Costruendo un nuovo mondo multipolare: la visione di Putin sulla cooperazione Russia-Africa

Costruendo un nuovo mondo multipolare: la visione di Putin sulla cooperazione Russia-Africa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato i giornalisti sabato, in seguito al summit Russia-Africa tenutosi venerdì a San Pietroburgo. Ha risposto a domande su questioni riguardanti l'accordo sul grano, la relazione della Russia con i paesi africani e l'Ucraina.

Piano di Pace dell'Africa sull'Ucraina e Accordo sul Grano 

Il piano di pace dell'Africa per l'Ucraina e l'accordo sul grano non sono collegati in alcun modo, ha dichiarato il presidente Vladimir Putin come evidenziato da Sputnik. "No, una cosa non ha nulla a che fare con l'altra”, ha detto Putin quando i giornalisti gli hanno chiesto se il piano di pace dell'Africa per l'Ucraina e l'accordo sul grano fossero correlati tra loro. Dopo l'uscita della Russia dall'accordo sul grano, i prezzi sul mercato mondiale sono aumentati, quindi la Russia riceverà maggiori entrate ed è pronta a condividere parte di esse con i paesi più poveri, ha affermato Putin. "Quando abbiamo annunciato che stavamo ritirandoci dall'accordo sul grano, i prezzi sul mercato mondiale sono aumentati leggermente. Questo significa che le nostre aziende riceveranno di più, il che significa che noi guadagneremo di più in termini di tasse. E se guadagniamo di più in termini di tasse, condivideremo parte dei nostri guadagni con i paesi più poveri e forniremo certe quantità di cibo gratuitamente”, ha spiegato Putin ai giornalisti. Alcune disposizioni dell'iniziativa di pace dell'Africa sull'Ucraina sono in fase di attuazione, come lo scambio di prigionieri e questioni umanitarie, ha sottolineato il leader russo.

"L'iniziativa stessa, come qualsiasi altra iniziativa di pace, è positiva perché cerca una soluzione pacifica al conflitto. Ci sono cose che, dopo il nostro incontro a San Pietroburgo un mese e mezzo fa, queste disposizioni, per così dire, e i punti di questa iniziativa di pace stanno venendo attuati. In effetti, stanno venendo attuati in ogni caso, ma, tuttavia, ci sono dieci punti in totale in queste iniziative, uno dei punti riguarda lo scambio di prigionieri, lo scambio di detenuti, la soluzione di una questione familiare, questioni umanitarie legate ai bambini e così via”, ha illustrato Putin ai giornalisti.

Il Potenziale Enorme dell'Africa 

Le nazioni africane sono pronte ad accettare gli investimenti russi e a dare alla comunità imprenditoriale russa l'opportunità di svilupparsi nel continente, ha affermato Putin. "I paesi africani sono pronti ad accettare i nostri investimenti e permettere alle nostre imprese di svilupparsi in loco: costruire, radicarsi, guadagnare in questo mercato”, ha affermato Putin in conferenza stampa, parlando dell'interesse dell'Africa per le tecnologie agro-industriali della Russia. Ha poi aggiunto che i paesi africani hanno un enorme potenziale in rapida crescita. "I nostri sforzi nel campo delle relazioni con l'Africa sono compiuti nell'interesse, innanzitutto, della Russia. E ci sono molte componenti qui. Cominciamo con l'economia. Un potenziale così enorme, in crescita, e a un ritmo molto veloce, esponenzialmente. Ci sono già un miliardo e mezzo di persone in Africa”, ha evidenziato il presidente russo.

Il continente africano è anche ricco di risorse minerali, ha aggiunto. "Alcuni paesi asiatici stanno trasferendo in realtà le loro riserve alle risorse minerali dell'Africa”, ha notato Putin. Il presidente russo ha quindi detto ai giornalisti che il mondo sta cambiando rapidamente e la Russia dovrebbe utilizzare l'eredità sovietica nelle relazioni con l'Africa, ma lavorare anche con il continente in modo nuovo.

"Il mondo sta cambiando rapidamente... Prendiamo l'Indonesia - un potenziale così massiccio [...] Non sto parlando dell'India, della Cina. Tutti sanno di questo. Il Brasile. E l'Africa. Ci sono paesi lì che sono semplicemente leader”, ha dichiarato Putin. Il presidente russo ha notato che l'Africa ha molto potenziale, ma non è l'unica nella lista. "Quindi, naturalmente, dobbiamo sfruttare tutto ciò che è stato costruito sin dai tempi sovietici - queste relazioni molto buone e di fiducia. E lavorare in modo nuovo, naturalmente". Le nazioni africane hanno bisogno di una politica interna stabile per poter sviluppare le loro economie, ha aggiunto Putin.

"La collaborazione nel campo della sicurezza è necessaria. L'Africa sta ancora soffrendo per il terrorismo, ed è un problema in molte regioni, in molti paesi. E affinché l'economia possa svilupparsi bene, come sappiamo tutti molto bene, abbiamo bisogno di stabilità nella politica interna. La stabilità è impossibile se la sicurezza non è garantita. Per questo motivo, desiderano sinceramente continuare a collaborare con noi in questo settore, compresa la cooperazione militare e tecnica”, ha dichiarato il leader russo. Ha poi aggiunto che le nazioni africane non temono "nessuna pressione esterna." "Stanno lavorando. E stanno acquistando armi. E decine e centinaia di militari dei paesi africani si stanno formando nelle nostre università del Ministero della Difesa. Stanno studiando con noi".

La Russia Pronta a Donare Fertilizzanti Gratuitamente 

Il presidente ha inoltre aggiunto che la Russia è pronta a donare gratuitamente ai paesi bisognosi i fertilizzanti che sono trattenuti nei porti dei paesi baltici. Durante il suo incontro con i leader dei paesi africani a San Pietroburgo venerdì, il presidente ha dichiarato che la Russia avrebbe fornito cereali ai paesi africani sia a scopo commerciale che a titolo gratuito. "Abbiamo discusso di questo con i nostri amici africani ieri. E ho attirato l'attenzione sulle diecimila tonnellate dei nostri fertilizzanti che sono stoccate nei porti baltici. È molto strano, vero? I nostri fertilizzanti sono lì. Le nostre aziende hanno detto: 'Li daremo via gratuitamente’. Va bene. Supponiamo che qualcuno non voglia che guadagniamo denaro con questo, e lasciamo che i soldi vadano alla guerra, come si dice. Ma noi li doniamo gratuitamente”. ha detto Putin ai giornalisti. Il presidente ha sottolineato che la Russia non guadagnerà nulla su questi fertilizzanti, "e non permetteremo che nulla vada alla guerra se i bisognosi paesi africani riceveranno questi fertilizzanti gratuitamente”, ma "non li stanno lasciando andare [i fertilizzanti russi]”. Il 18 luglio, l'Iniziativa sul Grano del Mar Nero, comunemente nota come accordo sul grano, che prevedeva un corridoio umanitario per consentire le esportazioni di grano ucraino nell'ultimo anno, è scaduta poiché la Russia non ha rinnovato la sua partecipazione all'accordo. Mosca ha sottolineato che la componente dell'accordo riguardante la facilitazione delle esportazioni di grano e fertilizzanti russi non era stata adempiuta.

Putin Spiega la Decisione di Non Partecipare al Summit BRICS in Sudafrica 

Durante la conferenza stampa, il presidente russo ha spiegato la sua decisione di non partecipare al summit BRICS in Sudafrica. "Sono in contatto con tutti i miei colleghi all'interno del BRICS, e non ritengo che la mia visita al summit sia più importante della mia presenza in Russia", ha argomentato Vladimir Putin. Durante il suo incontro con il presidente sudafricano più presto nella giornata, Vladimir Putin ha promesso che la Russia farà tutto il possibile per sostenere il Sudafrica al prossimo summit BRICS. Lo scorso marzo, la Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato di arresto contro Vladimir Putin, accusandolo di deportazione illegale di bambini ucraini. Questa decisione ha messo in conflitto il Sudafrica, membro della CPI, che doveva ospitare il presidente russo al prossimo summit BRICS a Johannesburg. Sono state studiate varie opzioni per permettere al capo di stato russo di partecipare ai lavori del summit. È stato infine deciso che il Ministro degli Affari Esteri, Sergey Lavrov, si recherà lì per rappresentare la Russia. Vladimir Putin parteciperà all'incontro tramite videoconferenza.

La Russia Non Vuole uno Scontro Militare con la NATO, ma è Pronta per Qualsiasi Scenario 

La Russia non desidera uno scontro diretto con la NATO, ma è pronta per qualsiasi scenario, ha dichiarato Putin. "Siamo sempre pronti per qualsiasi scenario. Ma nessuno vuole questo. Una volta abbiamo stabilito un meccanismo speciale per prevenire questi conflitti su iniziativa della parte statunitense. I nostri capi di dipartimento competenti comunicano direttamente tra loro e hanno l'opportunità di consultarsi su qualsiasi situazione di crisi”, ha spiegato Putin ai giornalisti. Putin ha aggiunto che l'uso del neonazismo contro la Russia si ritorcerà contro i paesi che adottano tali metodi. "Sì, ora che l'Ucraina viene utilizzata come strumento per combattere contro la Russia, questo va bene ai nostri potenziali avversari. Sono pronti a usare qualsiasi mezzo, e in un certo momento hanno usato al-Qaeda e altre organizzazioni terroristiche nella lotta contro di noi nel Caucaso”. Il leader russo ha affermato che alcuni paesi vedono la situazione dal punto di vista che, ad esempio, al-Qaeda in Europa è "cattiva", mentre gli stessi terroristi nella lotta contro la Russia sono "buoni". "È lo stesso con il nazismo, il nazismo è in generale cattivo, ma se i neonazisti possono essere usati nella lotta contro la Russia, va bene per loro. Sbagliano: coloro che cercano di usare i neonazisti contro di noi, perché alla fine si ritorcerà contro di loro, proprio come il terrorismo è tornato a colpirli; e coloro che cercano di costruire la loro identità sulla base delle idee naziste, perché questo li porterà a un vicolo cieco”, ha denunciato Putin ai giornalisti a San Pietroburgo.

Hub del Gas in Turchia

La Russia non intende immagazzinare enormi quantità di gas in Turchia, poiché è previsto l'istituzione di una piattaforma elettronica per il commercio, ha dichiarato Putin. "Sì, il progetto dell’hub del gas rimane all'ordine del giorno, ma voglio che sia chiaro, non si tratta di petrolio né di una stazione di stoccaggio per il petrolio, ma di gas. Noi e i nostri amici turchi lo sappiamo, stiamo parlando della creazione di una piattaforma elettronica di scambio... Non intendiamo immagazzinare gas in enormi serbatoi lì, è solo un luogo conveniente per istituire una tale piattaforma elettronica di scambio”, ha specificato Putin. 

La Russia fornirà ogni possibile assistenza alle aziende straniere che vogliono operare nel paese. "Diamo il benvenuto e forniremo la nostra piena collaborazione a coloro che vogliono lavorare con noi”, ha detto Putin ai giornalisti, sottolineando che la Russia è amichevole verso le aziende straniere che non vogliono lasciare il mercato del paese. Inoltre, il presidente russo ha dichiarato che attualmente non ci sono nuove discussioni sulla trasferimento di aziende straniere sotto la gestione dell'Agenzia Federale per la Gestione delle Proprietà di Stato (Rosimushchestvo). 

In seguito, Putin ha incontrato il Sindaco di San Pietroburgo, Alexander Beglov, ringraziandolo a nome degli ospiti africani del summit Russia-Africa, affermando che tutti hanno elogiato l'eccellente condizione e la bellezza della città. "Grazie mille per l'organizzazione del summit. E lo dico non solo a nome mio, ma anche a nome dei nostri ospiti. Tutti, all'unanimità, hanno notato l'eccellente stato della città, che enfatizza... la bellezza di San Pietroburgo”.  

Russia e Africa per il nuovo mondo multipolare

Dalla conferenza stampa di Putin si può osservare chiaramente il ruolo significativo che la Russia e l'Africa stanno svolgendo nella costruzione di un nuovo mondo multipolare. 

La Russia sta lavorando attivamente per sviluppare relazioni economiche, politiche e di sicurezza con i paesi africani attraverso iniziative come il summit Russia-Africa e l'offerta di investimenti e cooperazione tecnologica. Putin ha sottolineato l'importanza della cooperazione economica tra la Russia e l'Africa, compresa l'offerta di grano e fertilizzanti per sostenere i paesi più poveri. Allo stesso tempo, la Russia ha anche espresso il suo impegno per prevenire conflitti e promuovere la stabilità nella regione.

L'Africa, da parte sua, si mostra aperta alle opportunità offerte dalla Russia e dal BRICS, dimostrando interesse nell'accogliere investimenti e sviluppare relazioni commerciali con la Russia. Inoltre, il continente africano sta giocando un ruolo attivo nell'affrontare le sfide regionali e internazionali, come la situazione in Ucraina, mostrando il desiderio di contribuire a una soluzione pacifica dei conflitti.

Insieme, Russia e Africa stanno cercando di promuovere un nuovo ordine mondiale basato sulla cooperazione, sulla sicurezza e sulla diversificazione delle relazioni internazionali. Questo approccio multipolare mira a promuovere l'equità e la giustizia nei rapporti tra nazioni e a costruire un futuro più stabile e prospero per tutti. Con il loro impegno condiviso per il dialogo, la cooperazione e lo sviluppo sostenibile, la Russia e l'Africa stanno giocando un ruolo cruciale nella costruzione di un nuovo ordine internazionale più inclusivo e diversificato dove nessun paese è vittima di diktat e imposizioni estere.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti