Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come tante altre, anche questa guerra si regge sulle menzogne e le mistificazioni, tra le varie è particolarmente fastidiosa quella relativa agli aiuti umanitari raccolti in Occidente e mandati in Ucraina. Abilmente spacciati per gesti di generosità verso un popolo, sono in realtà ben altro.

Se gli aiuti fossero davvero per il popolo ucraino, questi dovrebbero essere destinati alla popolazione che vive su ognuno dei due lati del fronte, eppure non è così: gli aiuti vengono destinati esclusivamente a quella parte di popolazione che si trova nei territori sotto il controllo del Governo di Kiev. Quindi, gli aiuti non sono per il popolo, ma sono per il Governo ucraino che li usa per esercitare le proprie funzioni, cioè gli aiuti hanno una natura puramente politica. A prescindere da ogni giudizio sul Governo ucraino, vedendo gli aiuti nella prospettiva della loro funzione, emerge che relativamente alle “campagne di solidarietà” ci si trova di fronte ad un gesto politico e non umanitario. Per il singolo cittadino che fa solidarietà questa potrebbe essere una distinzione irrilevante, ma sotto il profilo formale è una vicenda inammissibile.

Su impulso del Governo italiano si sono organizzate raccolte di aiuti di ogni tipo nelle istituzioni locali, nelle scuole, nelle università e nei canali della Protezione Civile. Le istituzioni (in particolar modo quelle che si occupano di educazione dei ragazzi) dovrebbero essere al disopra delle parti e non venire utilizzate per scopi politici.

Qualora invece il Governo italiano volesse ostinarsi a sostenere che gli aiuti raccolti non siano per il Governo di Kiev, ma bensì per il popolo ucraino, sarei felice di essere smentito dai fatti: però il Governo italiano dovrebbe immediatamente predisporre degli aiuti da inviare anche dall’altro lato del fronte. Che mi facessero sapere quando passare a ritirarli.

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo. Laureato in Economia, esperto di Terzo Settore e sviluppo locale. Giornalista. Inizia l'attività giornalistica testimoniando la crisi del Kosovo e la dissoluzione della Jugoslavia. Ha trascorso due anni in Donbass, profondo conoscitore delle vicende ucraine. Attivo nei movimenti di solidarietà internazionalista, soprattutto in contrasto con le operazioni di "Regime change".

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti