/ Come il cartello Sinaloa è diventato transnazionale grazie alla C...

Come il cartello Sinaloa è diventato transnazionale grazie alla CIA (e perché il modello militare non cerca di sradicare il narcotraffico)

 

Il ricercatore José Luis Velasco sostiene che l'alleanza tra i servizi segreti statunitensi e il narcotraffico spiega l'attuale forza delle organizzazioni criminali in Messico


Fonte articolo

Un'alleanza forgiata tra la US Central Intelligence Agency (CIA) e i cartelli della droga, insieme ai governi messicani, tre decenni fa, fecero diventare il cartello Sinaloa un'organizzazione transnazionale con il potere di sfidare lo stato messicano, come accadduti il 17 ottobre nella città di Culiacán, dopo la cattura e il rilascio di un figlio del trafficante di droga Joaquín 'Chapo' Guzmán.

 
Ma mentre le controversie territoriali tra i cartelli hanno portato il Messico a registrare livelli record di violenza, l'accademico José Luis Velasco Cruz, professore presso l'Istituto per la ricerca sociale dell'Università nazionale autonoma del Messico (UNAM), sostiene che la vera missione che l'attuale governo ha affidato ai militari non è la fine delle organizzazioni del traffico di droga, ma la ricostruzione dello Stato messicano, dopo le devastazioni sociali lasciate dal palcoscenico neoliberista.
 
Secondo l'esperto, che dirige un progetto per cercare di capire la violenza del traffico di droga nel paese e le sue relazioni con i processi politici, la strategia di sicurezza dello Stato messicano negli ultimi decenni è stata mirata a contenere la violenza dei cartelli, invece di sradicarli. Una situazione che, in ogni caso, rimane praticamente intatta. 
 
Il patto tra la CIA e i trafficanti di droga sinaloenses
 
Per Velasco, l'origine di questa storia risale agli anni '70 , con l'intervento degli Stati Uniti. in America Latina attraverso l'Operazione Condor, un piano progettato da Henry Kissinger per sostenere le dittature di destra nella regione e porre fine alla "minaccia comunista". Questa strategia includeva il sostegno ai governi autoritari per porre fine agli oppositori, che ha generato una collaborazione sempre più stretta tra i servizi di intelligence statunitensi e le fiorenti organizzazioni di traffico di droga, che sono state utilizzate nelle operazioni clandestine di controinsurrezione.

Questa relazione tra la CIA e il narco fu ulteriormente rafforzata in Messico negli anni '80 , quando in un contesto di crisi economica e rivoluzioni sociali in America Centrale, la CIA, il cartello di Guadalajara e l'ormai estinta direzione della sicurezza federale (DFS) ) dal Messico, ha stabilito un patto che spiega la crescita e l'internazionalizzazione dei cartelli della droga messicani. 
 
Quella collaborazione tra il cartello Sinaloa, il governo messicano e gli Stati Uniti. per sostenere i Contra in Nicaragua e la destra in El Salvador e Guatemala, è stato ciò che ha dato l'enorme spinta al traffico di droga messicano
 
"A volte l'alleanza è particolarmente trascurata tra il cartello Sinaloa e l'apparato di sicurezza del Messico e degli Stati Uniti, in particolare negli anni '70 e '80. I trafficanti di droga Sinaloa si stabilirono a Guadalajara all'inizio degli anni '80 - che hanno lasciato Sinaloa dopo l'operazione Condor alla fine degli anni '70 e si sono stabiliti a Guadalajara - hanno collaborato con il DFS del Messico e la CIA nella guerra centroamericana, una storia abbastanza raccontata, ma il cui impatto sull'ulteriore sviluppo del traffico di droga in Messico dimentica ", afferma Velasco in un'intervista a RT.
 
"Quella collaborazione tra il cartello Sinaloa, il governo messicano e gli Stati Uniti per sostenere i Contras in Nicaragua e la destra in El Salvador e in Guatemala, è stato ciò che ha dato l' enorme spinta al traffico di droga messicano, permettendogli di passare da locale, binazionale, verso un vero affare transnazionale ed emisferico", afferma l'accademico.
 
In questo modo, la CIA ha collaborato con il cartello di Guadalajara, guidato da Caro Quintero, con l'obiettivo di utilizzare parte dei proventi del traffico di stupefacenti per finanziare la contro-guerriglia sandinista in Nicaragua, secondo testimonianze come quelle degli ex agenti della DEA ( l'amministrazione statunitense per il controllo della droga) Phil Jordan e Héctor Berrellez. Secondo alcune versioni, la CIA ha persino addestrato i contras nicaraguensi nel ranch di El Bufalo, di proprietà di Caro Quintero.
 
L'intervento delle agenzie statunitensi nel mercato illegale della droga è stato anche esposto dal giornalista Gary Webb, che ha documentato il modo in cui la CIA ha facilitato la vendita di crack in California per finanziare operazioni anticomuniste anche in America Centrale.
Ed è stato proprio durante questo periodo che le autorità statunitensi hanno bloccato la rotta della cocaina attraverso i Caraibi per aprire la chiave ai cartelli messicani , collusi con le agenzie statunitensi.
 
"Mentre la rotta dei Caraibi fioriva, i messicani avevano poche opportunità di partecipare a quel mercato. La rotta naturale dalla Colombia agli Stati Uniti è attraverso i Caraibi, ma quella rotta è stata sigillata e d'altra parte è stata fatta un'alleanza con i trafficanti di droga. Ciò ha dato ai messicani e in particolare ai sinaloani, con sede a Guadalajara, l'ingresso come capi nel settore della cocaina ", afferma l'accademico.
Un evento che spiegherebbe l'emergere del cartello di Sinaloa come frammentazione del cartello di Guadalajara. Non ci vorrebbe molto perché i trafficanti di droga Sinaloa diventino la principale organizzazione di traffico di droga a livello globale.
 
Espansione e guerra
 
Negli anni '90, il cartello Sinaloa avrebbe continuato la sua espansione territoriale e operativa, rafforzando al contempo la sua alleanza con alti funzionari dello Stato messicano, in un contesto sociale caratterizzato da crisi economiche.
"È stato in un contesto di crisi economica, il decennio perduto. Il traffico di droga è stato un business fiorente, un'opportunità economica per centinaia di migliaia di messicani . È ciò che ha dato forza al gruppo Sinaloa e che spiega la forza che ha ora" spiega il docente.
Pertanto, il traffico di droga è stato visto in diverse regioni del Messico come un'alternativa alla carenza economica, come nel caso della migrazione verso gli Stati Uniti. prima delle precarie condizioni di vita che hanno prevalso nel territorio messicano. Due fattori che, secondo Velasco, mitigherebbero e compenserebbero per qualche tempo le devastazioni sociali del modello neoliberista in Messico.
"Il governo del Messico lo ha visto come un'opportunità, equivalente alla migrazione verso gli Stati Uniti, come un modo per eliminare la tensione dall'economia e dalla struttura sociale", secondo Velasco.
 
Gli obiettivi pratici delle forze armate in Messico non erano di distruggere le organizzazioni del traffico di droga, ma solo di contenere la loro violenza, di punire coloro che erano molto scandalosi.
 
Ma il vero problema è arrivato quando il mercato della droga è diventato molto violento, visto il calo del consumo di cocaina negli Stati Uniti durante i primi anni del 21 ° secolo , nonché una crescente competizione tra i cartelli della droga messicani.
 
"La cocaina ha perso molto della sua redditività. I ??Sinaloani per mantenere il loro livello di affari hanno dovuto attaccare i loro storici rivali nel Golfo e la guerra tra trafficanti di droga è iniziata", afferma l'esperto.
 
L'accademico ritiene che la prima reazione del governo messicano sia stata "lasciare che si uccideano a vicenda", fino a quando la violenza non ha raggiunto livelli scandalosi in luoghi come Tamaulipas, nel 2005. Ciò ha dato spazio a quelli che il presidente Felipe Calderón vide come " un'opportunità per legittimare e accentuare quella lotta contro la criminalità organizzata ", dopo aver decretato la cosiddetta "guerra al traffico di droga" dopo essere stato accusato di aver commesso una frode elettorale nelle elezioni presidenziali del 2006.
"Ma gli obiettivi pratici delle forze armate in Messico non erano quello di distruggere le organizzazioni del traffico di droga, ma solo di contenere la loro violenza, di punire coloro che erano molto scandalosi", afferma il ricercatore.
 
Quindi, alcuni funzionari del governo di Calderón, come il generale Mario Acosta Chaparro , che ha partecipato alla guerra sporca per far sparire gli oppositori negli anni '70 ed è stato imprigionato per presunti legami con il traffico di droga, si dice che sia stato il mediatore del governo federale con i cartelli della droga, prima di essere ucciso nel 2010, in mezzo all'intrigo politico.
"Questa collaborazione tra trafficanti di droga e governi è vista come corruzione, ma in realtà fa parte della strategia dello Stato messicano ", ha dichiarato Velasco, che ritiene che questa collaborazione inconfessabile potrebbe persino spiegare casi come l'Ayotzinapa.
 
Tutto questo perché, dal loro punto di vista, la scomparsa dei 43 studenti è stato un esempio di collaborazione tra lo Stato e le organizzazioni criminali utilizzate come braccio repressivo di oppositori politici. Una tattica che è stata utilizzata dagli anni della Guerra sporca per porre fine a gruppi non conformi.
 
Pressioni per l'operazione a Culiacán
 
In questo senso, avverte che, più che un trionfo per il cartello di Sinaloa, gli eventi che si sono verificati dopo la cattura e il rilascio di Ovid Guzmán rappresentano una sconfitta per l'organizzazione criminale che nel corso della sua storia era stata caratterizzata dal non affrontare lo Stato messicana.
 
"Ecco perché il posto privilegiato del cartello Sinaloa all'interno del sistema criminale organizzato, perché sono quelli che hanno costantemente evitato di sfidare lo stato . Perché chi sfida lo stato fa molto male, come è successo a Los Zetas o ai cavalieri Templare ", precisa Velasco.
 
Velasco spiega che una caratteristica del cartello di Sinaloa era la sua capacità di corrompere funzionari e militari piuttosto che affrontarli direttamente.
"Ciò ha dato ai Sinaloani un enorme vantaggio in competizione con i loro rivali . L'attacco all'esercito è fatto dal Golfo, dagli Zeta, dal cartello di nuova generazione di Jalisco, non dai Sinaloani."
 
Tuttavia, quella posizione ha iniziato a cambiare da un agguato ai militari nel settembre 2016 , dopo la cattura di Chapo Guzmán in cui sarebbe finito per essere estradato negli Stati Uniti.
 
Pertanto, l'esperto sottolinea che sia la pressione dell'opinione pubblica sulla crisi della violenza in Messico - con almeno 25.890  omicidi illeciti  da gennaio a settembre 2019 -, sia quella degli Stati Uniti, sono stati due dei principali fattori che spiegano una serie di operazioni condotte dal governo messicano per cercare di presumere una vittoria nella lotta contro il crimine, una situazione controproducente a Culiacán ma anche nelle operazioni che hanno portato al massacro di Tepochica, Guerrero e giorni dopo nel Quartiere di Tepito, a Città del Messico.
"López Obrador ha deciso di non affrontare Donald Trump perché vuole concentrare i suoi sforzi sulla costruzione e la ristrutturazione dello Stato messicano, un progetto più ambizioso. E affinché quel progetto non vada fuori strada, López Obrador deve mantenere felici gli Stati Uniti e per mantenerli felice, dobbiamo continuare con l'approccio al crimine organizzato come preferiscono gli Stati Uniti ", secondo lo studioso.
 
La vera missione dell'esercito: ricostruire lo stato
 
Tuttavia, Velasco ritiene che anche quando le figure di violenza in Messico sono a livelli storici, il governo di López Obrador cerca di usare i militari per uno scopo più importante della lotta contro la criminalità: ricostruire lo stato messicano nell'era post-neoliberista.
"In realtà, il governo federale vuole usare le forze armate come uno dei pilastri per la ristrutturazione dello Stato messicano",.
 
Uno dei mezzi principali per ricostruire uno stato post-neoliberista è usare le forze armate.
 
Una situazione che spiega come sempre più compiti civili siano stati delegati alle forze armate messicane , come la costruzione di opere pubbliche (come il nuovo aeroporto di Felipe Angeles), piantare alberi, affrontare disastri naturali e prendersi cura della sicurezza pubblica , senza un aumento del bilancio o del numero delle sue truppe.
 
"Le forze armate nell'ovvio progetto dell'attuale amministrazione hanno una funzione più importante della lotta alla criminalità organizzata. Tale funzione è di aiutare a ripristinare nuove relazioni tra uno stato più centralizzato, più autorevole e la società", aggiunge.
 
Pertanto, afferma Velasco, l'esercito messicano è stato superato da un piccolo numero di truppe (277.000 truppe per un paese di 125 milioni di abitanti, meno delle 295.000 truppe rispetto ai 48 milioni di persone in Colombia), situazione che fu progettato in questo modo dalla fine della Rivoluzione messicana, per limitare il potere dei comandanti militari e prevenire colpi di stato militari come quelli avvenuti nel resto dell'America Latina.
 
"Sebbene il suo obiettivo non sia quello di stabilire una dittatura militare, uno dei mezzi principali per ricostruire uno stato post-neoliberista, che non significa necessariamente democratico, è usare le forze armate", afferma Velasco.
Una situazione che, al di là delle preferenze ideologiche dei militari, genera tensioni all'interno dell'esercito, secondo il ricercatore.
 
In questo modo, le relazioni di potere immerse nella recente storia del traffico di stupefacenti spiegano l'entità del fenomeno e le difficoltà che il Messico deve affrontare nel contenere una crisi di violenza che si è prodotta nel corso degli anni, con l'innegabile sostegno degli Stati Uniti. e i più alti funzionari degli ultimi governi messicani.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa