Corte penale internazionale (CPI), crimini di guerra Usa e Assange

Corte penale internazionale (CPI), crimini di guerra Usa e Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Due pesi e due misure.

La Corte Penale Internazionale che ha condannato Putin non è riconosciuta solo dalla Russia.

La Corte dell'Aia è stata bocciata in primis dagli USA. Gli Stati Uniti sono stati infatti uno dei soli sette Stati che hanno votato contro l'istituzione della CPI (la Russia ne aveva sottoscritto la creazione ma poi non ha ratificato il trattato di Roma), nel 1998.

Gli USA si considerano esenti da una qualsiasi valutazione che osi entrare nella propria giurisdizione, anche quando un cittadino statunitense commette un reato in un altro Stato.. Hanno minacciato la CPI per qualsiasi indagine possa essere condotta su crimini di guerra condotta commessi dagli USA.
 
Così twitta il premio Pulitzer Glenn Greenwald appena appresa la notizia del "mandato di cattura contro Putin" annunciato dalla CNN

 
Gli risponde la giornalista italiana Stefania Maurizi: "Non solo gli Stati Uniti hanno votato contro la #ICC, ma hanno anche cercato di indebolirla proponendo una serie di accordi a paesi come l'Italia in modo che questi paesi che sono membri della #ICC non consegnino i criminali di guerra statunitensi alla #ICC. Ho trovato prove di ciò negli archivi di @WikiLeaks."
 
 
Perché il tribunale che condanna Putin (con quali prove e a seguito di quale regolare processo, con accusa e difesa?) non ha mai condannato gli USA per le guerre che ha provocato in tutto il mondo, per quei bambini "sacrificabili" in Iraq, per l'invasione e lo sterminio di interi popoli?
 
Perché quello stesso tribunale non ha mai voluto occuparsi di Assange, torturato in carcere in UK e in attesa di essere estradato negli USA senza neppure un processo) e di Snowden, (oggi cittadino russo finalmente in salvo), entrambi perseguitati perché hanno osato denunciare i crimini di guerra (questi sì provati) degli Stati Uniti?
 
Quale credibilità può avere un organismo che ad orologeria emette sentenze ineseguibili e senza processo che fanno comodo solo ad una parte del conflitto?
 
Gli USA non riconoscono il tribunale dell'Aia solo se non si occupa di loro?
 
Proprio WikiLeaks, a poche ore dalla notizia, ci fornisce la ricostruzione della profonda ed efficace avversione degli Stati Uniti contro il tribunale internazionale con sede in Olanda.
 
"I cablogrammi di WikiLeaks mostrano come, dopo le invasioni statunitensi dell'Iraq e dell'#Afghanistan, John Bolton abbia cercato di indebolire i procedimenti giudiziari per crimini di guerra della #CPI da parte di paesi con forti armamenti per firmare accordi che avrebbero protetto il gabinetto Bush e altro personale statunitense"
 



 
A cosa serve quindi questa "condanna" che non ha alcun valore né in Russia e neppure negli USA?
 
Ad esacerbare la propaganda a favore di una guerra infinita?

A bloccare qualsiasi tentativo di tregua e negoziato?

A limitare la possibilità di Putin di muoversi liberamente per sedersi ad un tavolo negoziale?

O solo per nascondere la crisi economica che sta facendo implodere lo zio Sam e i suoi vassalli, mentre il blocco multipolare dei Paesi Brics e i rapporti con gli Stati Non Allineati si stanno sempre più consolidando ed espandendo?
 
Fino a quando l'Europa sarà balcanizzata...fino all'ultimo ucraino...
 
Per chi volesse approfondire il rapporto tra USA e CPI o ICC:

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti