Giorgetti al WSJ e la linea su euro e Ue della Lega

Giorgetti al WSJ e la linea su euro e Ue della Lega

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 


di Fabrizio Verde


La Lega è un partito che spesso fa la voce grossa. Ma diventa assai docile davanti ai potenti o a quei megafoni che parlano ai poteri veri e per loro conto. 

 

Di esempi ne abbiamo a bizzeffe. L’ultimo è ben rappresentato da un’intervista rilasciata dal vice segretario federale della Lega, Giancarlo Giorgetti, al Wall Street Journal

 

Il vice di Matteo Salvini dice chiaro e tondo al quotidiano di proprietà di Rupert Murdoch: «Ho un’idea chiara su da che parte stiamo: Europa. Ma non possiamo essere europei che si limitano a sopportare le decisioni prese da altri».

 

Quindi nulla di nuovo rispetto alla vuota retorica sul cambiare l’Europa dall’interno. Ben sapendo che questo non è possibile perché l’Unione Europea è stata progettata proprio in questo modo e il cambiamento dei trattati non è all’ordine del giorno.

 

Per poi arrivare al punto principale che ci dimostra, ove mai ve ne fosse ancora bisogno, che la Lega, messa da parte certa retorica, non è poi tanto differente al tanto odiato Partito Democratico. Queste sono le parole pronunciate da Giorgetti, ma potrebbero stare in bocca a qualsiasi dirigente piddino: «La possibilità per l'Italia di uscire dall'euro esiste in teoria, ma non esiste in pratica. Il debito pubblico italiano è nelle mani dei suoi detentori che proclamerebbero immediatamente il 'default' dell'Italia». 

 

Insomma, anche in questo caso nulla di nuovo sotto al cielo. Giorgetti rilancia una vecchia fake news sul debito italiano. Peraltro smentita pochi giorni fa addirittura da Standard&Poor's che non ha declassato il debito italiano. Perché non è avvenuto il declassamento?

 

Come spiegato da Giuseppe Masala, sostanzialmente per due motivi: 

 

1) L'Italia è creditore netto verso l'estero. Il che significa che i residenti in Italia hanno crediti verso l'estero maggiori di quanto i residenti esteri non abbiano crediti verso il sistema-paese italiano. Ergo, a compensazione, non siamo debitori verso il resto del mondo. Ergo siamo un paese creditore netto sul resto del mondo; 

 

2) Il debito privato italiano è il più basso tra i paesi del G7 e anche rispetto agli altri paesi europei avanzati. 

 

L’intervista al Wall Street Journal di Giorgetti non ci ha affatto stupito, ma solo confermato che sono davvero poche le differenze sostanziali tra il Partito Democratico e la Lega. Al netto di certa retorica, emergono dalla politica internazionale all’economia, molti punti di contatto. 

 

L’Italia ha bisogno di una vera politica alternativa per risollevarsi. 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti