/ Creare alternative al sistema SWIFT e scambi con le valute nazion...

Creare alternative al sistema SWIFT e scambi con le valute nazionali. Il nuovo passo dei BRICS?

 

Durante l'ultimo vertice dell'associazione, i paesi BRICS hanno sostenuto l'idea di introdurre un sistema di pagamento unico, un'alternativa a SWIFT, per la successiva attuazione dei pagamenti in valute nazionali


In un'intervista esclusiva rilasciata a Sputnik, il direttore del Dipartimento di cooperazione economica multilaterale e progetti speciali del Ministero dello sviluppo economico russo, Natalia Stapran ha dichiarato che la Cina stava osservando con vivo interesse gli scambi in valute nazionali con i suoi partner BRICS.

 
Il peso dei paesi BRICS nel commercio mondiale è aumentato in modo significativo. In 15 anni, il volume delle transazioni aziendali nei paesi dell'associazione è aumentato di 15 volte, da $ 26,5 a $ 388 miliardi. BRICS rappresenta oltre il 17% del volume degli scambi internazionali e oltre il 20% degli investimenti diretti esteri globali.
 
Allo stesso tempo, la percentuale di scambi tra paesi in dollari è diminuita. Secondo il CEO di RDIF Kirill Dmitriev, in Russia, ad esempio, la quota del dollaro negli scambi del commercio estero è diminuita dal 92% al 50% in cinque anni, mentre quella del rublo è passata dal 3% al 14%.

 
In tali circostanze, i paesi BRICS stanno pensando di introdurre il proprio sistema di pagamento, un'alternativa a SWIFT, che servirebbe per gli scambi nelle valute nazionali. La procedura esistente di scambi di commercio estero tramite SWIFT è preoccupante per molti: poiché SWIFT è controllato dagli Stati Uniti, il sistema può essere utilizzato come strumento di pressione politica. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno già disconnesso l'Iran dallo SWIFT, che ha causato un calo del PIL e delle esportazioni, una maggiore inflazione e svalutazione della valuta nazionale.
 
Washington minaccia periodicamente di disconnettere anche la Russia da SWIFT. La Cina non ha avuto fretta da qualche tempo con la "depianizzazione" e il passaggio a sistemi di pagamento alternativi. Tuttavia, il conflitto commerciale con gli Stati Uniti ha dimostrato che è molto rischioso affidarsi alle infrastrutture finanziarie statunitensi, ha dichiarato Natalia Stapran, direttrice del Dipartimento per la cooperazione economica multilaterale presso il Ministero dello sviluppo economico:“Iniziative come gli scambi nelle valute nazionali dovrebbero contribuire all'agevolazione degli scambi. Questo problema viene discusso attivamente, ma non è sempre facile con la Cina. Capisco perché i cinesi non hanno fretta: perché non ne hanno davvero bisogno. 
 
Dopotutto, gli scambi nelle valute nazionali sono uno strumento per superare le restrizioni alle sanzioni. Non appena i cinesi hanno ritenuto che ciò potesse influenzarli, quando ostacolano le transazioni, non pensano ai volumi e al fatturato e hanno mostrato grande interesse ”, ha affermato l'esperto russo.
 
Tuttavia, il sistema di pagamento nazionale cinese è apparso nel 2015. Si chiama CIPS International Payment System. Attualmente sono collegate più di 20 banche locali ed estere. Il sistema consente di effettuare pagamenti transfrontalieri diretti in RMB. Non è necessario aprire conti corrispondenti (spesso chiamati conti nostro o vostro - ed. Note Sputnik). Ciò riduce i costi e i tempi di transazione. La Russia ha una soluzione simile - Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari (SPFS). Recentemente è stato riferito che l'India sta lavorando su un sistema simile.
Poiché i paesi BRICS hanno già esperienza con i propri sistemi di pagamento, all'ultimo vertice in Brasile è stato proposto di unire gli sforzi e creare un unico meccanismo alternativo per gli scambi reciproci, direttore del Dipartimento per le relazioni finanziarie internazionali del Ministero delle finanze di Russia Andrey Bokarev ha dichiarato a Sputnik durante il Forum Gaidar.
 
“I nostri colleghi brasiliani hanno proposto l'idea l'anno scorso sotto forma di creazione di un sistema di pagamento transfrontaliero BRICS. L'idea era di ridurre al minimo il coinvolgimento di meccanismi relativi all'apertura di conti corrispondenti delle nostre banche commerciali e di sfruttare al massimo le opportunità offerte dalle banche centrali nazionali dei nostri paesi per tali transazioni", ha spiegato Bokarev.
 
“L'argomento merita la massima attenzione e non posso dire che non sentiamo abbastanza commenti coinvolti da nessuno dei partecipanti. Un altro problema è che l'argomento non è semplice e richiede un'intera gamma di soluzioni”, ha continuato.
 
Valutando la capacità di ciascun stakeholder nazionale, Andrey Bokarev, direttore del Dipartimento per le relazioni finanziarie internazionali della Russia, ha continuato:“Inutile dire che un problema del genere non può essere risolto impiegando solo sforzi o su iniziativa dei regolatori nazionali. Ci deve essere anche movimento dal basso e interesse da parte dei partecipanti stessi. Prima di tutto, si tratta di banche e società nei nostri paesi. E ci deve essere una chiara domanda e interesse nella creazione di tali sistemi. Altrimenti, sarà un meccanismo poco richiesto”, ha affermato Bokarev.
 
Secondo il funzionario del governo russo, ora esiste una ricerca di quadri reciprocamente accettabili per tutti i paesi membri dell'associazione BRICS, che consentirà la formazione di un sistema di scambi.
 
“Dal punto di vista della parte russa, uno dei primi passi potrebbe essere la creazione di un sistema per il trasferimento di messaggi su transazioni finanziarie, un analogo SWIFT. Tale sistema è già utilizzato negli insediamenti in Russia e con alcuni dei nostri contrappunti. E stiamo pensando di estendere questo schema a tutti e cinque gli stati membri. Successivamente, parleremo dell'implementazione di tutte le altre componenti degli insediamenti reciproci ”, ha concluso.
 
Secondo il funzionario del ministero delle finanze russo, tanto più convenienti sono i sistemi di insediamenti alternativi SWIFT, tanto maggiore sarà la domanda tra i partecipanti al mercato . La crescita del volume degli scambi non è sufficiente per questo; hai anche bisogno di un'interfaccia intuitiva. A livello bilaterale, i lavori stanno procedendo.
 
In autunno, è stato riferito che la Russia e la Cina potevano collegare due dei loro sistemi nazionali per gli insediamenti reciproci, aggirando SWIFT. Due sistemi possono essere collegati tramite gateway di rete - complessi hardware e software - per i pagamenti tra le organizzazioni russe e le loro controparti in Cina. I gateway di rete ricodificheranno i messaggi di pagamento da un formato di sistema di pagamento a un altro. In questo modo, entrambe le parti opererebbero su una piattaforma conveniente per loro senza alcuna difficoltà. Tuttavia, nulla impedisce al sistema di essere allineato con altri partecipanti BRICS.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa