Caccia Su-35E e sistemi S-400 'regalo di Capodanno' della Russia all'Iran tra le crescenti minacce di Israele?

Caccia Su-35E e sistemi S-400 'regalo di Capodanno' della Russia all'Iran tra le crescenti minacce di Israele?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

Il Medio Oriente, un mercato chiave per i caccia da combattimento avanzati, potrebbe presto avere un nuovo giocatore se le notizie sull'Iran che pianifica l'acquisto del caccia Su-35E russo "Super Flanker" trovano conferma. 

Nonostante il fatto che l'Indo-Pacifico stia diventando un importante punto di scontro tra Stati Uniti e Cina, il Medio Oriente mantiene la sua importanza strategica nel mercato globale delle armi.

La Russia ha esportato le sue armi in questa regione negli ultimi anni, cercando di capitalizzare le divergenze tra l'amministrazione Biden e i paesi del Golfo.

La Russia, come ricorda The EurAsian Times, ha di recente ha preso la ribalta dell’Air Show di Dubai con il nuovo caccia stealth Su-75 Checkmate. Un velivolo di quinta generazione che presenta caratteristiche che si adattano alle esigenze dei paesi del Golfo. Paesi come Algeria e Turchia hanno inoltre espresso interesse per per il jet da combattimento Su-35. 

L'Iran e la Russia potrebbero firmare un patto di difesa da 20 miliardi di dollari nel gennaio 2022. In questo accordo dovrebbe essere previsto un contratto di vendita per l’acquisto di caccia Sukhoi Su-35SE di 4,5 generazione. 

Mosca potrebbe fornire a Teheran 24 jet da combattimento Su-35SE, due sistemi missilistici di difesa aerea S-400 aggiornati e un satellite militare secondo i termini dell'accordo, secondo alcune informazioni trapelate. 

I caccia Su-35SE erano originariamente destinati all'Egitto, ma gli Stati Uniti hanno minacciato sanzioni contro l'Egitto secondo il Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA). Così quasi 15 Su-35SE pronti a volare potrebbero essere consegnati all'Iran.

Per il momento, un certo numero di Su-35SE destinati all'Egitto sono stazionati a Komsomolsk-on-Amur, nell'Estremo Oriente russo. Questo ha scatenato il sospetto che la Russia li venderà invece all'Iran o all'Algeria. Se l'accordo va in porto, sarà un mal di testa per gli Stati Uniti e gli alleati, poiché sono consapevoli delle capacità di un velivolo da combattimento quale l’Su-35.

A ottobre, la Russia ha riferito di aver schierato quattro Su-35 in Siria con l'obiettivo di aiutare l'amministrazione di Assad a riconquistare ulteriori territori dalle forze ribelli. 

L’Iran ha bisogno di ammodernare una flotta che presenta i segni del tempo poiché la maggior parte dei suoi aerei sono F-14A, F-4 e F-5 prodotti negli Stati Uniti e consegnati durante l’epoca dello Shah negli anni '60 e '70.

Da allora l'Iran ha acquistato dei MiG-29A dalla Russia e alcuni Dassault Mirage F-1 dell'aeronautica militare irachena, consegnati al paese dopo la guerra del Golfo Persico del 1991.

Il 28 dicembre, jet israeliani hanno preso di mira il porto siriano di Latakia, colpendo i depositi di armi e munizioni gestiti dall'Iran. L'acquisizione dell'avanzato Su-35 fornirà all'Iran una spinta enorme e servirà da forte deterrente contro i possibili attacchi aerei israeliani in futuro.

Se l'accordo di difesa sarà completato a gennaio, l'addestramento inizierà poco dopo, e tutti gli Su-35SE saranno consegnati entro la metà del 2022. Tuttavia, Israele ha la possibilità di procurarsi l'F-15EX per contrastare i caccia di produzione russa. 

Notizie di stampa affermano che l’Iran possa acquisire dalla Russia i sistemi antiaerei S-400. Nonostante le obiezioni degli Stati Uniti, l'ambasciatore russo in Iran, Levan Jagarian, ha affermato a un'agenzia di stampa iraniana che il suo paese potrebbe fornire sistemi di difesa aerea S-400 all'Iran. Jagarian ha dichiarato: "Non abbiamo paura delle minacce statunitensi e rispetteremo i nostri impegni". 

L'esistenza di più S-400 nelle vicinanze, se acquistati, rappresenta una minaccia sostanziale per i velivoli israeliani e le attività statunitensi. 

I media russi hanno spesso affermato che le varianti più moderne di S-400 possono abbattere i jet stealth di quinta generazione e i bombardieri B-2, poiché utilizzano una nuova generazione di processori digitali, reti di computer e rilevamento di frequenze radar. 

Inoltre, la superiorità aerea di Israele in Siria, dove ha effettuato centinaia di attacchi contro obiettivi legati all'Iran ed ai libanesi di Hezbollah, sarà indebolita dal dispiegamento del sistema, che è abbastanza sofisticato da tracciare la maggior percentuale dello spazio aereo israeliano.

La Russia sta cercando di consolidare la sua autorità nella regione e di causare problemi a Israele e all'Arabia Saudita.  Se l'accordo Super Flanker con l'Iran si concretizzasse, complicherebbe ulteriormente la geopolitica mediorientale, creando un grosso grattacapo agli Stati Uniti. 

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra