Ex Inviato USA in Siria invita Biden a proseguire la politica di Trump

Ex Inviato USA in Siria invita Biden a proseguire la politica di Trump

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Jim Jeffrey ha scritto un articolo sulla rivista Foreign Affairs esortando il presidente eletto Joe Biden a mantenere la rotta sulla politica mediorientale di Donald Trump, incoraggiandolo a evitare  le "guerre senza fine", di George W. Bush e Barack Obama e concentrarsi invece sul "contenere" Russia e Iran e sulla "lotta al terrorismo".

In questo articolo noterete il perfetto proseguimento delle politiche estere statunitense sia un dem o repubblicano alla Casa Bianca.

"Entrambi i presidenti degli Stati Uniti George W. Bush e Barack Obama hanno perseguito campagne di trasformazione in Medio Oriente sulla base dell'errata convinzione che intervenendo politicamente e militarmente in alcuni stati della regione, gli Stati Uniti avrebbero potuto affrontare le cause alla base del terrore islamista e della perpetua instabilità regionale", ha scritto Jeffrey nel suo pezzo.

“Sebbene le vere opinioni politiche di Trump fossero spesso difficili da indovinare, la sua amministrazione ha preso una strada diversa, con risultati chiari. Mantenendo gli obiettivi americani limitati, rispondendo alle imminenti minacce regionali, ma per il resto lavorando principalmente attraverso i partner sul campo, Trump ha evitato le trappole incontrate dai suoi predecessori mentre portava avanti gli interessi americani", ha aggiunto il diplomatico.

Secondo Jeffrey, questi "interessi americani" includevano, tra l'altro, quello di "evitare intralci" nei conflitti regionali, mentre "continuavano a respingere i concorrenti quasi alli pari" Teheran e Mosca, anche sostenendo "azioni militari israeliane e turche contro Iran e Russia in Siria" e fare affidamento "sugli stati del Golfo, Giordania, Iraq e Israele per opporsi a Teheran".

In cambio del duro lavoro dei suoi alleati, ha ricordato l'ex funzionario, gli Stati Uniti sotto Trump hanno chiuso un occhio sulle loro azioni, incluso l'omicidio del giornalista di Jamal Khashoggi, sostenuto dallo stato saudita, il sostegno a Israele "sulle questioni palestinesi, "l'approvazione della 'sovranità' israeliana sulle alture del Golan e Gerusalemme, così come l'allentamento delle limitazioni di vecchia data sui trasferimenti regionali di armi.

Insistendo sul fatto che la politica di Trump sull'Iran, compreso il ritiro del 2018 dall'accordo nucleare e le sanzioni e la campagna di intimidazione della "massima pressione", è stata mirata a costringere il paese a negoziare e ad indebolire la sua influenza nella regione, piuttosto che a un cambio di regime, Jeffrey ha avvertito che Biden dovrebbe considerare di mantenere la politica in atto se vuole evitare di far arrabbiare gli alleati.

Per quanto riguarda la Siria, l'ex inviato ha suggerito che gli obiettivi degli Stati Uniti sotto Trump includevano il sostegno "alla Turchia e agli elementi armati dell'opposizione in Siria ... per negare ad Assad una vittoria militare decisiva" e il sostegno agli "attacchi israeliani su obiettivi iraniani nel paese" mentre cercavano di isolare Damasco economicamente e di "schiacciare l'economia del Paese con le sanzioni". Biden, ha precisato, dovrà soppesare i “vantaggi” di una “caotica guerra di logoramento” contro altri costi e rischi, “compreso il costo per i civili."

Ammissione a sorpresa

L'elenco di raccomandazioni rivolte a Biden in stile ``lungo telegramma'' di Jeffrey sulla politica estera segue la sua ammissione a sorpresa, poco prima delle sue dimissioni a novembre, che lui e altri membri del suo staff avevano deliberatamente offuscato la vera dimensione dell'impronta militare degli Stati Uniti in Siria al presidente Trump per evitare un ritiro completo delle truppe sia nel 2018 che nel 2019. La rivelazione è stata poco notata da un media focalizzato sui risultati delle elezioni di novembre, sebbene alcuni esperti lo abbiano descritto come un atto di sovversione che potrebbe essere punito dalla legge.

Parlando al Times of Israel a dicembre, Jeffrey ha elogiato le scelte della squadra di sicurezza nazionale del presidente eletto, definendole "rassicuranti". Tra i migliori c'è Antony Blinken, uno dei principali addetti ai lavori e fautore delle guerre statunitensi in Iraq, Libia e Siria, che Biden ha scelto per servire come suo segretario di stato.

Timber Sycamore e il futuro incerto della Siria

In qualità di vice presidente di Obama, Biden è stato un fautore chiave dell'Operazione Timber Sycamore, il programma di addestramento e fornitura di armi classificate avviato nel 2012 dalla CIA, che ha visto gli Stati Uniti ei suoi alleati spedire migliaia di tonnellate di armi e miliardi di dollari in aiuti a ' ribelli siriani moderati 'che i media statunitensi come il New York Times e USA Today hanno successivamente rivelato che includevano e combattevano al fianco dei terroristi di al-Qaeda e Daesh contro il governo siriano. Il programma è stato chiuso dall'amministrazione Trump nel 2017.

Il ritorno di Biden alla Casa Bianca alla fine del mese, questa volta come presidente, sembra lasciare aperta la possibilità che gli Stati Uniti tornino alla loro politica di fornire finanziamenti diretti e sostegno agli elementi terroristici in Siria”.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti