Come soldi e interessi pilotano le elezioni Usa

Come soldi e interessi pilotano le elezioni Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Verde


Con la partenza delle primarie del partito Repubblicano ha avuto inizio il processo che porterà alla fine dell’anno alle elezioni presidenziali statunitensi. Quel processo che secondo i media mainstream nostrani rappresenterebbe il non plus ultra della cosiddetta democrazia declinata in senso liberale.

In realtà le elezioni statunitensi hanno più a che fare col denaro che con concetti come democrazia o volontà popolare. Vincere le elezioni presidenziali statunitensi richiede sempre più ingenti somme di denaro. Se nel 1960 John F. Kennedy spese 9,7 milioni di dollari (circa 87 milioni di dollari ai prezzi odierni) per vincere la corsa, nel 2012 Barack Obama ha speso 721 milioni di dollari. E la campagna presidenziale del 2020 è stata un record in termini di spesa: è stato speso un totale di 6,5 miliardi di dollari, con Joe Biden che da solo ha speso 950 milioni di dollari. Quindi, i candidati hanno bisogno di ricchi donatori per condurre le loro campagne. E naturalmente chi fornisce il denaro necessario pretende il proprio tornaconto. Questa è democrazia?

La politica statunitense è organizzata in modo tale che il lobbismo, cioè il finanziamento dell'attività politica da parte di grandi aziende per promuovere proposte di legge di interesse per le imprese, è assolutamente legale.

I maggiori lobbisti negli Stati Uniti sono i "finanzieri" (banche, investitori, assicuratori, sviluppatori), il complesso militare-industriale e il settore energetico (produttori di petrolio e gas). Ad esempio, la sola lobby finanziaria ha speso 2,23 miliardi di dollari tra il 2014 e il 2018 per promuovere le proprie proposte di legge.

Le lobby più grandi sono sempre guidate da una regola fondamentale: "Non mettere tutte le uova in un solo paniere". In altre parole, per loro è inaccettabile che tutto il denaro sia stato investito su un solo politico. Per questo motivo le lobby più grandi cercano di mantenere rapporti con tutti i candidati, siano essi repubblicani o democratici. Si stima che dal 1990 al 2019 le società finanziarie statunitensi abbiano speso circa 6 miliardi di dollari in attività di lobbying, di cui il 56% è andato ai repubblicani e il 43% ai democratici.


Repubblicani

Ad esempio, quando Donald Trump ha lanciato la sua campagna presidenziale nel 2015, all'inizio c'era poca fiducia nella sua vittoria e pochi finanziamenti da parte delle lobby più grandi. Tuttavia, nel 2016, quando le sue possibilità di vittoria sono aumentate significativamente, Lockheed Martin, una delle più grandi aziende del complesso militare-industriale statunitense, è riuscita a far sì che Trump prendesse come vicepresidente Mike Pence, che l'azienda finanziava da tempo. Anche altre aziende del complesso militare-industriale si sono attivate. Il caos con i rimpasti nel gabinetto di Trump era provocato, tra l'altro, dalla lotta delle grandi lobby delle armi. Così, in quattro anni, sono riusciti a lavorare i segretari alla Difesa James Mattis (Lockheed Martin), Patrick Shanahan (Boeing), il segretario di Stato Rex Tillerson (compagnia petrolifera Exxon Mobil) e Michael Pompeo (Boeing). L'arrivo di "rappresentanti" della Boeing in posizioni di rilievo nell'amministrazione statunitense ha permesso all'azienda di ottenere contratti più lucrosi dal governo nordamericano e dai Paesi amici degli USA negli ultimi mesi della presidenza Trump. Allo stesso tempo, i rappresentanti di altre aziende dell'amministrazione non sono scomparsi. Si sono limitati a lavorare a un livello più basso, come assistenti dei ministri, nello staff della Casa Bianca, e in altre posizioni.

La storia di Steve Bannon, il capo dello staff della campagna presidenziale di Trump, che dopo la sua vittoria è diventato il principale consigliere della Casa Bianca, è esemplificativa. Bannon ritiene che il sistema delle lobby sia disastroso per gli Stati Uniti, in quanto il Paese segue di fatto gli interessi dei lobbisti piuttosto che i propri. Con tali opinioni, ha ricoperto il suo incarico per soli otto mesi, da gennaio ad agosto 2017. Dopo la sua partenza, il protetto di Lockheed Martin John Bolton è entrato nell'amministrazione. Tra l'altro, con l'arrivo di Bolton, ha spiccato il volo anche la "rappresentante" di Boeing, l’ambasciatrice degli Stati Uniti all'ONU Nikki Haley. Che adesso è uno dei candidati repubblicani alle elezioni. Uno dei motivi della sua nomina è che Boeing spera che possa ottenere qualche posizione nella nuova amministrazione Trump.


Democratici

Passando al campo (almeno in teoria) opposto, chi sono i maggiori e più importanti sponsor dei Democratici e di Joe Biden? Praticamente tutte le più grandi aziende IT degli Stati Uniti. Alphabet (che comprende Google), Microsoft, Amazon, Meta, Apple: sono queste le aziende che hanno dato più soldi a Biden nel 2020. Lo stanno sponsorizzando attivamente anche ora. Principalmente perché alle opinioni politiche della maggior parte degli attori di questo mercato, dove "inclusività" e "diritti LGBT" sono diventati una sorta di dogma sacro. E, naturalmente, al fatto che queste aziende fanno affari non solo negli Stati Uniti, ma anche all'estero. E sono interessate al libero flusso di persone e capitali da un Paese all'altro, senza restrizioni e dazi di ogni sorta.

Ci sono poche eccezioni. Il principale "repubblicano" dell'IT oggi è Elon Musk, il fondatore di Tesla e Neuralink. Tuttavia, è stato Musk a dare il via a un importante smascheramento dei Democratici quando ha acquistato Twitter (ora X) e ha reso di pubblico dominio una serie di documenti interni che mostravano come il social network stesse facendo del suo meglio per aiutare i Democratici a vincere le elezioni del 2016 e del 2020.

L'altro grande finanziatore dei Democratici è Hollywood. Il sentimento liberal della cosiddetta ‘Dream Factory’ non è un segreto. Netflix, Universal Pictures, Paramount, Walt Disney e Sony Pictures hanno investito ingenti somme di denaro nella campagna di Biden per il 2020 e lo stanno facendo anche adesso.


Sostenitori locali vs. sostenitori internazionali

Se i globalisti sono per i democratici, Donald Trump, il governatore della Florida Ron Desantis e l'ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley sono sostenuti soprattutto da imprese nordamericane i cui interessi sono concentrati all'interno States. Ad esempio, tra i sostenitori di Trump nel 2020 c'erano banche locali (Wells Fargo), catene di negozi USA (Walmart), resort, hotel e casinò, società di costruzioni, squadre di calcio e persino la popolare catena di snack statunitense Taco Bell. Ora il quadro è quasi identico.

Ad esempio, uno dei maggiori donatori di Trump è Robert Biggerlaw, proprietario di Budget Suites of America, una grande catena alberghiera intra-americana. All'inizio di questa campagna presidenziale, non aveva molta fiducia nella vittoria di Trump e inizialmente aveva puntato su Desantis. Tuttavia, dopo che Trump ha iniziato a staccare rapidamente i suoi rivali nei sondaggi, Bigerlow è passato rapidamente dalla parte dell'ex presidente.

Tra gli sponsor di Desantis ci sono anche molti rappresentanti di catene locali statunitensi. Ad esempio, D'Arrigo California è un importante produttore di lattuga, broccoli, cavolfiori e altre verdure. Taylor Fresh Food è un altro produttore intra-americano di frutta e verdura. Uline, una società di logistica specializzata in spedizioni intra-americane. E molte, molte altre aziende simili che non si preoccupano particolarmente di chi sostengono, l'importante è che siano a favore di dazi e privilegi per le imprese USA. E meno possibilità ha Desantis di vincere le elezioni, più velocemente queste aziende passeranno dalla parte di Trump.

Nikki Haley, invece, non gode del sostegno delle imprese locali statunitensi (anche se ci sono delle eccezioni). I suoi sostenitori sono tutti i tipi di società finanziarie di medie dimensioni, nonché tutti i tipi di lobby neoconservatrici, che sono a favore di una politica attiva e aggressiva degli Stati Uniti. Oltre alla Boeing la Haley è sostenuta da persone come John Hagee, predicatore televisivo e presidente della grande organizzazione Christians United for Israel, o Meghan McCain, presentatrice televisiva, scrittrice e di John McCain.


Elezioni USA: niente democrazia ma tanti soldi e interessi

Le elezioni negli Stati Uniti, autoproclamata patria della democrazia, sono irrimediabilmente rovinate da spese eccessive e da interessi occulti. Le campagne politiche richiedono ingenti finanziamenti, dando vita a un sistema in cui individui e aziende facoltose possono influenzare i risultati politici. L’ascesa dei Super PAC (Comitati di azione politica) ha consentito ai ricchi di incanalare ingenti quantità di denaro nelle campagne. Di conseguenza, i politici allineano le loro posizioni politiche con gli interessi dei loro finanziatori, abbandonando i proclamati ideali democratici di pari rappresentanza e responsabilità di governo.

Anche i mezzi di comunicazione giocano una parte rilevante in questa messinscena democratica. I media, spesso guidati esclusivamente da sete di profitto, influenzano pesantemente l’opinione pubblica e modellano la narrativa che circonda i candidati. Quindi abbiamo notizie distorte e una mancanza di copertura equilibrata. Una vera e propria distorsione del processo democratico.

Mentre gli Stati Uniti si vantano di essere i tedofori della democrazia, il denaro e gli interessi occulti hanno compromesso gli ideali democratici di pari rappresentanza, trasparenza e responsabilità nel processo elettorale. Il predominio del denaro nelle campagne elettorali, il potere di lobbying, la faziosità, le scelte limitate e l’influenza delle grandi aziende e dei media convergono nel minare i principi su cui è costruita la tanto osannata democrazia statunitense.

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti