Gli abitanti di Damasco protestano contro The Economist: Non siamo la peggiore città del mondo

Gli abitanti di Damasco protestano contro The Economist: Non siamo la peggiore città del mondo

La capitale della Siria, Damasco, è stata elencata come la peggior città del mondo per vivibilità secondo in una classifica presentata la scorsa settimana dalla rivista britannica The Economist, un'opinione che i suoi abitanti, qualificano come "colonialista".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Damasco è una delle città più esemplari al mondo, in città ci sono molti monumenti architettonici che non esistono in molte altre città", ha dichiarato a Sputnik, il parlamentare siriano, Hadi Sharaf.



Sharaf ha elogiato il fatto che, nonostante gli otto anni di guerra, "le persone continuano a lavorare ogni mattina, i bambini vanno a scuola".
"La vita in città non si è fermata, i negozi sono aperti ovunque, ci sono frutta e verdura al loro interno, l'economia siriana è in grado di fornire l'80% e non dipendiamo da nessuno", ha ricordato.

Per la ricercatrice ed economista Rasha Saibur, allo stesso modo, la classifica che denigra la capitale del suo paese rappresenta un altro strumento della guerra mediatica contro la Siria.

"A Damasco il tenore di vita è più elevato che in molte città dei paesi sviluppati", ha affermato la ricercatrice in economia, aggiungendo che "molti Stati continuano a inviare i loro pazienti in Siria per ricevere cure, in particolare contro il cancro". 

L'esperta ha sottolineato che gli abitanti della città godono di istruzione e medicina gratuite.

Come ha rivelato a Sputnik lo stomatologo Hanin, il livello dei prezzi di molti alimenti è molto basso, "inferiore rispetto al Libano, paese vicino".

La classifica (Global Liveability Index 2019), effettuata dal centro di analisi di The Economist, fa parte delle condizioni di vita in varie città del mondo, tra cui le prestazioni professionali, le opportunità di sviluppo dei suoi abitanti, il diritto alla salute, l'istruzione, stato del cibo e sicurezza.
Tra le città peggiori ci sono, oltre a Damasco, Lagos, in Nigeria; Dhaka, in Bangladesh e la capitale della Libia, Tripoli.

Caracas, la capitale del Venezuela, occupa il decimo posto nella classifica negativa.

Vienna, la capitale dell'Austria, è stata riconosciuta per il secondo anno consecutivo come la migliore città del mondo, seguita dalle città australiane Melbourne e Sydney.

Il quarto posto in classifica è occupato da Osaka, e poi ci sono tre città canadesi, Calgary, Vancouver e Toronto.

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti