CNN. Informatori DEA e FBI fra gli assassini presidente Haiti

CNN. Informatori DEA e FBI fra gli assassini presidente Haiti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Diverse fonti hanno riferito ieri alla rete statunitense CNN che la Drug Enforcement Administration (DEA) degli Stati Uniti ha confermato che almeno uno degli arrestati dalle autorità haitiane in relazione all'assassinio del Presidente di Haiti Jovenel Moise , ha lavorato come "fonte riservata" per questa agenzia.

“Dopo l'assassinio del presidente Moise, il sospettato ha contattato i suoi referenti alla DEA. Un funzionario della DEA assegnato ad Haiti ha esortato il sospettato a consegnarsi alle autorità locali e, insieme a un funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha fornito informazioni al governo haitiano che ha assistito alla consegna e all'arresto del sospettato e di un altro individuo" , si legge in una nota inviata alla CNN.

La catena nordamericana ha anche indicato di essere a conoscenza dell'informazione, secondo la quale, nell'attacco a Moise, gli individui avrebbero gridato "DEA"; tuttavia, ha affermato che nessuno degli aggressori ha agito per conto della Drug Enforcement Administration.

Allo stesso tempo, le fonti hanno sostenuto che, tra i soggetti coinvolti, vi erano anche alcuni che lavoravano come informatori per il Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti.

Indagine del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti

Nel frattempo, i servizi segreti statunitensi e le forze dell'ordine hanno annunciato che stanno indagando sul motivo per cui gli haitiani-americani potrebbero aver partecipato all'assassinio.

Ieri, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha dichiarato che, su richiesta del governo di Haiti, sta assistendo nelle indagini sull'assassinio del presidente Moïse. 

"Alti funzionari statunitensi hanno condotto una valutazione iniziale ad Haiti. Il dipartimento continuerà a sostenere il governo haitiano nella revisione dei fatti e delle circostanze che circondano questo atroce attacco", ha ribadito il portavoce Anthony Coley. "Il dipartimento indagherà anche se c'è stata una violazione del diritto penale degli Stati Uniti in relazione a questa questione", ha aggiunto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti