venezia dopo aver acquisito in passato il San Domenico di Taormina,  proprietà della società "Four Seasons", che fa capo appunto all'imprenditore miliardario fondatore di Microfoft. In realtà, - si legge sul Corriere della Sera - è in generale sull’Italia che punta Four Season che ha messo l’insegna sul San Domenico di Taormina e riaperto, dopo il completo rinnovamento, il Four Seasons di Milano, entrambi di proprietà del gruppo Statuto.

Il marchio indipendente di hôtellerie - prosegue il Corriere - ha già preparato il masterplan del nuovo Danieli affidando al designer Pierre Yves Rochon la ristrutturazione dell’immobile che arriverà ad avere 200 camere e sarà pronto nel 2024. Il fondo americano King Street ha messo in piedi il finanziamento e fornito i capitali per i lavori di ristrutturazione, stimati in circa 30 milioni di euro. Il Danieli è il più antico hotel di Venezia, in attività ininterrotta da 200 anni.

A Roma le prenotazioni negli alberghi romani, durante le festività di Natale e Capodanno, sono state il 50% in meno rispetto al dicembre 2019 a causa del perdurare della pandemia e degli ultimi provvedimenti presi dal governo.

Diversi alberghi hanno addirittura chiuso durante le feste dopo le disdette.

Il presidente di Federalberghi di Roma Giuseppe Roscioli fa presente che nella Capitale risultavano chiusi già prima dell'ultima ondata "350 hotel su 1250". (ANSA).
E licenziano con email collettive.
Tra le chiusure eccellenti degli hotel italiani c’è quella dell’Hotel Majestic, uno dei prestigiosi 5 stelle di Roma posizionato nella storica via Veneto. Come si legge sul sito langenziadiviaggi.it, «con una email certificata indirizzata ai dipendenti la società proprietaria ha comunicato infatti il licenziamento collettivo».

«La E.G.A. Esercizio Grandi alberghi srl – si legge – in data 3 gennaio 2022, motiva la decisione con la gravissima situazione finanziaria che si è venuta a creare dopo due anni consecutivi di pandemia: nel 2020 la proprietà ha registrato un calo di fatturato del 90,4%

Le multinazionali, insomma, ringraziano il governo dei "migliori".

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti