/ Cosa stanno cercando gli Stati Uniti in Africa?

Cosa stanno cercando gli Stati Uniti in Africa?

 

L'amministrazione di Donald Trump cerca di competere con Cina e Russia per dominare le relazioni in Africa.


La presenza in Africa della Russia e principalmente della Cina disturba gli Stati Uniti. Il governo di Donald Trump, che a livello discorsivo non ha mostrato grande interesse per questa regione del pianeta, concentrando la sua politica estera sulle armi nucleari dell'Iran o della Corea del Nord, per citare alcuni esempi, riflette alcuni segnali che potrebbero cambiare la sua strategia per rafforzare i legami con nazioni come Kenya, Libia, Somalia e Mali, per contrastare l'influenza di altre potenze nell'area.

Come annunciato dalla rete NBC, l'amministrazione repubblicana nei prossimi giorni potrebbe presentare ufficialmente il suo nuovo piano per migliorare la sua posizione nel continente africano, anche se questo non include maggiori spese nelle missioni militari o diplomatiche.
 
Attualmente, a Gibuti, un piccolo paese nell'Africa orientale, ci sono basi militari di Francia, Italia, Giappone, Stati Uniti e la Cina, che ha installato la propria a luglio. Il luogo non ha risorse naturali che attraggono quelle nazioni potenti, ma la sua posizione è strategica: si trova vicino al Golfo di Aden, uno stretto d'acqua che si collega con il Mar Arabico, il Mar Rosso, il Canale di Suez e il Mar Mediterraneo. In altre parole, è un punto chiave per unire i mercati di Asia, Africa ed Europa; questo sito rappresenta il 25% delle esportazioni mondiali.
 
Nel frattempo, Washington e Pechino hanno conflitti commerciali tesi e, in questa parte della mappa, le loro installazioni con migliaia di soldati sono solo a dieci chilometri di distanza. Mosca, dal canto suo, progetta di aprire un centro logistico in Eritrea, una nazione che confina con Gibuti a nord, e che avrebbe anche una posizione chiave per l'accesso a una rotta marittima di grande rilevanza internazionale.
 
Allo stesso modo, anche se è vero che l'argomentazione americana per lo sviluppo del suo dispiegamento di armi era "contro-terrorismo", i media locali hanno già detto che, d'ora in poi, Trump si concentrerà sull'aspetto commerciale, cioè, su come affrontare l'avanzata cinese.
 
"Approccio discorsivo"
 
Julio Burdman politologo e professore all'UBA ritiene che "per ora è un approccio discorsivo" eprecisa: "Nel contesto di competizione geopolitica degli Stati Uniti con la Cina e la Russia, la Casa Bianca ha sollevato la necessità di aggiornare la sua politica nei confronti dell'Africa, tuttavia, non ci sono notizie su finanziamenti, aiuti o investimenti diplomatici."
 
A sua volta, il Dottore in Scienze Politiche presso l'Istituto di Studi politici di Parigi, sostiene che Washington punta quei paesi in cui "la diplomazia americana ritiene che ci sono governi alleati e minori investimenti cinesi". Tuttavia, osserva che "dobbiamo prestare attenzione al ruolo del Marocco, un paese importante in Africa e che ha il sostegno politico delle monarchie arabe".
 
Per concludere, l'insegnante dell'Università di Buenos Aires (UBA) commenta che "la presenza di aziende cinesi in Africa è un processo consolidato da decenni".
 
"Una zona ricca di risorse naturali"
 
In sintonia, il suo collega Daniel Blinder dice dall'Argentina che non c'è nulla di nuovo nella posizione degli Stati Uniti ", ma c'è una sorta di allarme che ha intensificato la necessità di avere una presenza in diversi paesi di quel continente." Allo stesso modo, il ricercatore del Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (CONICET) sottolinea che gli investimenti cinesi nel settore finanziario e delle infrastrutture comportano un'importante dispiegamento militare per salvaguardare i suoi interessi economici, una situazione che preoccupa Washington.
 
Per quanto riguarda la competizione economica tra queste potenze, sottolinea che "nonostante ciò, sono estremamente interdipendenti l'uno dall'altro". Su questo, esemplifica: "Ci sono compagnie americane di primo livelli  che producono in Cina". Tuttavia, la possibilità che il conflitto si intensifichi in altri scenari del pianeta è un punto di analisi nel campo accademico.
 
Per Blinder, "l'Africa è una zona ricca di risorse naturali e un luogo in cui è possibile fare milioni di dollari", motivo per cui gli Stati Uniti vorrebbero provare a contrastare l'influenza del "gigante asiatico".
Dal suo punto di vista, quel continente "gioca un ruolo centrale, perché il suo territorio è immenso e diversificato, ideale per le dispute sull'ordine economico o militare da giocare".
 
Oltre alle risorse naturali e alle relazioni commerciali, lo specialista spiega che occorre prestare attenzione ad altri aspetti circostanziali che potrebbero essere determinanti per l'arrivo delle nazioni più forti: "I probabili conflitti futuri" interni "o le cosiddette guerre civili in Africa sono avvenuti in passato e possono essere ripetuti con il sostegno militare e politico dei poteri ". Su questa linea, Blinder non esclude "un possibile conflitto tra i paesi più influenti per qualche questione che riguarda l'agenda africana".
 
 
Conseguenze africane per il linguaggio di Trump
 
 
Da Barcellona, ??l'editor del portale Africaye.org, Fernando Díaz Alpuente, sottolinea: "All'inizio del mandato, tutto indicava che Trump prendesse posizioni nella regione attraverso il settore delle costruzioni, qualcosa di simile a quello che ha fatto la Cina". Tuttavia, Alpuente ritiene che "con la guerra commerciale a pieno ritmo e la perdita del saggio di profitto dell'economia statunitense, le cose non sembrano essere così forti".
 
Approfondendo, l'esperto sottolinea: "Più che l'azione diretta degli Stati Uniti in Africa, dove sembra che ci sarà un giro delle politiche di sicurezza, conseguenza del ritiro delle truppe, ciò che mi preoccupa è l'influenza sul Paesi africani del nuovo mondo internazionale che Trump sta costruendo."
 
In altre parole, Díaz Alpuente pensa che l'ascesa del presidente degli Stati Uniti significhi un clamoroso cambiamento nel linguaggio della politica mondiale, e questo potrebbe avere conseguenze molto negative negli stati più vulnerabili. Per spiegarlo meglio, lo divide in alcuni punti.
 
  • Unilateralità: "Il fatto che Trump stia mettendo in discussione tutti gli accordi multilaterali crea un clima tale che alcuni governi africani possono uscire dai trattati, come la Corte penale internazionale (CPI) -in 2017 Vertice dell'Unione Africana raccomandato uscita Corte di suoi paesi membri. Alcuni hanno già fatto nel recente passato, ma il nuovo contesto produce costi più bassi su questa decisione. "
  • Populismo di destra. "Chiaramente il trionfo di Trump ha alimentato l'ascesa di queste forze in tutto il mondo, abbiamo una regione sub-sahariana a sud del deserto del Sahara, dove le comunità di movimenti sociali chiedono più democrazia e meno disuguaglianza, la congiuntura favorevole alle politiche di destra populista internazionale consentirebbe la repressione di questi movimenti ".
  • Cambiamento climatico: "La regione soffrità maggiori costi, in particolare gli esseri umani La via del boicottaggio agli accordi ambientali, proprio mentre stava cominciando a costruire un consenso internazionale, aumenta l'outlook negativo per l'Africa."
 
Per quanto riguarda "l'azione politica diretta", lo specialista interpreta che l'attuale amministrazione "non è stata in grado di continuare il piccolo impulso che Obama - il primo presidente afro-discendente nella storia degli Stati Uniti - ha provato con il forum degli affari sull'Africa. " In quell'occasione, a metà 2014, la capitale statunitense ospitò 40 leader africani e fu stabilito che le compagnie di quel paese avrebbero investito 14 miliardi di dollari, sommati a 7 miliardi di finanziamenti pubblici più 12 miliardi della Banca Mondiale, seguendo gli obiettivi della Casa Bianca per quanto riguarda l'elettrificazione del continente.
 
"Lì, è stato suggerito che il settore privato statunitense dovrebbe guidare l'azione degli Stati Uniti nella regione, di fronte all'impulso pubblico-privato della Cina", ha affermato. A questo proposito, conclude: "Sembra che non abbia continuità". In effetti, per Diaz l'unico modo per i flussi di investimento di tornare in Africa sarebbe "con un focolaio di crisi a livello europeo, come è successo con l'euro nel 2010".
 
Resta da aspettare che l'amministrazione Donald Trump annunci la sua strategia.
 
Leandro Lutzky
 
Fonte: NBC News - RT - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa