Elezioni in Turchia: il 14 maggio si sceglie nuovo presidente e parlamentari

Elezioni in Turchia: il 14 maggio si sceglie nuovo presidente e parlamentari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Come annunciato lo scorso mese di marzo dal presidente Erdogan, il 14 di maggio in Turchia si terranno le elezioni presidenziali. "La nostra nazione si recherà alle urne per eleggere il presidente e i parlamentari il 14 maggio”. Erdogan ha anche annunciato che l'alleanza elettorale (Alleanza del Popolo) che il Partito AK ha formato con il Partito del Movimento Nazionalista (MHP) non utilizzerà alcuna musica nell'ambito della campagna elettorale a causa del disastro del terremoto. Erdogan ha dichiarato: "Continueremo questa campagna attraverso incontri faccia a faccia con i cittadini. Cosa abbiamo fatto e cosa faremo? Cercheremo di spiegare tutto questo ai nostri cittadini".

Secondo alcuni osservatori si tratta di una tornata elettorale molto importante e significativa, dove Erdogan rischia di perdere il potere dopo due decenni al governo. 

Due blocchi principali, l'Alleanza del Popolo al governo e l'Alleanza della Nazione all'opposizione, si contenderanno la presidenza nelle elezioni del 14 maggio, che né il governo né l'opposizione hanno chiesto di rinviare nonostante i terremoti che hanno scosso 11 città della regione sud-orientale della Turchia, causando gravi perdite e lutti. Per le elezioni parlamentari, 36 partiti politici saranno presenti sulla scheda elettorale.

L'opposizione si è unita attorno a Kemal Kilicdaroglu, leader del secondo partito in parlamento, il Partito Popolare Repubblicano (CHP).

Tuttavia, un'altra importante leader dell'opposizione, Meral Aksener, si era inizialmente opposta alla candidatura di Kilicdaroglu come primo ministro, esprimendo i suoi dubbi sulla possibilità che l'ex burocrate, considerato da alcuni poco carismatico, possa battere Erdogan. Però hai poi rivisto le sue posizioni e deciso di sostenere leader del partito fondato da Mustafa Kemal Atatürk nel settembre del 1923. 

Attualmente sono 4 i candidati alle elezioni presidenziali del 14 maggio:

Recep Tayyip Erdogan (Alleanza Popolare)

Kemal Kilicdaroglu (Alleanza Nazionale)

Muharrem Ince (Partito della Patria)

Sinan Ogan (Alleanza Ata). 

Il quotidiano Daily Sabah, vicino al governo, ha pubblicato un sondaggio sulle elezioni presidenziali. Il giornale ha condiviso il seguente commento in caso di secondo turno delle elezioni:

"Il sondaggio mostra che oltre il 52% degli intervistati sosterrebbe Erdogan se le elezioni andassero al secondo turno, mentre il candidato del blocco di opposizione Kemal Kiliçdaroglu ha raccolto solo il 47,7% di consensi per un eventuale secondo turno. Il CHP di Kilicdaroglu, invece, ottiene solo il 23,1% dei voti alle elezioni parlamentari, secondo il sondaggio. 

Intanto vengono respinte le obiezioni legali contro la ricandidatura di Erdogan. Il presidente del Parlamento ha respinto le obiezioni.

In un articolo pubblicato a fine marzo, Mustafa Sentop, che è anche professore di diritto, ha risposto alle critiche rivolte alle argomentazioni di un suo precedente articolo sulla possibilità di candidare l'attuale leader del Paese alle elezioni del 14 maggio.

Le obiezioni legali alla candidatura di Erdogan sono incentrate sul limite costituzionale di due mandati. Sebbene Erdogan abbia vinto due precedenti elezioni presidenziali, nel 2014 e nel 2018, i sostenitori sostengono che possa ricandidarsi poiché il primo voto è avvenuto prima che il Paese passasse a un sistema presidenziale da uno parlamentare dopo un referendum tenuto del 2017.

Sentop ha affermato che per stabilire se le elezioni tenutesi prima del cambio di sistema debbano essere considerate, è necessario prendere in considerazione il significato e la portata del limite di mandato.

Ha sottolineato che l'emendamento costituzionale approvato nel referendum del 2017 ha cambiato il significato della carica della presidenza in Turchia. L'emendamento ha introdotto "diversi cambiamenti nella Costituzione, modificando il significato di 'ramo esecutivo' ed equiparandolo alla nozione di 'Presidente'", ha affermato.

"Una volta determinato il significato terminologico del termine 'Presidente della Repubblica' come ramo esecutivo, si può sostenere che la regola secondo cui 'una persona può essere eletta come Presidente della Repubblica per due mandati al massimo' dovrebbe essere intesa come 'una persona può essere eletta come (rappresentante) del ramo esecutivo per due mandati al massimo'", ha aggiunto Sentop.

Ha sottolineato che nelle prossime elezioni, il limite di due mandati presidenziali sarà in vigore come appare nella versione emendata della Costituzione e che nel Paese si è tenuta una sola elezione presidenziale dall'entrata in vigore dell'emendamento.

Pertanto, "a nessuno può essere vietato di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2023 in base a questa norma”. 

La Turchia si recherà alle urne il 14 maggio per eleggere il presidente e i membri del Parlamento.

La commissione elettorale turca ha fissato il 28 maggio come data per un eventuale ballottaggio se nessun candidato riuscirà a ottenere la maggioranza al primo turno.

Secondo quanto afferma sul quotidiano Aydinlik il giornalista Ismet Ozcelik, la necessità di un secondo turno è probabile. In quanto il presidente uscente Erdogan sarebbe in testa nelle preferenze di voto, ma non avrebbe dalla sua parte il 50+1% dei voti. Mentre i candidati Ince e Ogan andrebbero a sottrarre voti a due partiti dell’Allenza della Nazione come CHP e IYI. 

Sistema elettorale turco: 

Il sistema elettorale della Turchia è un sistema misto, una combinazione di rappresentanza proporzionale e voto maggioritario.

Il sistema a due schede: una serve per eleggere il Presidente. L'altra è destinata per votare i membri del Parlamento di ciascun distretto elettorale.

Soglia di sbarramento: per entrare in Parlamento, un partito politico deve ottenere almeno il 7% dei voti nazionali, secondo la nuova legge elettorale approvata nell'aprile dello scorso anno. La legge consente la formazione di alleanze tra diversi partiti politici. Pertanto, qualsiasi partito può ottenere un seggio in parlamento se forma un'alleanza che collettivamente riceve più del 7% dei voti in qualsiasi distretto della Turchia.

Distretti elettorali: ci sono 87 distretti elettorali in tutta la Turchia. Il numero di deputati che rappresentano ciascun distretto varia in base al rapporto tra popolazione. Ad esempio, Istanbul ha 98 deputati, essendo la città più popolata del Paese, e la capitale Ankara ha 36 parlamentari, mentre le province di Tunceli e Bayburt ne hanno solo 1 per ciascuna.

Sistema a liste chiuse: le liste chiuse dei partiti significano che l'ordine di graduatoria dei candidati non può essere modificato dai rispettivi elettori.

Scelta del presidente: i cittadini turchi eleggono il loro presidente separatamente dal Parlamento, utilizzando un sistema maggioritario a due turni. Se nessun candidato ottiene la maggioranza dei voti al primo turno, i primi due classificati si sfidano in un secondo turno di votazione in cui un candidato deve ottenere più del 50% per essere eletto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti