"Crimine di guerra". Mosca accusa l'esercito ucraino di aver deliberatamente ucciso 10 prigionieri russi

"Crimine di guerra". Mosca accusa l'esercito ucraino di aver deliberatamente ucciso 10 prigionieri russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'esercito ucraino ha deliberatamente ucciso militari russi catturati. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo secondo quanto riporta Ria Novosti.

"L'omicidio intenzionale e metodico di più di dieci militari russi immobilizzati da parte dei fanatici dell'UAF con colpi diretti alla testa non può essere presentato come una" tragica eccezione" sullo sfondo della presunta osservanza generale dei diritti dei prigionieri di guerra da parte del Kiev regime", si legge nella nota del Ministero della  Difesa russo.

"Allo stesso tempo, i militari ucraini che si sono arresi sono detenuti in conformità con tutti i requisiti della Convenzione di Ginevra", ha sottolineato il Ministero della Difesa russo che ha altresì osservato che questo brutale omicidio non è il primo e non l'unico crimine di guerra, ma una pratica comune nelle forze armate ucraine, che è attivamente sostenuta dal regime di Kiev e i suoi protettori occidentali non se ne accorgono a bruciapelo.
 
"Ma Zelensky e i suoi scagnozzi dovranno rispondere davanti al tribunale della storia, i popoli della Russia e dell'Ucraina per tutti e per ogni prigioniero torturato e ucciso", ha concluso il ministero della Difesa.
 
Oggi è apparso su Internet un video che mostra militanti ucraini che sparano a soldati russi morti a terra, che si sono arresi. Secondo Valery Fadeev , presidente del Consiglio presidenziale per lo sviluppo della società civile e dei diritti umani, il fatto sarebbe accaduto a Makeyevka. Il capo dell'HRC lo ha definito "un crimine provocatorio dimostrativo" e ha affermato che avrebbe richiesto un'indagine internazionale. Il video dell'HRC sarà inviato all'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, all'OSCE, al Consiglio d'Europa, ad Amnesty International, al Comitato Internazionale della Croce Rossa e ad altre organizzazioni.
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti