"Con Luisa González, l'Ecuador riprenderà il sogno della Patria Grande". Intervista a Esther Cuesta (Revolución Ciudadana)

"Con Luisa González, l'Ecuador riprenderà il sogno della Patria Grande". Intervista a Esther Cuesta (Revolución Ciudadana)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 20 agosto e il 12 ottobre (se ci sarà un secondo turno), gli ecuadoriani e le ecuadoriane eleggeranno il Presidente e il Vicepresidente della Repubblica, oltre ai 137 legislatori che comporranno l'Assemblea Nazionale, e che rimarranno in carica fino al 2025. Le elezioni sono state anticipate per decisione del presidente, il banchiere Guillermo Lasso, che il 17 maggio ha sciolto l'Assemblea nazionale dopo aver attivato il meccanismo della “morte incrociata”.

In queste elezioni si voterà anche per le consultazioni popolari sullo sfruttamento del petrolio nel parco Yasuní, e sulle attività minerarie a Chocó Andino, a Quito. I candidati alla presidenza sono 8. La Revolución Ciudadana, il movimento dell’ex presidente, Rafael Correa, presenta Luisa González come presidenta e Andrés Arauz come vice. A questo proposito, abbiamo intervistato Ester Cuesta, candidata al Parlamento di Revolución Ciudadana-Lista 5 per il Distretto Estero (Europa, Asia e Oceania).

Qual è il suo profilo politico?

Sono candidata all’Assemblea Nazionale dell'Ecuador per il Distretto Estero, per l'Europa, l'Asia e l'Oceania, mi presento per il movimento Revolución Ciudadana-Lista 5, il movimento politico di Rafael Correa. Vengo da Guayaquil, sono emigrata negli Stati Uniti all'età di 19 anni e ho vissuto lì per 15 anni. Con molto impegno e borse di studio, ho ottenuto un dottorato di ricerca in Letteratura Comparata con una Specializzazione in Studi Femministi e Latinoamericani, un Master in Letteratura Comparata e una laurea in Letteratura Ispano-Americana e Studi Italiani presso l'Università del Massachusetts Amherst, USA. Poi sono andata in Italia. Durante il governo del Presidente Rafael Correa, sono stata Console Generale a Genova e Vice Ministra della Mobilità Umana del Ministero degli Affari Esteri e della Mobilità Umana dell'Ecuador. In qualità di Deputata, sono stata Presidente e Vicepresidente della Commissione Relazioni Internazionali dell'Assemblea Nazionale, ho fatto parte della Commissione per la Protezione Integrale dei Diritti delle Ragazze, dei Ragazzi e degli Adolescenti e sono stata Presidente del Gruppo Parlamentare per i Diritti delle Persone in Mobilità Umana.

Che analisi fa della situazione politica a meno di un mese dalle elezioni?

Stiamo vivendo un processo democratico, assolutamente necessario per l'attuale situazione in Ecuador. Al contempo, stiamo vivendo una crisi di insicurezza, disoccupazione, mancanza di accesso a un'istruzione gratuita di qualità, mancanza di accesso a una sanità pubblica di qualità e opportunità di lavoro. Diventiamo esportatori di esseri umani. È orribile. Ma con queste elezioni abbiamo la possibilità di essere parte della rinascita della Patria e di uscire dalla catastrofe che stiamo vivendo, votando per la Lista 5, per Luisa González e Andrés Arauz. Dobbiamo mettere in ordine la casa. Abbiamo bisogno di un governo che garantisca i diritti, com’è suo obbligo. Bisogna uscire dal sottosviluppo affidandoci alle persone più capaci, con esperienza, coscienza sociale e umanità, e queste sono Luisa e Andrés. Servono persone che conoscano lo Stato e la pubblica amministrazione. Guadagnare milioni di dollari come proprietario di una banca non è la stessa cosa che gestire lo Stato, che cerca un'economia prospera, generatrice di occupazione, con prestiti per piccole e medie imprese, contadini, agricoltori, migranti rientrati, che sono assi fondamentali della nostra economia... Lavoreremo dall'alba al tramonto, per rafforzare ospedali e centri sanitari, affinché tornino le medicine gratuite, le attrezzature di prima classe negli ospedali, per fornire cure dignitose, di qualità e umane. La nostra rivincita sarà far riaffiorare l'Ecuador della conoscenza, che aveva concesso borse di studio a migliaia di giovani ecuadoriani e ecuadoriane nelle migliori università del mondo, che ha costruito università e generato opportunità per ridurre il divario sociale.

Chi sono i possibili alleati della rivoluzione cittadina tra gli 8 che competono per la presidenza? Cosa ne pensa di Yaku Perez?

Il massiccio sostegno alla Rivoluzione Cittadina che si sta manifestando dentro e fuori l'Ecuador ci dà la fiducia che vinceremo al primo turno, motivo per cui non abbiamo considerato di allearci con bugiardi e truffatori travestiti da difensori dei diritti, quando sono sempre stati alleati con la destra neoliberista. Yaku Pérez è un bugiardo travestito da indigeno, sostenuto dai poteri costituiti. Ha appoggiato il golpe in Bolivia di Añez, oggi condannata a 10 anni di carcere. È un burattino della destra neoliberista disumanizzante.

Ci sono omicidi e intimidazioni, alcuni candidati al parlamento hanno chiesto protezione. Lei pensa di essere in pericolo?

Oggi fare politica in Ecuador è un'attività ad alto rischio, soprattutto quando sei donna e combatti contro uno Stato repressivo che ogni giorno viola i diritti umani: alla salute, all'educazione, alla sicurezza, soprattutto il diritto intrinseco alla vita. Oggi siamo sei volte più insicuri, più esposti a morte, rapimenti, rapine, vaccinazioni e stupri rispetto a 6 anni fa. Non abbiamo più uno Stato che garantisca i diritti umani. Hanno eliminato tre ministeri efficienti: il ministero coordinatore della sicurezza; il Ministero della Giustizia, responsabile delle carceri, e il Ministero dell'Interno, responsabile della polizia e della sicurezza dei cittadini. Hanno distrutto tutto, ma con Luisa e Andrés saremo ancora una volta uno dei paesi più sicuri dell'America Latina. Oggi, abbiamo tutti paura di uscire di casa, a questo ci hanno portato i governi di Moreno e Lasso, ma la paura non toglie la forza di lottare per il rilancio della Patria.

Perché si è raggiunto un tale livello di violenza, dentro e fuori le carceri?

Tutto ciò è avvenuto a causa dell'abbandono del governo, della mancanza di ordine pubblico, di una carente dotazione di bilancio e dell’assenza di volontà politica. Hanno de-istituzionalizzato il paese e si sono preoccupati di inviare riserve internazionali alle banche svizzere mentre la gente in Ecuador muore di fame. Tale è la distruzione e l'abbandono, che l'Ecuador ha battuto un macabro record: quasi 500 persone massacrate nelle carceri negli ultimi 6 anni e per la prima volta nella storia due delle nostre città sono tra le più pericolose al mondo: Esmeraldas e Guayaquil. Oggi il tasso di omicidi è salito a 26 ogni 100.000 abitanti, rendendoci uno dei paesi più insicuri dell'America Latina. Al ritmo con cui stiamo andando, chiuderemo il 2023 con 34 omicidi ogni 100.000 abitanti, che ci collocheranno tra i paesi più pericolosi della regione. Ciò significa che quando governava la Rivoluzione Cittadina andavamo sei volte meglio in termini di sicurezza, ripeto, sei volte meglio in termini di sicurezza. Con la rivoluzione dei cittadini, l'Ecuador è diventato il secondo paese più sicuro dell'America Latina. Tra il 2006 e il 2016 il tasso di omicidi per 100.000 abitanti è sceso da 17 a 5, il più basso del paese negli ultimi anni. In Ecuador, per non perdere la speranza dentro questa disgrazia, sappiamo chi è il responsabile, e quali candidati rappresentano quel modello. Noi avevamo sempre garantito la sicurezza di tutti attraverso uno storico investimento sociale che ha superato gli 800 milioni di dollari. State certi che ritroveremo la pace, se già eravamo il secondo paese più sicuro della regione, perché non aspirare a diventare il primo? Insieme faremo risorgere la Patria!

Qual è il suo programma politico per le elezioni del 20 agosto, soprattutto per quanto riguarda gli ecuadoriani e le ecuadoriane all'estero?

Dal mio seggio in parlamento, ho lottato ogni giorno per i diritti delle persone in mobilità umana. Ho presentato 7 disegni di legge dal 2021 al 2023. Di fronte a governi che non hanno rispettato le leggi o garantito i diritti, ci siamo concentrati sull'esercizio della vigilanza e del controllo politico. Ho fatto quasi 300 richieste di informazioni a tutte le funzioni dello Stato, principalmente al ministero degli Esteri. Ho svolto la valutazione della Legge sulla Mobilità Umana. Ho mantenuto un'attenzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, alle esigenze degli ecuadoriani nel mondo. Lavoreremo affinché le 7 proposte di legge presentate siano nella gazzetta ufficiale e vigileremo affinché vengano applicate correttamente. La funzione principale dell'Assemblea nazionale è quella di creare leggi e modificare quelle esistenti in base ai bisogni e alle richieste della popolazione. I parlamentari e le parlamentari della Revolución Ciudadana rappresenteranno ancora una volta le grandi maggioranze che anelano alla giustizia, all’uguaglianza, all’equità, al lavoro, alle opportunità, ai diritti, alle libertà, alla democrazia, a un giusto processo, alla pace, alla prosperità e al benessere. Lavoreremo a leggi che consentano di: Garantire la vita, la salute, il cibo e l'istruzione. Garantire i diritti delle persone in mobilità umana. Leggi che mettano l'economia al servizio delle persone, del lavoro e della produzione. Leggi per recuperare i diritti perduti, così come il regime assistenziale e il sistema previdenziale. Lavoreremo a leggi che recuperino la democrazia, lo stato di diritto, il giusto processo e la presunzione di innocenza. Libereremo la giustizia che è stata sequestrata. Porremo fine alla persecuzione politica, all'odio e al desiderio di vendetta. Lavoreremo per rendere la gestione pubblica trasparente e libera da ogni forma di corruzione. Recupereremo il pubblico e la sua istituzionalità. Vareremo leggi che si prendano cura e proteggano le risorse naturali per le prossime generazioni. Lavoreremo per recuperare la sovranità e l'integrazione regionale, per consolidare il potere cittadino e popolare affinché non gli vengano mai più tolti i suoi diritti. Il mio lavoro nel Parlamento ecuadoriano si concentra sulla difesa e la protezione dei diritti delle persone in mobilità umana, quindi presenterò le riforme alla Legge Organica sulla Mobilità Umana, dopo la valutazione che abbiamo effettuato, cosa che non era mai stata fatta prima. È importante che si sappia che promuoveremo con l'Esecutivo il rimpatrio delle salme, in applicazione della legge. Forniremo supporto amministrativo, personale ed economico per coprire le spese che molti connazionali non possono permettersi. Con le rimesse milionarie, più di 4.700 milioni annui che arrivano in Ecuador dalla comunità migrante, si può creare una Legge, per quel reddito, per prelevare 20 centesimi ogni 100 dollari di rimesse e destinarle a un fondo per il rimpatrio delle salme. Con volontà politica e senso di equità e giustizia sociale, ci occuperemo dei bisogni dei migranti. Promuoveremo con l'Esecutivo il rinnovo dell'accordo di equivalenza della patente di guida con il Governo italiano, affinché gli ecuadoriani in possesso della patente nazionale possano utilizzarla in Italia. Questo permetterà loro di avere maggiori opportunità di lavoro in Italia. Promuoveremo leggi per l'omologazione dei titoli all'estero, e che siano procedure agili e si possano fare dall'estero nei consolati. Dobbiamo rendere la vita più facile alla comunità dei migranti. Promuoveremo con l'Esecutivo il ritorno dell'assistenza legale e psicologica gratuita alle persone colpite da ipoteche e dalla perdita della tutela e dell'affidamento dei figli minorenni. Promuoveremo il voto telematico come un efficiente diritto democratico. Non come oggi, un problema per la comunità migrante, perché non ha le informazioni necessarie e il digital divide è molto alto. Promuoveremo con l'Esecutivo la creazione di consolati efficienti, al servizio degli ecuadoriani, con dipendenti pubblici con vocazione al servizio, con orari consolari adattati alle esigenze dei migranti, che includono il sabato, con consoli vicini alla nostra comunità, con consolati mobili e brigate mobili per la registrazione del voto tutto l'anno.

Sei femminista? Cosa proponi in tema di genere?

Sì, sono femminista, nella teoria e nella pratica. Da molti anni mi batto per l'eliminazione delle disuguaglianze sociali tra uomini e donne, ragazze e ragazzi, contro la discriminazione, la disuguaglianza e l'oppressione, e per difendere il diritto a una vita libera dalla violenza. Promuovo l'equità in vari campi, tra cui quello lavorativo, sociale, politico e culturale. Le mie proposte nell’Assemblea nazionale sono sempre state incentrate sulla parità di diritti: per garantire che donne e uomini abbiano gli stessi diritti e opportunità in tutti gli aspetti della vita. Sulla parità retributiva: per eliminare il divario salariale di genere, garantendo alle donne la stessa retribuzione degli uomini per lavori di pari valore. Ho lavorato per promuovere la partecipazione politica e la leadership delle donne: per promuoverne una equa rappresentanza nelle posizioni dirigenti e nel processo politico decisionale. Ho lavorato all’eliminazione degli stereotipi di genere: per sfidare e superare i ruoli e gli stereotipi di genere che limitano le possibilità delle persone a causa della loro identità di genere. E ancora. Ho fatto proposte per i diritti riproduttivi: per difendere il diritto delle donne a prendere decisioni informate e autonome sulla loro salute riproduttiva. Per l’eradicazione della violenza di genere: ovvero per combattere la violenza fisica, emotiva e sessuale nei confronti delle donne e delle persone di genere non binario.

È vero che le promesse di Correa sul ritorno dei migranti e le garanzie del loro reinserimento non sono state mantenute? E se sì, perché?

Al tempo della Rivoluzione Cittadina, sono state implementate politiche di inclusione e dignità nei confronti dei migranti ecuadoriani, che avevano 51 ambasciate in tutto il mondo per soddisfare le loro esigenze consolari e altri servizi che potevano richiedere al governo. Inoltre, coloro che cercavano di tornare in Ecuador avevano il Piano di Ritorno Volontario, che consentiva loro di tornare nel Paese e inserire tutti i loro beni senza pagare le tasse. Il Governo ha attivato azioni per offrire un sostegno immediato ai connazionali nei casi di violazione dei loro diritti, come avvenuto con l'esecuzione di sgomberi a danno di connazionali in Spagna, o la difesa degli ecuadoriani colpiti dalla revoca della potestà genitoriale sui minori in Italia. Infine, è entrata in vigore anche la Legge Organica sulla Mobilità Umana, che aggiorna la legislazione migratoria degli anni '70 ed è stata elogiata dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Però sono arrivati Moreno e Lasso, e hanno distrutto di nuovo tutto, non hanno applicato correttamente la Legge sulla Mobilità Umana per garantire i diritti, hanno chiuso gli uffici consolari e alzato al 300% i prezzi delle pratiche consolari. Non ricevono i cittadini negli uffici consolari, siamo tornati all'abbandono del neoliberismo. In parlamento, ho effettuato la Valutazione della Legge Organica della Mobilità Umana, ed è risultata evidente la non corretta applicazione della legge e la mancanza di finanziamento per eseguire politiche pubbliche che garantiscano i diritti.

Si torna a votare per il parco Yasuní. Cosa ne pensi? È possibile non sfruttare quel petrolio quando quasi nessun paese ha accettato la compensazione proposta da Correa per preservare un bene comune a livello internazionale?

La mia opinione è stata chiara e lo ripeto: per sradicare la povertà e coprire i bisogni della nostra gente, lo sfruttamento responsabile dello Yasuní è un'opzione da tenere in considerazione. Allende ha detto: "il rame è il pane del Cile", e per noi il petrolio è una risorsa importante se usato in modo responsabile verso l'umanità e con il pianeta. Ora, questo va contro la nostra consapevolezza della crisi climatica e dell'ambientalismo? Niente affatto, inoltre, non c'è stato un governo più ecologico in Ecuador della Rivoluzione Cittadina. La nostra Costituzione è stata riconosciuta a livello mondiale come la più verde del pianeta. La nostra bandiera è per la giustizia ecologica, non per il filantro-capitalismo calcolatore, crudele e inquinante. In ogni modo, rispetteremo la volontà del popolo, qualunque sia l'esito della consultazione. Nel caso in cui vincesse il “no” al referendum, intendiamo sfruttare le risorse petrolifere con consapevolezza ambientale. Non intaccheremo la nostra più grande ricchezza, che è la biodiversità, una delle più grandi del pianeta. Le risorse sono necessarie per lo sviluppo economico dell'Ecuador, ma non intaccheremo né ipotecheremo le generazioni future.

Prima Moreno e poi Lasso hanno distrutto l'integrazione latinoamericana, consegnando il Paese agli Stati Uniti, che ora addestreranno le forze armate ecuadoriane. Pensa si possa tornare alla politica estera di Rafael Correa?

I governi di Moreno e di Lasso hanno dimostrato che l'integrazione regionale non è mai stata una priorità nella loro politica estera, contrariamente ai principi dell'integrazione latinoamericana e caraibica stabiliti nella costituzione ecuadoriana. In America Latina abbiamo tanto che ci unisce e non siamo riusciti a integrarci in modo solido. L'Europa, dopo tante guerre, ha saputo integrarsi nonostante le difficoltà. Con Lula e la patria sorella del Brasile, vediamo grandi possibilità di riattivare l'Unasur con la nuova ondata della sinistra progressista in America Latina, per mettere in pratica un tipo di integrazione che non sia solo politica, ma anche culturale, educativa, del lavoro, persino ideologica, con un'interessante svolta della sinistra progressista in America Latina. La rinascita di Unasur è possibile, così come è possibile la rinascita della Patria. L'integrazione regionale in America Latina è imperativa perché promuove la cooperazione, lo sviluppo economico, la stabilità politica e sociale, e rafforza la voce della regione sulla scena globale. Inoltre, favorisce la solidarietà tra i paesi latinoamericani e consente di affrontare in modo più efficace le sfide comuni. Unasur era il nuovo nome dato all'ex Comunità delle Nazioni sudamericana dai capi di Stato e di governo che hanno partecipato al I vertice sull'energia sudamericano, tenutosi nell'aprile 2007 nell'isola venezuelana di Margarita. Sicuramente, con Luisa ci dirigeremo verso il sogno della Patria Grande di Simón Bolívar.

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti