Crisi migratoria in Venezuela: una guerra costruita nelle redazioni?

Crisi migratoria in Venezuela: una guerra costruita nelle redazioni?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Cubainformación TV


La campagna mediatica contro il Venezuela si è concentrata da mesi su una presunta "crisi migratoria" nel paese. Il colpevole: Nicolás Maduro. L'inevitabile soluzione: un intervento internazionale "umanitario".




I grandi media lanciano ogni giorno messaggi di impatto su una "ondata", una "valanga" incontrollabile di persone che "fuggono" dal Venezuela.


È vero che le sanzioni hanno causato una crisi che genera tassi di emigrazione sconosciuti. Nulla di paragonabile, tuttavia, agli oltre cinque milioni di colombiani che ospitano il Venezuela. Senza, in questo caso, nessuno che abbia mai parlato di "crisi migratoria".


Un solo esempio della guerra psicologica. La maggior parte di coloro che attraversano il confine dal Venezuela alla Colombia non sono migranti. Sono persone che si trasferiscono per comprare prodotti che - a causa del contrabbando e dell'accaparramento delle mafie - sono scarsi in Venezuela. Ma tornano. Tuttavia, quando le autorità colombiane provocano lunghe code al confine di cui i media approfittano, diventano la fotografia della presunta "crisi migratoria" in Venezuela.


Questo piano di propaganda di guerra ha subito, nelle ultime settimane, una grave battuta di arresto con il "Piano Vuelta a la Patria", un programma di voli gratuiti organizzati dal governo di Caracas per coloro che desiderano tornare nel loro paese.


Oggi i consolati del Venezuela in Perù, Ecuador, Repubblica Dominicana, Brasile, Cile, Colombia e Argentina ricevono in media cento richieste al giorno di ritorno e oltre 3mila persone sono già tornate.


Il Piano, che durerà diversi mesi, è un duro colpo per la menzogna della "crisi migratoria". Ecco perché la guerra di propaganda contro il Venezuela nei media internazionali diventa, ogni giorno, più stridente.

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti