Come si "processano" i dissidenti nel regime di Zelensky. Intervista esclusiva a Mikhail Kononovich

Come si "processano" i dissidenti nel regime di Zelensky. Intervista esclusiva a Mikhail Kononovich

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Clara Statello per l'AntiDiplomatico

Un altro episodio della farsa processuale contro i fratelli ucraini Aleksandr e Mikhail Kononovich è andata in scena mercoledì 28 giugno. Nella sessione in cui l’accusa avrebbe dovuto formulare i capi d’imputazione contro i due leader del Partito Comunista Ucraino (KPU) il pubblico ministero ha disertato l’aula. Per l’ennesima volta.

Il giorno prima, l’Alto commissariato per i diritti umani dell’ONU (OHCHR) ha presentato un rapporto sulla detenzione di civili in Ucraina. Il loro caso è tra i primi ad essere menzionato a conferma delle irregolarità processuali che i due fratelli stanno subendo. Nello specifico viene rimarcato l’arresto senza mandato, la detenzione in una prigione non ufficiale (lo scantinato della SBU a Kiev) e la detenzione in assenza di un controllo tempestivo dell’autorità giudiziaria. Tutti questi elementi confliggono con la certezza del diritto e con il rispetto dei diritti umani dei detenuti.

Abbiamo intervistato Mikhail Kononovich, segretario generale del Komsomol, per fare il punto sulla loro situazione e su quella dell’opposizione antifascista in generale.


L'INTERVISTA


L’alto commissariato per i diritti umani dell’ONU (OHCHR) ha menzionato il vostro caso nel suo dossier sulle detenzioni illegali dei civili in Ucraina. Qual è il tuo commento?

Sfortunatamente, tutti i dati delle Nazioni Unite sono solo statistiche e niente di più. Questi dossier dell’OHCHR non possono davvero aiutare le persone che marciscono nelle carceri e muoiono nei centri di custodia cautelare con accuse inventate

Nel mese di giugno la corte ha esteso per altri due mesi gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico ma nell’udienza del 28 il pubblico ministero non si è presentato come nelle altre volte. Cosa credi stia succedendo con il vostro processo?

In effetti, l'ufficio del pubblico ministero non ha nulla da mostrarci, non c'è reato in quanto tale, non ci sono testimoni, non ci sono vittime, non ci sono prove di reato, non c'è proprio niente ... Siamo accusati ai sensi dell'articolo 109, ovvero il rovesciamento del potere dello Stato. Come possono due persone, i comunisti Kononovich, rovesciare il potere?! Questo è assurdo e beffardo. Stanno trascinando il caso e molto semplicemente ci tengono in ostaggio, in uno stato di dipendenza servile, privandoci del nostro sostentamento e della nostra libertà.

E’ possibile che la procura stia prendendo tempo per costruire prove contro di voi? Avete avuto segnali in questo senso?

Temiamo che stiano minacciando i nostri compagni in tutto il Paese affinché ci incriminino e rendano false testimonianze. Siamo consapevoli che non ci lasceranno mai andare e che prima o poi saremo condannati e messi in prigione. Se il regime ci uccide fisicamente, avrà meno problemi. Nessun uomo, nessun problema!


Con quale accusa eravate stati arrestati lo scorso 2 marzo e qual è la vera ragione della vostra persecuzione, secondo te?  

Inizialmente, siamo stati arrestati come agenti dei servizi speciali di Russia e Bielorussia, e solo due mesi dopo ci hanno detto siamo stati accusati di voler rovesciare il potere di Zelensky. La vera ragione del nostro arresto sono le nostre azioni dell'Unione della gioventù comunista leninista dell'Ucraina, guidata da Mikhail Kononovich e dal suo vice Aleksandr, il "Komsomol per la pace" e le proteste contro la guerra vicino all'ambasciata americana a Kiev. Ci siamo anche opposti alla vendita di terreni alle società capitaliste negli Stati Uniti e in Europa. In generale, la nostra principale colpa agli occhi del regime è essere comunisti e antifascisti.

Cosa prevedi che succederà con il processo?

Ci saranno due scenari o la prigione o il nostro omicidio, tertium non datur.


Qual è la situazione dei comunisti e degli antifascisti in Ucraina?

Siamo stati messi fuorilegge, assassinati e imprigionati. Siamo braccati come gli ebrei negli anni Trenta del XX secolo, come nella Germania nazista e nei territori occupati. Siamo esplicitamente chiamati a essere uccisi come nemici.


Perché il governo di Zelensky ha avuto bisogno di mettere fuori legge tutti i partiti di opposizione e mettere sotto controllo la stampa?

Perché l'Ucraina è una colonia dell'occidente imperialista, cioè degli Stati Uniti e dell'Europa, e il dissenso tra gli schiavi deve essere distrutto. Il regime ha messo al bando tutti coloro che sostenevano la pace.


La scorsa settimana avete subito minacce di morte da un poliziotto e in questi mesi di domiciliari siete stati vittime di tentate aggressioni da parte dei nazionalisti. Avete avuto rassicurazioni da parte delle forze dell’ordine o c’è un clima di impunità?

Siamo andati alla polizia, ma non è servito a nulla. Per dirla in parole povere, siamo andati alla polizia per le minacce di morte di un poliziotto e questa naturalmente è un’assurdità perché la polizia non svolgerà mai un’indagine contro un proprio agente. Questo poliziotto non è una persona indipendente, ma attraverso di lui agiscono le autorità ucraine. Il regime di Zelensky ci ha annunciato ufficialmente che si sta preparando a ucciderci! Questo è un marchio nero per noi, siamo condannati a morte, punto e basta! E prima o poi lo faranno.


Dal report dell’OHCHR emerge l’esistenza di prigioni segrete, persecuzioni illegali di “collaborazionisti”, maltrattamenti, torture, abusi sessuali su detenuti, oltre ai 75 casi di arresti arbitrari, incluso il vostro. E’ realistico o è la punta di un iceberg?

In realtà, il rapporto dell'ONU è solo il minimo che si possa dire sulla situazione in Ucraina. È davvero spaventoso, le persone vengono picchiate, torturate e abusate. Alcuni sono stati nell'SBU per 3-4 mesi e non possono nemmeno provarlo. Siamo stati nel seminterrato della SBU per 4 giorni. Lì siamo stati picchiati e torturati, e poi ci hanno tenuti nascosti per due mesi e senza neanche portarci in tribunale. Per quindici giorni non abbiamo potuto né camminare né mangiare. Ci hanno fatto saltare i denti, rotto le costole, rotto il naso... Centinaia e migliaia di persone sono state arrestate. Due persone erano in carcere con me e si sono impiccate durante la detenzione preventiva, e io le conoscevo personalmente.

Pensate che il popolo ucraino insorgerà contro questo regime?

ll popolo ucraino non si solleverà mai, proprio come i tedeschi contro Hitler ai loro tempi. La gente è terrorizzata e chiunque poteva opporsi al regime è morto o è in prigione. Zelensky sarà maledetto dal suo popolo e prima o poi fuggirà in Occidente dai suoi padroni e vivrà nel lusso con il denaro rubato. Come dicono gli americani, "sì, è un figlio di puttana, ma è ilnostro figlio di puttana".

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti