World Affairs/Come, almeno finora, la Cina è riuscita ad evitare una seconda o...

Come, almeno finora, la Cina è riuscita ad evitare una seconda ondata di Covid-19

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Il Paese asiatico ha segnalato solo sette nuovi casi di contagio il 7 ottobre, lo stesso giorno in cui gli Usa, nazione più colpita dalla pandemia, ne hanno confermati 52.500

Mentre diversi paesi impongono nuovamente le restrizioni al coronavirus e avvertono di una seconda ondata di infezioni, la situazione in Cina, rimane sotto controllo.
 
Attualmente, in termini di casi, la nazione asiatica è al 46 ° posto nel mondo, con poco più di 90.600 positivi per una popolazione di 1,4 miliardi di persone, secondo i dati della Johns Hopkins University. 
 
Il 7 ottobre la Cina ha segnalato sette nuovi casi di contagio, mentre lo stesso giorno gli Stati Uniti, il Paese più colpito dalla pandemia, hanno segnalato oltre 52.500 contagiati. Inoltre, il numero di casi confermati di virus negli Stati Uniti  è 82 volte superiore a quello della Cina (più di 7,5 milioni rispetto a più di 90.600) e il bilancio delle vittime 44 volte superiore (più di 212.000 rispetto a più di 4.700). 
 
Il successo della Cina nella lotta alla pandemia è stato riconosciuto dall'Organizzazione mondiale della sanità.
 
A settembre, il direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell'OMS, Mike Ryan, si è congratulato con il paese per non avere un solo caso locale di COVID-19 in due settimane. La situazione si è sviluppata in modo analogo a quella di aprile, quando per la prima volta in Cina  sono stati registrati solo casi di contagio importati e il numero di morti è sceso a zero. 
 
Secondo diversi esperti, è stata l'introduzione di severe restrizioni che hanno aiutato la Cina a prevenire la diffusione del virus ed a superare con successo la pandemia. 
 
La quarantena totale nella provincia di Hubei, focolaio iniziale dell'infezione da coronavirus, è stata imposta il 23 gennaio. Pechino ha poi iniziato gradualmente a imporre restrizioni in tutto il paese e scuole, centri sportivi, bar e altri luoghi pubblici sono stati chiusi. Le autorità hanno limitato la circolazione dei cittadini e li hanno costretti a indossare mascherine. 
 
Inoltre, la Cina ha utilizzato funzioni di tracciamento nelle app di Alibaba Group e Tencent per  tenere traccia dei contatti delle persone infette. Quindi, prima di entrare nei luoghi pubblici, tutti avevano l'obbligo di mostrare il proprio codice colore (rosso, giallo o verde), che veniva aggiornato automaticamente analizzando i dati personali ottenuti dalle telecamere a circuito chiuso o dai sistemi di geolocalizzazione.
 
Di conseguenza, all'inizio di marzo la Cina è riuscita a ridurre significativamente il tasso di incidenza. Se a febbraio l'aumento giornaliero oscillava tra 2.000 e 3.500 casi, a marzo il dato era già sceso a 30 e successivamente a zero casi al giorno.
 
Tuttavia, sebbene la situazione nel paese rimanga stabile, gli esperti non escludono la probabilità di una seconda ondata. "In Cina, la gente ha chiesto se ci sarà una seconda ondata di pandemia in inverno. Ora che l'Europa sta vivendo una seconda ondata, è inevitabile che assisteremo a una seconda ondata di infezioni", ha dichiarato il direttore del dipartimento di malattie infettive dell'ospedale Huashan di Shanghai, Zhang Wenhog.
 
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa