Cosa succederà se rifiutate di accettare i nuovi termini di WhatsApp?

Cosa succederà se rifiutate di accettare i nuovi termini di WhatsApp?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo una forte polemica su WhatsApp e timori sulla sicurezza dei dati personali dei suoi utenti a seguito dell'integrazione dell'applicazione con Facebook, il servizio di messaggistica istantanea ha annunciato a gennaio che avrebbe ritardato l'implementazione delle sue nuove condizioni di utilizzo fino al 15 maggio. Ma cosa succederà se una persona rifiuta di accettare le nuove politiche?

Secondo una mail inviata da WhatsApp a uno dei suoi partner arrivata nelle mani dei giornalisti di TechCrunch  e la cui veridicità è stata confermata dall'azienda, gli utenti che non accettano l'aggiornamento consentiranno l'accesso ad alcuni servizi della piattaforma.

A partire dal 15 maggio, l '"app" chiederà "a poco a poco" il consenso dei nuovi termini "per accedere a tutte le funzionalità di WhatsApp" e durante questo periodo di avviso, che durerà alcune settimane, gli utenti potranno comunque "essere in grado di ricevere chiamate e notifiche, ma non sarà in grado di leggere o inviare messaggi.

L'account non verrà cancellato, ma in una nota nella sezione domande e risposte, WhatsApp stessa spiega che a partire dal 15 maggio verrà applicata la policy relativa agli utenti inattivi a chi rifiuta di accettare le nuove condizioni d'uso. Questa policy prevede l'eliminazione dell'account allo scadere dei 120 giorni di "inattività".

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti