/ Candidata Presidenziali USA. "Trump fratello maggiore di al Qaeda...

Candidata Presidenziali USA. "Trump fratello maggiore di al Qaeda in Siria e ha trasformato l'America nella prostituta dei sauditi"

 

La deputata democratica degli Stati Uniti Tulsi Gabbard ha pubblicato un video dove definisce " il presidente Donald Trump "fratello maggiore di Al-Qaeda in Siria.


In un video trasmesso il lunedì scorso sul suo account Twitter, la deputata democratica statunitense e candidata alle Presidenziali 2020, Tulsi Gabbard ha mostrato la sua solidarietà con la sua collega musulmana Ilhan Omar, oggetto di continui attacchi del presidente degli Stati Uniti e dei suoi seguaci.
 
"La critica del presidente Trump a Ilhan Omar è un segno di perfetta ipocrisia", ha spiegato Gabbard.
 
Trump venerdì scorso ha pubblicato un video sul suo account Twitter e ha attaccato direttamente la deputata musulmana Ilhan Omar, decontestualizzando il suo discorso e aggiungendo la frase "mai dimenticare", ma accompagnato da immagini degli attentati dell'11 settembre, del 2001.
 
"Trump dice che non dimenticherà mai l'11 settembre, ma il Trump stesso sembra il fratello maggiore di Al-Qaeda e il suo più grande protettore in Siria", sottolinea Gabbard, e la critica di continuo sostegno fornito dagli Stati Uniti all'Arabia Saudita, "il più grande sponsor" di questa rete terroristica, rincarando la dose con l'affermazione "ha trasformato l'America nella prostituta dei sauditi".
 

 
 
Inoltre, la deputata democratica denuncia che Riad ha speso miliardi di dollari per diffondere la sua ideologia in tutto il mondo.
 
In un discorso al Consiglio sulle relazioni islamo-americane (CAIR) tenutosi lo scorso marzo, la parlamentare Omar ha parlato di come, a seguito degli attacchi dell'11 settembre, la comunità musulmana sia stata presa di mira,
 
Omar, di una famiglia originaria della Somalia, ha recentemente scatenato una tempesta di fuoco sul Campidoglio a causa delle ripetute critiche a Israele e alla potente lobby pro-Israele a Washington, inoltre, è una delle prime donne musulmane al Congresso degli Stati Uniti che sostengono apertamente il movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) contro Israele.
 
L'FBI  ha riferito all'inizio di aprile dell'arresto di un uomo dello stato di New York, accusato di aver minacciato di morte la giovane parlamentare di origini somale.
Più tardi, Trump ha affermato tacitamente che tali minacce sono dovute al fatto che "non piace a Israele".
 
In effetti, Omar, in un comunicato pubblicato domenica scorsa, ha riferito che "Dal momento che i tweet del pomeriggio di venerdì del presidente hanno aumentato le minacce dirette alla mia vita, molti di queste erano riferite al video del presidente o erano in risposta allo stesso".
 
Fonte: Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa