/ Disperati e con le spalle al muro: I nemici della Siria cadono ne...

Disperati e con le spalle al muro: I nemici della Siria cadono nella trappola dell'esercito di Assad

 

Le forze siriane hanno stabilito il 21 agosto scorso il loro controllo su uno dei principali baluardi dei terroristi nella città di Kan Sheikhun, nel governatorato siriano di Idlib. Tuttavia, la vittoria è stata agrodolce, dato che la vittoria ha portato ad un aumento delle tensioni con la Turchia, che ha una sua postazione nell'area.


Articolo di Denis Lukyanov
 
Il governatorato di Idlib, l'ultimo nascondiglio dei jihadisti, è quasi completamente controllato dalla coalizione terroristica Hayat Tahrir al Sham, creata sulla base del Fronte di Nusra. Kan Sheikun è stato teatro di un sanguinoso confronto tra le forze governative e i jihadisti per anni, ma sembra che il risultato sia stato finalmente raggiunto.
 
Le truppe siriane hanno iniziato il loro avanzamento contro le posizioni dei terroristi a Kan Sheikun come misura di risposta alle violazioni della tregua introdotte all'inizio di agosto dai jihadisti.
 
A seguito di questa operazione militare che ha avuto luogo durante questo mese di agosto, l'esercito arabo siriano ha stabilito un controllo fermo sulla città e su una parte dell'autostrada M5 strategica, ha dichiarato in un'intervista a Sputnik Kevork Almassian, un esperto di questioni siriane e fondatore di Syriana Analysis.
 
L'offensiva fa parte della strategia dell'esercito governativo di tagliare le linee di approvvigionamento attraverso l'autostrada M5, che collega il territorio controllato dal terrorismo a sud di Kan Sheijun con il resto di Idlib.
 
L'esercito arabo siriano e l'aeronautica militare siriana avevano una potenza di fuoco significativa e questo ha avuto un ruolo importante nel successo dell'offensiva siriana, ha spiegato Almassian.
 
Se analizziamo le posizioni e il progresso delle truppe siriane, è chiaro che hanno circondato i terroristi formando un'isola disconnessa dal resto del territorio della provincia. Prima o poi, le città circondate si arrenderanno, dal momento che non saranno in grado di ricevere rinforzi o di fuggire dalla zona.
 
"Penso che la parte russa giocherà un ruolo importante nei negoziati con i leader dei gruppi armati. Potrebbe provare a convincerli ad arrendersi e ad aderire al programma di riconciliazione. Per fare ciò hanno bisogno di deporre le armi, aprire la strada e non resistere all'ingresso delle truppe siriane in questi territori", ha aggiunto l'esperto.
 
Secondo Almassian, Damasco deve perdonare i membri dei gruppi armati se hanno nazionalità siriana e consentire loro di tornare alla vita normale. Allo stesso tempo, il governo siriano non deve perdonare i mercenari terroristi stranieri.
 
Le truppe di Bashar Asad continueranno con l'offensiva in Idlib?
 
Se nella situazione attuale l'esercito arabo siriano decide di continuare l'offensiva, avrà due opzioni.
 
In primo luogo, le forze di Assad possono spostarsi a nord verso la città di Maarat Numan e poi, oltre, sulla strada M5 per raggiungere la periferia del sud di Aleppo. Questa è, in effetti, la strategia delle forze governative: riaprire quella strada per ricollegare le città di Aleppo, Hama, Homs e Damasco, ha sottolineato l'esperto.
 
La Liberazione di Aleppo nel 2016 non è stata completata perché le strade che collegano la città con altre parti del paese rimangono nelle mani dei terroristi.
Il ristabilimento del controllo su queste strade è importante per la Siria da un punto di vista economico.
 
La seconda opzione sarebbe quella di aprire un nuovo fronte nella parte settentrionale della provincia di Latakia, in particolare la città di Kbana, che si trova su un'altura. Da lì si può osservare la città di Jisr al Shugur. Nel tempo anche questa città cadrà e, in questo modo, la Siria prenderà una roccaforte su un'altra strada importante, la M4, ha aggiunto Almassian.
 
Il conflitto in Idlib può ancora essere risolto in modo non violento e questa possibilità ha a che fare con la volontà della parte turca di svolgere il proprio ruolo in questa materia.
 
La Turchia, che ha i suoi punti di osservazione in Idlib, dovrebbe adottare gli accordi di Sochi. In essi si concorda che il paese ottomano disarma i terroristi in questa provincia siriana e crea una zona neutrale di 20 chilometri. In questa zona non dovrebbe esserci artiglieria pesante e, inoltre, Ankara deve costringere i jihadisti a ritirare le loro forze.
 
"La Turchia non ha molte opzioni. Deve farlo se non vuole che le sue relazioni con Mosca si deteriorino. In un modo o nell'altro dovrà conformarsi all'accordo di Sochi", ha detto l'intervistato.
 
Un altro problema è quello che accadrà alla parte settentrionale della Siria: il territorio che si estende dalla città di Manbij a Hasaka e Qamishli, controllati dai curdi. La Turchia sta negoziando con gli Stati Uniti per creare la cosiddetta zona di sicurezza e prevede di spostare i rifugiati nel suo territorio in questa zona.
 
In tal modo, la parte turca vuole modificare la demografia di quest'area. È probabile che in futuro la Turchia organizzerà un referendum per questa nuova popolazione tra Ankara e Damasco.
 
Per alcuni può sembrare surreale, ma la Turchia lo ha già fatto negli anni '30 con la provincia siriana di Alessandretta - che oggi è la provincia turca di Hatay. A seguito di un referendum molto controverso, la popolazione ha optato per l'integrazione nello stato turco. "Questo è esattamente ciò che stanno cercando di fare nella parte settentrionale della Siria", ha aggiunto Almassian.
 
In che modo la situazione in Idlib può influire sull'alleanza tra Russia e Turchia?
 
Secondo i trattati firmati tra Turchia e Russia, Ankara ha il diritto di avere le proprie forze in Siria. Il compito di queste unità è creare una zona neutrale e disarmare le milizie. Mosca ha permesso la presenza turca perché voleva raggiungere precisamente questi obiettivi e Ankara, fino ad oggi, non ha adempiuto al suo dovere.
 
La Turchia ha inviato un convoglio a Kan Sheijun il 19 agosto per aiutare i gruppi che supporta. L'Aeronautica militare siriana ha bombardato il convoglio per fermarlo e ci è riuscito. Almassian ritiene che questo attacco dimostri che le forze governative non tollereranno la presenza turca nel territorio siriano.
 
"Mosca ha dato la possibilità di raggiungere la pace e la riconciliazione tra Turchia e Siria, ma sembra che Ankara stia manovrando tra due sponde. Da un lato depone le uova nel paniere degli americani; e, dall'altro, in quello dei Russi ", ha detto.
 
Da un punto di vista geopolitico, la Russia sarà sempre dalla parte del governo e dell'esercito siriano, ha aggiunto.
 
"Come siriano, spero che la Turchia abbia buon senso e che Erdogan agisca razionalmente e cambi il suo atteggiamento nei confronti della Siria. Comunque, entrambi i paesi sono vicini. Non dovrebbero esserci tensioni che possano causare una guerra", secondo Almassian.
 
Per ora, l'alleanza tra Ankara e Mosca continua a funzionare. La Russia pensa alla situazione da un punto di vista strategico per allontanare gradualmente la Turchia dalla NATO, ha affermato.
 
Ma, allo stesso tempo, bisogna tenere presente che i turchi sono ancora membri dell'Alleanza atlantica, quindi gli Stati Uniti non hanno nulla contro il fatto che la parte turca controlli alcune parti della Siria. Gli Stati Uniti ritengono che sia le forze curde che l'esercito turco possano aiutare a preservare gli interessi strategici americani in Siria.
 
"La Russia ha il diritto di scommettere sull'alleanza con la Turchia, ma non dobbiamo aspettarci un'alleanza veramente strategica tra i due paesi, dal momento che Ankara rimarrà sempre dalla parte di Washington", ha concluso Almassian.
 
Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa