/ Damasco: Gli Stati Uniti addestrano gruppi terroristici in 19 loc...

Damasco: Gli Stati Uniti addestrano gruppi terroristici in 19 località della Siria

 

L'ambasciatore siriano all'ONU) denuncia che gli Stati Uniti addestrano gruppi terroristici in 19 località della Siria.


"Gli Stati Uniti continuano ad addestrare bande terroristiche in 19 punti che occupano in Siria, come la regione di Al-Tanf e il campo profughi di Rubkan, situato nel triangolo iracheno-siriano-giordano", ha dichiarato Bashar al-Jaafari. Ambasciatore siriano all'ONU, in una sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC).

 
Secondo l'ambasciatore siriano, Washington fornisce a questi gruppi terroristici armi, munizioni, carburante, cibo e altri rifornimenti da 22 delle loro basi militari nella regione. Fornisce inoltre supporto logistico al gruppo terrorista ISIS (Daesh, in arabo) nelle sue operazioni contro i soldati siriani.
 
Il rappresentante permanente della Siria all'ONU ha aggiunto che la Siria ha sofferto negli ultimi otto anni di una sanguinosa guerra contro il terrorismo, che, in realtà, che molti governi stranieri sostengono.

 
Ha anche denunciato che alcuni governi hanno stanziato miliardi di dollari per militarizzare la situazione in Siria. Alcuni Stati, infatti, praticano l'aggressione militare diretta e occupano il territorio con la forza, e questa aggressione e occupazione la chiamano "guerra contro il terrorismo".
 
Il diplomatico siriano ha sostenuto che la ragione principale dei conflitti in Medio Oriente è e rimane l'occupazione del regime israeliano nei territori arabi, comprese le alture del Golan siriano.
 
Inoltre, Bashar al-Jaafari ha ribadito che "il governo siriano non avrebbe usato armi chimiche contro il suo popolo, perché sono state completamente distrutte a bordo di navi statunitensi nel Mar Mediterraneo".
 
 
Fonte: SANA
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa