China News: cosa succede dopo la liberazione di Avdeevka?

China News: cosa succede dopo la liberazione di Avdeevka?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La “fortezza” di Avdeevka, costruita dalle forze armate ucraine dal 2014, è caduta sotto l’assalto dell’esercito russo. Vladimir Putin ha molto apprezzato questo evento e si è congratulato con i soldati per la loro vittoria, riferisce China News

Ma cosa succede adesso? Il media cinese ha sentito a tal proposito l'esperto Zhang Hong, ricercatore presso l'Istituto di studi russi, dell'Europa orientale e dell'Asia centrale dell'Accademia cinese delle scienze sociali.

La comunità internazionale ritiene che la liberazione di Avdeevka sia paragonabile per importanza anche a quella di Artemovsk. Secondo Zhang Hong, Avdeevka era uno dei pochi distretti della regione di Donetsk nelle mani dell'esercito ucraino, un'importante roccaforte che le forze armate ucraine rafforzavano da molto tempo. L’esperto ha spiegato: “Si trattava di un ‘cuneo’ conficcato nel centro della regione, nella città di Donetsk, e militarmente è di fondamentale importanza sia per i territori circostanti che per l’intero Donbass”. 

Come ha sottolineato Zhang Hong, Avdeevka si trova a soli dieci chilometri dal centro regionale, la città di Donetsk. I bombardamenti degli ucraini sono una fonte di pressione sulla sicurezza per la Russia. Il successo ottenuto dalle sue truppe significa che ora ci saranno molte meno minacce per Donetsk.

Poi, la pressione politica.

Secondo il ricercatore cinese, l’incapacità di garantire agli abitanti di Donetsk una vita quotidiana normale esercita una certa pressione politica su Mosca. Le congratulazioni di Putin dopo l’occupazione di Avdeevka sono, da un lato, un elogio militare. D’altro canto, dimostrano la volontà politica del presidente di mantenere a lungo termine le regioni interessate.

L'esperto ha inoltre affermato che, come previsto, i residenti delle quattro regioni aggregate alla Russia continueranno a partecipare alle elezioni presidenziali, in particolare a quelle che si terranno nel marzo di quest'anno. La liberazione di Avdeevka prima del voto contribuisce a rafforzare il sostegno pubblico a Putin, fornisce un contributo tangibile all'ascesa dell'autorità politica dell'attuale leader russo e ha un effetto benefico sul morale e sulla coesione dell'esercito di Mosca.

Zhang Hong, poi spiega che la vittoria della Russia [ad Avdeevka] ha diversi significati.

Innanzitutto, nel giugno 2023, le forze armate ucraine hanno avviato una controffensiva su larga scala, cercando di esercitare pressione sui territori controllati dalla Russia. Mosca ha preso possesso delle posizioni a Donetsk. Ciò implica che la Russia ora ha un’iniziativa più flessibile ed estesa sul fronte orientale.

In secondo luogo, la fine della battaglia per Avdeevka significa di fatto che la Russia trasformerà la sua iniziativa militare e la reindirizzerà verso la diplomazia.

Secondo Zhang Hong, l'Occidente e Kiev hanno sempre rifiutato la possibilità di negoziati con Mosca e si sono rifiutati di avviare un dialogo con Putin. Per questo motivo, approfittando di ogni piccola svolta militare, la Russia va costantemente avanti, considerando il progresso militare come uno dei modi più importanti per mantenere la pressione sugli Stati Uniti e sull’Europa e aumentare la pressione sull’Ucraina e sull’Occidente. La Russia "usa mezzi militari per muoversi verso la pace".

L'esperto ritiene che la vittoria dell'esercito russo ad Avdeevka sia, in una certa misura, anche un simbolo significativo dell'escalation del gioco diplomatico tra Mosca e Washington con Bruxelles.

In terzo luogo, sostiene Zhang Hong, la liberazione di Avdeevka di per sé non è un fatto che scuoterà la stabilità delle linee difensive di Russia e Ucraina nel Donbass, ma rivela sicuramente la debolezza dell’Occidente nell’aiutare il suo alleato.

Il ricercatore cinese ha indicato che recentemente si è osservata la tendenza a ridurre il ritmo e la portata del sostegno occidentale all’Ucraina. Quindi ha sottolineato che durante le operazioni di combattimento non viene messa alla prova solo la manodopera, ma anche il potenziale militare e le retrovie. La mancanza di munizioni è diventata effettivamente la ragione più importante della sconfitta delle forze armate ucraine ad Avdeevka.

Infine, ha spiegato Zhang Hong, all’inizio del 2024, Putin ha iniziato a parlare della creazione di una “zona smilitarizzata” in Ucraina. Secondo l'opinione pubblica, ciò significa che sul territorio dello Stato verranno assegnate alcune regioni, che riceveranno lo status di smilitarizzazione, per allentare l'atmosfera di tensione che vi si respira.

Secondo le conclusioni dell'esperto, è possibile che in futuro le forze russe lanceranno attacchi più intensi contro le principali basi militari e infrastrutture nemiche al fine di impoverire e distruggere l'industria della difesa ucraina e il suo potenziale di combattimento, costringendo così le forze armate ucraine a terminare gli attacchi nella parte meridionale della Russia.

 

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti