Covid e modello cubano. Intervista a Fabrizio Chiodo

Covid e modello cubano. Intervista a Fabrizio Chiodo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ad un anno esatto dalla prima, torniamo a intervistare per l'Antidiplomatico, Fabrizio Chiodo: palermitano, 36 anni, ricercatore in servizio al CNR di Pozzuoli, al medical center di Amsterdam, collabora attivamente col Finlay Institute Havana, diretto dal Prof. Vicente Verez-Bencomo.

Chiodo ha lavorato allo sviluppo di diversi interventi biofarmaceutici, tra cui, ovviamente due dei vaccini pubblici del Finlay Institute.

 

 

- Dott. Chiodo, qual è l'attuale situazione in ambito vaccinale e sanitaria a Cuba?

Cuba ha vaccinato il 94.9% della popolazione vaccinabile dai due anni in su, incluso il 97% dei bambini. I diversi schemi di immunizzazione a Cuba prevedono tre dosi. Nel caso dei vaccini Soberana, lo schema 2+1 include già’ il boost con il vaccino SoberanaPlus. I casi sono drasticamente calati con la percentuale di test positivi da una settimana sotto l’1% ed in media un decesso da COVID-19 al giorno nell’ultima settimana. Le scuole sono state riaperte solo dopo la massiva vaccinazione pediatrica; l’obbligo della mascherina per strada rimane cosi come le norme di distanziamento.

 

- In relazione alla vaccinazione ai bambini a Cuba, sbaglio o già in fase di sperimentazione vaccinale si era utilizzato uno specifico approccio pediatrico?

Il vaccino Soberana02, unico vaccino coniugato contro SARS-CoV-2 ed unico vaccino al mondo approvato dai due anni in su, e’ stato sviluppato per gli adulti ma durante il suo disegno si e’ immediatamente pensato alla popolazione pediatrica. I vaccini coniugati come Soberana02 sfruttano un tecnologia usata da anni in pediatria. Non sono emersi reazioni avverse gravi durante la sperimentazione e durante la vaccinazione di massa pediatrica. La tecnologia alla base del Soberana02 e’ utilizzata a Cuba e non solo, per vaccini contro polmonite, meningite,ecc.

 

- Solo vaccini o sull'isola caraibica si stanno implementando anche  nuovi farmaci e protocolli di cura per contrastare la pandemia?

Durante la prima fase della pandemia, Cuba ha utilizzato anche anticorpi monoclonali e diverse formulazioni di interferone ricombinante, prodotti di eccellenza della biotecnologia cubana in uso per altre malattie. I vaccini rimangono lo strumento più importante, insieme alle misure non farmaceutiche come l’utilizzo della mascherina.

 

-”Richiami”, si parla già di quarta dose. La copertura anticorpale fornita dai vaccini è stata evidentemente inferiore rispetto alle previsioni iniziali: andremo avanti all'infinito con nuove dosi?

 A Cuba dopo gli schemi a tre dosi (con Abdala tre dosi omologhe, con Soberana schema eterologo 2 dosi Soberana02 + 1 dose SoberanaPlus), sono già’ iniziate le dosi di richiamo. I vaccini proteici come quelli sviluppati a Cuba, sono molto sicuri come dosi multiple e per schemi di immunizzazione eterologhi sia in adulti che in bambini. Bisogna omogeneamente vaccinare il “Mondo”, pensare a proteggere la popolazione pediatrica e continuare con l’utilizzo delle mascherine ed effettuare test. Se a livello mediatico in Europa ed in USA hanno fatto credere che con due dosi di vaccino a mRNA riservato ai paesi più ricchi, fosse tutto finito, e’ stato un chiaro e rischioso errore mediatico.

 

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti