"Crimine di guerra". Mosca accusa l'esercito ucraino di aver deliberatamente ucciso 10 prigionieri russi

"Crimine di guerra". Mosca accusa l'esercito ucraino di aver deliberatamente ucciso 10 prigionieri russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'esercito ucraino ha deliberatamente ucciso militari russi catturati. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo secondo quanto riporta Ria Novosti.

"L'omicidio intenzionale e metodico di più di dieci militari russi immobilizzati da parte dei fanatici dell'UAF con colpi diretti alla testa non può essere presentato come una" tragica eccezione" sullo sfondo della presunta osservanza generale dei diritti dei prigionieri di guerra da parte del Kiev regime", si legge nella nota del Ministero della  Difesa russo.

"Allo stesso tempo, i militari ucraini che si sono arresi sono detenuti in conformità con tutti i requisiti della Convenzione di Ginevra", ha sottolineato il Ministero della Difesa russo che ha altresì osservato che questo brutale omicidio non è il primo e non l'unico crimine di guerra, ma una pratica comune nelle forze armate ucraine, che è attivamente sostenuta dal regime di Kiev e i suoi protettori occidentali non se ne accorgono a bruciapelo.
 
"Ma Zelensky e i suoi scagnozzi dovranno rispondere davanti al tribunale della storia, i popoli della Russia e dell'Ucraina per tutti e per ogni prigioniero torturato e ucciso", ha concluso il ministero della Difesa.
 
Oggi è apparso su Internet un video che mostra militanti ucraini che sparano a soldati russi morti a terra, che si sono arresi. Secondo Valery Fadeev , presidente del Consiglio presidenziale per lo sviluppo della società civile e dei diritti umani, il fatto sarebbe accaduto a Makeyevka. Il capo dell'HRC lo ha definito "un crimine provocatorio dimostrativo" e ha affermato che avrebbe richiesto un'indagine internazionale. Il video dell'HRC sarà inviato all'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, all'OSCE, al Consiglio d'Europa, ad Amnesty International, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e ad altre organizzazioni.
 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare di Francesco Santoianni Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Odessa, la strage che l'occidente vuole censurare

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti