/ Circa il 25% degli statunitensi si indebita cercando di pagare be...

Circa il 25% degli statunitensi si indebita cercando di pagare beni di prima necessità come il cibo

 
 

Mala tempora currunt per i cittadini statunitensi. Secondo un un nuovo rapporto di Experian in uscita questa settimana sarebbero indebitati in media per 6.506 dollari. 

 

Andiamo adesso a vedere quali sono le voci che concorrono maggiormente alla composizione di questo debito. 

 

Il 23% degli statunitensi afferma che il pagamento di beni di prima necessità come affitto, servizi pubblici e cibo contribuisce maggiormente al debito della carta di credito, secondo una nuova indagine di circa 2.200 adulti statunitensi che CNBC Make It ha realizzato in collaborazione con Morning Consult. Un altro 12% afferma che le spese mediche rappresentano la parte più consistente del loro debito.

 

I costi per la vita di tutti i giorni continuano inesorabilmente a salire. La vita della classe media è ora il 30% più costosa di quanto non fosse 20 anni fa.

Il costo di cose come college, alloggio e assistenza all'infanzia è aumentato vertiginosamente. I costi delle rette nelle università pubbliche sono raddoppiate tra il 1996 e il 2016 e i prezzi delle case nelle città popolari sono quadruplicati, dice Alissa Quart, autore e direttore esecutivo dell’Economic Hardship Reporting Project. 

 

La maggioranza dei cittadini statunitensi ha meno di 1000 euro di risparmi e oltre il 70% degli adulti statunitensi dichiara che si troverebbe in una situazione difficile se il loro stipendio fosse ritardato di una settimana, secondo un'indagine condotta su oltre 30.000 adulti dall'American Payroll Association. 

 

A questo punto il presidente Donald Trump farebbe meglio a guardare con maggiore attenzione alle questioni domestiche piuttosto che lanciarsi nella destabilizzazione di altri paesi come in Venezuela. 

Fonte: cnbc.com
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa