Facebook blocca la pagina de l'AntiDiplomatico con questa surreale motivazione

Facebook blocca la pagina de l'AntiDiplomatico con questa surreale motivazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

 

Oltre Orwell. Nel paese in cui il primo ministro chiede esplicitamente i pieni poteri e la “stampa” ne dà la notizia senza neanche indignarsi, da oggi per la testata regolarmente registrata al tribunale di Roma, l'AntiDiplomatico, è impossibile pubblicare i suoi articoli e i suoi contenuti sulla pagina Facebook da oltre 140 mila follower con queste surreali motivazioni.

 

 

I due post censurati nell’ultima settimana a l'AntiDiplomatico alla base del blocco sono la dimostrazione di come il nostro paese abbia ormai oltrepassato la linea rossa.

 

 

 

Il primo, deciso addirittura da un "fact checker" di “Open” - una testata giornalistica che ha una visione opposta dalla nostra ma alla quale non impediremmo mai di esprimere la propria opinione - è la nostra riproposizione di un post di un dottore farmacista che, in ottemperanza alla sua libertà di pensiero, decideva di porre all’attenzione dell’opinione pubblica i risultati dei positivi al Covid della giornata in relazione al vaccino. E’ ironico che le percentuali emerse siamo pressoché identiche a quelle che l’Istituto Koch ha reso pubbliche, successivamente, per la variante Omicron che sta diventando dominante. I fantomatici fact-checker di Open perché non censurano anche il più prestigioso isituto di epidemiologia d'Eurora?

Ma è la seconda censura da cui è scattato il blocco della nostra pagina da oltre 140 mila follower che vi dovrebbe far venire i brividi qualunque sia la vostra posizione politica. Siamo oltre il surreale. Un post ironico che prende in giro le fake news (LE LORO!!) nell’ultimo anno viene considerato dai censori di Facebook come pericoloso e in grado di causare violenza fisica!!!

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da L'AntiDiplomatico (@lantidiplomatico)

 

Decisione talmente ridicola che come vedete i "factckers" di Instagram (stessa proprietà di Facebook) non hanno seguito con la censura.

Per farvi capire quanto surreale sia il tutto, oltre che su decine e decine di pagine Facebook, i due post da cui è partito il blocco contro la nostra pagina Fb sono regolarmente presenti... nella nostra pagina Instagram.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da L'AntiDiplomatico (@lantidiplomatico)

 

Stanno crollando tutte le menzogne con cui hanno imposto misure liberticide senza precedenti e con cui devono giustificare i contratti miliardari segreti tra Commissione europea e Big Pharma Usa, escludendo i vaccini più sicuri e efficaci di paesi sovrani come Russia, Cina e Cuba. E non sanno come tornare indietro con tutti i castelli di carta che crollano al ritmo di decine di migliaia di contagiati al giorno. Tutto questo dopo che il premier con i pieni poteri ci aveva regalato la fake news dell'anno (non censurata dai fact checkers "indipendenti")

 

 

Al momento la nostra Pagina Facebook di oltre 140 mila utenti è quindi bloccata per motivazioni surreali a cui non è possibile neanche fare appello. Alla nostra richiesta questo è stato il democratico secondo giudizio della multinazionale Usa...

 

 

Come abbiamo già annunciato in precedenza intraprenderemo una causa legale, comunicativa e speriamo politica (con i pochi deputati di opposizione al Draghistan presenti oggi in Parlamento a cui ci appelliamo) contro NewsGuard quest’autoproclamato ministero della verità che, in collaborazione con la Commissione europea e “fact-checkers” dei giganti Usa di internet, dà green pass su quale informazione possa o non possa essere filtrata all'opinione pubblica italiana.

La censura di Facebook a l'AntiDiplomatico nasce da quest'agenzia creata negli Usa per controllare l'informazione nelle sue semi-colonie.

Stiamo assistendo all’attacco finale e definitivo contro la nostra democrazia e sovranità. Non staremo a guardare e difenderemo il nostro lavoro in tutte le sedi possibili. Vi chiediamo di starci vicino e di reagire insieme a noi.

Vi chiediamo di segnarvi (e sponsorizzate) al nostro canale Telegram, al momento il modo più facile per restare aggiornati con l'AntiDiplomatico. Il 2022 sia l'anno della fine di tutti i "Green Pass" e del ritorno di democrazia e sovranità in Italia.

 

L'AntiDiplomatico è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel nostro canale e rimanere aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti