Draghi, da ITA a Embraco, governo dei licenziamenti di massa

Draghi, da ITA a Embraco, governo dei licenziamenti di massa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Per chi ha ancora un posto di lavoro, non per fortuna essendo un diritto, è di fronte a due alternative che fanno impallidire il detto bere o affogare. Infatti, se non si muore sul lavoro, ad oggi i decessi complessivi sono 1341, c'è il licenziamento. C'è una terza alternativa, una speranza, quella di un lavoro sempre sotto la spada di Damocle della precarietà.

Dallo sblocco dei licenziamenti avvenuto con il Governo dei "migliori" guidati da Mario Draghi, è stata un'ecatombe e le due vertenze Embraco e ITA, pur diverse, sono lo specchio della tragica situazione nella quale viviamo. Non vogliamo essere pessimisti ,a con tutta probabilità, diversi stabilimenti di Stellantis, Ex FIAT, avranno problemi, con il pretesto di mancanza di chip, crisi delle vendite, migliaia di lavoratori sono a rischio.

Seppur non direttamente repsonsabile, ma dalla Whirlpool, alla recente vicenda di Caterpillar, Embraco, Gianetti, GKN, fino all'ex Alitalia, questo esecutivo non è stato capace, per volontà politica, di bloccare questa emorragia di posti di lavoro.

Ormai è uno tsunami di delocalizzazioni, eppure, vista l'assenza di una forza politica di rilievo e di un sindacato conflittuale che abbia voce in capitolo, c'è stata la proposta dei lavoratori della GKN di campi Bisenzio elaborata con alcuni giuristi per impedire alle aziende di prendersi i soldi pubblici, licenziare e scappare all'estero. Tutto tace finora, la legge giace in commissione bilancio del Senato.

Intanto, oggi al MISE una nuova processione di lavoratori che rischiano di perdere il posto di lavoro, quelli di Embraco, i quali denunciano come Carlo Calenda quando era a capo del MISE, "ci ha venduti alla Ventures per poi essere truffati". Per queste maestranze il 22 gennaio 2022 è l'ultimo giorno per salvare il posto di lavoro.

Davanti al MISE anche i lavoratori dell'Ex Alitalia ora con la newco Ita, guidata dal discepolo di Sergio Marchionne, Alfredo Altavilla. Sono 1322 i lavoratori che rischiano il licenziamento con questa operazione benedetta da governo, politica e media.

Per queste ragioni domani è più importante che mai partecipare allo sciopero generale proclamato da Cgil e Uil. Una mobilitazione con molti limiti e critiche da fare, ma non è il momento.

Oggi i lavoratori devono convergere e insorgere. Non tutto è perduto per rilanciare la lotta di classe in Italia contro il Governo dei licenziamenti di massa, delle misure repressive che non hanno nulla di sanitario, la precarietà, i rincari e dei morti sul lavoro.

 

 

 

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti.

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti