Come Kiev perseguita la Chiesa ortodossa ucraina considerata “filo-russa”

Come Kiev perseguita la Chiesa ortodossa ucraina considerata “filo-russa”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dallo scorso autunno, la Chiesa ortodossa ucraina (UPTs) è stata oggetto di un'ondata di pressioni da parte delle autorità di Kiev, con perquisizioni dei suoi templi e monasteri in tutto il Paese alla ricerca di prove di presunte attività anti-ucraine, nel bel mezzo di sequestri della chiesa e accuse di tradimento contro molti dei suoi leader per un presunto atteggiamento filo-russo.

Le tensioni tra le autorità ucraine e le UPT sono iniziate già nel 2019, quando il patriarca Bartolomeo di Costantinopoli aveva concesso l’autocefalia alla nuova Chiesa ortodossa ucraina (PTsU),  promossa dall'allora presidente Pyotr Poroshenko. L'indipendenza di questo ramo scismatico non è stata riconosciuta dal Patriarcato di Mosca, ma da allora Kiev l'ha promossa.

Dopo l'inizio dell'operazione militare russa in Ucraina, la situazione è peggiorata e l'UPT, guidata dal metropolita Onufriy, ha annunciato a maggio la sua "piena indipendenza " dalla Chiesa ortodossa russa, che continua a considerare l'UPT una parte autonoma del Patriarcato di Mosca. Dall'UPT hanno specificato  al canale RBC in quel momento di non aver interrotto completamente i rapporti con il clero russo, ma piuttosto riaffermato il loro status indipendente e autonomo.

Portata della campagna contro gli UPT

Per avere un'idea dell'entità delle perquisizioni e delle altre procedure effettuate dagli agenti del Servizio di sicurezza dell'Ucraina (SBU), vale la pena citare le cifre delle chiese perquisite lo scorso anno. In totale, ci sono state 129 operazioni di questo tipo, ha riferito il 24 dicembre il metropolita Antoniy della Chiesa canonica ucraina . Nello stesso documento denuncia che l'ostilità nei confronti delle UPT è aumentata "artificialmente" nella società, mentre continuano le violazioni dei diritti dei parrocchiani del ramo canonico.

Inoltre, il capo ad interim della SBU, Vasili Malyuk, ha dichiarato  il 21 dicembre scorso nei commenti al canale locale 1+1 che c'erano più di 50 procedimenti penali contro il clero dell'UPT. " Dobbiamo ripulire tutto questo ambiente ostile di talpe in tonaca", aveva minacciato.

Nel frattempo, il vice capo della sezione russa del Comitato internazionale per la difesa dei diritti umani, Iván Mélnikov, ha assicurato a fine dicembre che erano più di cento i rappresentanti del clero dell'UPT privati ??della libertà. Sono accusati di tradimento e lavorano per i servizi speciali russi, riferisce il portale Russkiy Mir.

Il Monastero delle Grotte di Kiev

Uno dei luoghi saccheggiati dagli agenti della SBU e da altre forze dell'ordine ucraine è il già citato Monastero delle Grotte di Kiev (la Lavra), considerato uno dei luoghi sacri tra i fedeli della religione ortodossa orientale.  

La registrazione è avvenuta il 22 novembre dopo che un video della Lavra con canti che menzionavano la Russia è stato trasmesso sulle reti. In essi si poteva sentire: "Il carillon sta fluttuando, fluttuando sulla Russia... Madre Russia si sta svegliando". In risposta, la SBU ha aperto un procedimento penale per giustificare le azioni della Russia contro l'Ucraina, che prevede fino a tre anni di carcere. Il servizio speciale ha affermato che tali incidenti "danneggiano la sicurezza e gli interessi dell'Ucraina".

Da parte sua, il Cremlino ha condannato il raid alla Lavra e ad altri santuari, descrivendo queste azioni come " un ulteriore anello nella catena di queste azioni militari contro l'ortodossia russa ".

Le tensioni intorno a questo ex monastero sono continuate quest'anno dopo che il capo del PTsU autocefalo, Epifaniy, ha tenuto  una messa di Natale nella Cattedrale della Dormizione, il tempio principale della Lavra.

Dal portale ucraino Strana.ua  indicano  che il rito si è svolto dopo aver ricevuto il via libera dalle autorità, che si erano già rifiutate di prorogare l'affitto della cattedrale e di un'altra chiesa nel territorio della Lavra nell'ambito degli sforzi spingere alle UPT fuori dal monastero.

Allo stesso tempo, una fonte vicina agli ambienti della Chiesa canonica ha sottolineato che le autorità aumenteranno le loro pressioni. "Un elenco di 40 vescovi e sacerdoti di spicco a cui sarà chiesto di lasciare l'Ucraina è atteso a breve ", ha osservato l'insider.

Alla ricerca del divieto totale

La campagna contro le UPT si sta svolgendo anche a livello legislativo. Così, il 1° dicembre, Zelensky ha ratificato la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino che, in termini generali, chiede la messa al bando degli UPT.

In particolare, è stato incaricato di presentare alla Verkhovna Rada (il Parlamento nazionale) un disegno di legge che vieti le organizzazioni religiose affiliate a centri di influenza in Russia", fornendo al contempo la base per la perizia dello Statuto dell'UPT per determinare se vi siano è un collegamento ecclesiastico-canonico con il Patriarcato di Mosca.

Giorni dopo è emerso il testo di un  progetto di legge che cerca di vietare di fatto le UPTTra le altre disposizioni, si propone di consentire il nome di "ortodossi" solo alle chiese che rimangono sotto il controllo del PTsU scismatico.

Tuttavia, dalla stessa Rada si sono posizionati contro un simile passo. Pertanto, la Direzione generale delle competenze del Parlamento ha concluso in un rapporto che l'iniziativa va contro la Costituzione del Paese e potrebbe dividere la società. Ha anche sottolineato che l'Ucraina è uno stato laico, il che "elimina la possibilità di stabilire vantaggi a livello legislativo per alcune organizzazioni religiose ", precisa Strana.ua.

L'opposizione alla messa al bando dell'UPT è stata espressa anche in una petizione registrata sul sito web del governo che esortava a non sostenere il disegno di legge. Gli autori di questa nota affermano che la Russia potrebbe beneficiare del divieto, mentre ci sono molti fedeli di questa chiesa nelle forze armate ucraine.

"Riteniamo impossibile attribuire i crimini dei singoli cittadini all'intera istituzione ramificata, che è la Chiesa ortodossa ucraina, e su questa base ricorrere al suo divieto legale", si legge nella petizione, che al momento della stesura di questa nota raccoglie 3.915 firme dalle 25.000 necessarie.

Vale la pena ricordare che prima di queste iniziative, il partito Solidarietà europea ha  presentato  alla Verkhovna Rada una bozza che mira a vietare completamente le attività della Chiesa ortodossa russa al fine di "prevenire minacce alla sicurezza nazionale dell'Ucraina e garantire l'ordine".

Nel frattempo, la campagna contro l'UPT sarà protagonista di una sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che si terrà il 17 gennaio. L'incontro è stato convocato dalla Russia di fronte ai tentativi di Kiev di " distruggere l'unica Chiesa canonica dell'Ucraina", ha spiegato il primo vice rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite, Dmitri Polianskiy.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti