"Camilla era sana". Chi ha messo in giro notizie false deve pagare

"Camilla era sana". Chi ha messo in giro notizie false deve pagare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I genitori di Camilla Canepa, morta a 18 anni dopo aver ricevuto la prima dose di AstraZeneca affidano al loro legale Angelo Paone poche parole e chiedono il rispetto del loro dolore e della loro privacy.

Camilla non aveva alcuna malattia autoimmune ereditaria, affermano i genitori che contestano la diagnosi di grave carenza piastrinica dovuta a patologia preesistente che i medici ospedalieri hanno ipotizzato per spiegare la morte della ragazza.
Sui social già da giorni si susseguono dubbi in merito, anche in relazione alla donazione degli organi.

Oggi il Tg Regionale Rai Liguria ha aperto proprio con la contestazione della famiglia di Camilla, Roberto Canepa e Barbara Spoto: il papà e la mamma, insieme alla figlia più grande, Beatrice, 23 anni.  
 

«Camilla era una ragazza sana, sportiva. Voleva vaccinarsi presto, per andare in vacanza dopo il diploma. Non ha  mai dubitato: si è fidata, così come  noi genitori. 
Astrazeneca? 
Se avessimo avuto anche solo il minimo dubbio, la più piccola delle paure, non l’avremmo mai lasciata andare all’open day. In questi giorni doveva dare l’esame di maturità. E già sognava il mare, la spiaggia, il sole. Gli amici, l’estate. Era un angelo di 18 anni, aveva tutta la vita davanti. Adesso qualcuno dovrà spiegare cosa è accaduto. E prendersi le responsabilità per questo dolore che è troppo grande, ingiusto».
Queste le brevissime dichiarazioni riportate ieri da Repubblica.

Si suppone anche che Camilla avesse effettuato una terapia ginecologica ormonale e avesse assunto due farmaci ormonali anche dopo il vaccino.
Ma anche se fosse vero e se Camilla avesse scritto sul foglio del consenso informato che aveva preso farmaci per il ciclo mestruale, secondo voi, le avrebbero negato il vaccino?

Nessun espertomane televisivo vaccinologo ha avvisato in modo chiaro e con serietà e correttezza che le giovani donne che prendono la pillola o sono in terapia ginecologica non devono assolutamente essere sottoposte a vaccino come Astrazeneca o Johnson&Johnson.
Quindi, a cosa si stanno aggrappando per uscire impuniti dall'omicidio di Camilla?
Se ci fosse stata una malattia autoimmune genetica conosciuta dalla famiglia, forse a Camilla sarebbe stato negato il vaccino?
No.
I genitori saranno ascoltati negli uffici della Procura di Genova la settimana prossima, dopo l’autopsìa in programma martedì ed è stata affidata a Luca Tajana, medico legale di Pavia.

Camilla era sana.
Non uccidetela due volte.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti