Chi è Dina Boluarte, la prima donna ad assumere la presidenza del Perù?

Chi è Dina Boluarte, la prima donna ad assumere la presidenza del Perù?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dina Boluarte è diventata nella giornata di mercoledì il nuovo presidente del Perù, la prima donna a ricoprire la carica, dopo che il Congresso ha rimosso Pedro Castillo dall'incarico in seguito alla crisi politica innescata dal terzo tentativo di impeachment del presidente in carica da parte del Congresso. 

"Come tutti sanno, c'è stato un tentativo di colpo di Stato, un'impronta promossa da Pedro Castillo, che non ha trovato eco nelle istituzioni della democrazia e nelle piazze”, ha affermato Boluarte - vicepresidente del Paese dal luglio 2021 - parlando al Congresso durante il suo giuramento.

Boluarte è stata ministro dell'Inclusione sociale dall'insediamento di Castillo fino al mese scorso e, a differenza della maggior parte dei funzionari del suo governo, non è stata coinvolta in scandali e non ha sollevato sospetti di corruzione.

Tuttavia, l'opposizione parlamentare l'ha messa nel mirino e ha cercato di rimuoverla dal suo incarico per aver continuato a figurare come presidente di un club privato, nonostante la legge lo renda incompatibile con la carica di ministro.

Tuttavia, questa settimana il Congresso ha archiviato il caso sulla base dell'assenza di incompatibilità e, per inciso, ha archiviato un'altra denuncia presentata contro di lei per presunto nepotismo (trattamento preferenziale da parte di una carica pubblica a parenti o amici).

Nel suo discorso, l'avvocatessa sessantenne ha chiesto una tregua politica per installare un governo di unità nazionale. 

Poco dopo il giuramento, Boluarte è entrata nel Palazzo del Governo, da dove Castillo, che nel pomeriggio si trovava presso la Prefettura di Lima, era uscito all'inizio della giornata.

Castillo è stato arrestato con l’accusa di “ribellione" e "rottura dell'ordine costituzionale" in un'operazione guidata da Patricia Benavides, ha dichiarato la Procura.

"La coordinatrice della squadra speciale dei procuratori anticorruzione, Marita Barreto, ha confermato allo stesso tempo che Castillo è stato arrestato in flagranza di reato.

Secondo i media, Castillo è stato accompagnato e consigliato legalmente da Aníbal Torres, suo capo di gabinetto fino a poco tempo fa.

Il Congresso del Perù, dominato dalla destra e dall'estrema destra, in contrasto con il presidente di sinistra fin dal suo insediamento, mercoledì ha anticipato di qualche ora la seduta in cui era prevista la trattazione della terza mozione di vacanza (impeachment) contro Castillo da quando è entrato in carica, per "incapacità morale permanente" derivata da presunti atti di corruzione, una figura costituzionale che ha già portato alla rimozione di due presidenti dal 2018.

Per rimuovere un presidente, la Costituzione peruviana richiede 87 voti, un numero che l'opposizione non aveva in linea di principio, ma la decisione di Castillo di sciogliere l'organo ha cambiato radicalmente il panorama e la rimozione del presidente dalla carica ha infine raccolto 101 voti.

La decisione di Castillo di sciogliere il Congresso e decretare lo stato di emergenza è stata considerata un "colpo di Stato" dai deputati di vari schieramenti, che hanno tracciato un parallelo con l'auto-golpe messo in atto dall'ex presidente Alberto Fujimori nel 1992.

Carriera in ascesa 

Boluarte è avvocato presso l'Universidad Particular San Martín de Porres, dove ha conseguito un master in Diritto Notarile e Registro. Nel 2015 è stata nominata responsabile dell'Ufficio anagrafe del Registro nazionale di identificazione e stato civile (RENIEC) nel distretto di Lima di Surco. Successivamente, è diventata prima vicepresidente dei Club Dipartimentali del Perù. 

Il suo avvicinamento a Perú Libre è iniziato nel 2018, quando il partito l'ha scelta come candidata a sindaco di Surquillo. Boluarte ha partecipato alle elezioni parlamentari straordinarie del 2020, indette dall'allora presidente Martín Vizcarra dopo aver sciolto il Congresso. Tuttavia, l'avvocato non ottenne il seggio.

Nel 2021, Perú Libre ha candidato Castillo alla presidenza e Boluarte alla vicepresidenza.

Una volta al potere, il 29 luglio l'avvocato ha assunto la carica di Ministro dello Sviluppo e dell'Inclusione Sociale, carica che ha mantenuto fino al 25 novembre, quando si è fatta da parte dopo che Betssy Chávez ha assunto la guida del Consiglio dei Ministri.

Nei mesi scorsi, Boluarte ha respinto un tentativo di censura da parte del Congresso per aver continuato a ricoprire il ruolo di capo del consiglio di amministrazione del Club dipartimentale di Apurímac, quando era già un funzionario pubblico. 

Non si sa ancora quale direzione prenderà la presidenza di Boluarte. L'avvocato, che ha ammesso di non aver mai abbracciato "l'ideologia" di Perú Libre, cosa che le sarebbe costata l'espulsione dal partito di sinistra. "Quello che abbiamo detto è che vogliamo un sistema sanitario universale, vogliamo rendere l'istruzione più vicina alla realtà peruviana", ha affermato in un’intervista. 

La scelta della sua squadra di governo ci darà le prime indicazioni.  

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti