Con l'antimperialismo di Fidel, per resistere e vincere

Con l'antimperialismo di Fidel, per resistere e vincere

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il 13 agosto del 1926 nasceva il Comandante e leader della Rivoluzione cubana Fidel Castro.

Sempre difficile ricordare e celebrare un gigante della Storia come Fidel. Ecco perché riportiamo questo editoriale apparso oggi su Granma, focalizzato sull'antimperialismo di Fidel.

 

di  Julio Martínez Molina - Granma

 

Sapeva, come Martí, "dalla nuvola al microbo". Ogni concetto esistente nei saperi degli uomini è applicabile nel pensiero e nell'azione di Fidel. Quindi, parlare del Comandante in modo generico rischia di esaurire tutti gli spazi. Preferisco concentrarmi qui su uno dei profili più importanti del Capo: il suo antimperialismo.

Profondo conoscitore della storia, ha analizzato come pochi altri la psicologia predatoria degli imperi. Studiò i 12 Cesari; dai regni di Spagna, Olanda, Portogallo e Inghilterra; ad Alessandro, Gengis Khan e, soprattutto, agli Stati Uniti fin dalla formazione come Stato, dal loro progetto politico e dai postulati dei suoi leader: già dalla protostoria stessa del paese nordamericano.

Intuì gli appetiti di espansione, la necessità biologica dei membri del Congresso, senatori e presidenti di conquistare estensioni geografiche patologicamente sempre più grandi.

Ha parlato più volte di come, non contenti di aver sottratto i loro spazi naturali agli indigeni del continente, abbiano acquistato o invaso territori del Messico, della Spagna e della Francia.

Ma la voracità di Washington - così spesso denunciata da Fidel in articoli, discorsi e apparizioni - ha superato la piattaforma continentale; è andato oltre. Era lì, sotto di loro sulla latitudine della mappa del mondo, la stella dei Caraibi, il Gioiello del Golfo, la Chiave delle Americhe; e, rapidamente, tentarono di impadronirsene. Alla fine ci riuscirono, attraverso l'auto sabotaggio della corazzata Maine, il Trattato di Parigi e la guerra ispano-cubano-americana. Presero anche altri territori come Porto Rico, le Filippine...

Fidel, tra le sue tante virtù, divenne un esperto nel ragionamento del modus operandi dell'imperialismo nordamericano, che ha combattuto con ogni fibra del suo essere per aver annientato milioni di persone, privato di risorse da interi continenti, eliminato leader del Terzo Mondo, bloccato l'integrazione dei popoli e imposto a Cuba una spietata e ininterrotta guerra commerciale, finanziaria, biologica, ideologica e culturale.

Sebbene non sia stato certo il primo grande pensatore a predire la fine della specie, è stato il primo a metterla in relazione con l'incidenza dell'imperialismo nordamericano sui piani bellicosi (la sua potenza nucleare fu da lui fortemente sferzata), ambientale (mise in guardia dai pericoli della natura iperconsumistica degli Stati Uniti) e sociale.

Come un leader preoccupato in ogni momento della sua esistenza per la cura e la sopravvivenza del suo popolo, ha elaborato strategie e ha escogitato vie d'uscita per prevenire un confronto bellico diretto con la principale potenza militare del pianeta; nonché di rafforzare i legami che hanno portato all'avvio del processo di normalizzazione dei rapporti nel dicembre 2014.

Tuttavia, non si è mai fidato (nemmeno dopo questo passaggio) di nulla proveniente dai circoli del potere yankee; a differenza del popolo, che ha sempre amato e rispettato, oltre ad apprezzare molto il serbatoio culturale del Paese e lo straordinario contributo afroamericano.

Le successive riflessioni di Fidel parlano da sole. Nella lettera del 12 agosto, un giorno dopo il suo novantesimo compleanno, ha parlato della visita di Obama in Giappone, che non ha ricevuto durante il suo soggiorno all'Avana: «Ritengo che gli mancasse l'altezza (...), e mancassero le parole per scusarsi per il massacro di centinaia di migliaia di persone a Hiroshima... L'attacco a Nagasaki, città che i padroni della vita hanno scelto a caso, è stato altrettanto criminale. Ecco perché dobbiamo insistere sulla necessità di preservare la pace e che nessun potere si prende il diritto di uccidere milioni di esseri umani».

Dopo la morte del Comandante, gli apolidi hanno pronunciato imprecazioni e ignominie a Versailles, Calle 8, Hialeah: quella Miami d'esilio la cui linea dura tanto paura e rabbia lo ha sempre avuto e ora chiede l'intervento militare a Cuba.

Le parole (sordide, indegne, inique, perfide) dell'ex presidente Donald Trump a seguito della morte di Fidel il 25 novembre 2016 - così come quelle di altri alti funzionari politici yankee - hanno illustrato la primitiva visione imperiale del la maggior parte dei cavernicoli politici degli Stati Uniti verso Cuba.

In ogni caso, hanno rappresentato un altro segno che Fidel, come Martí, non ha mai sbagliato: il nord brutale ci disprezza e non rinuncerà mai ai suoi sforzi per impossessarsi di noi.

Solo la resistenza, la dignità e l'antimperialismo propugnati dal Comandante ci faranno resistere e vincere.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti