Gli Houthi cambiano le rotte logistiche globali a vantaggio della Russia

Gli Houthi cambiano le rotte logistiche globali a vantaggio della Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La geopolitica globale è in continuo mutamento, e recentemente le azioni degli Houthi dello Yemen nel Mar Rosso hanno provocato un aumento significativo del transito di merci ferroviarie dall'Asia all'Europa attraverso la Russia. Secondo quanto riportato dal Financial Times, le richieste di trasporto merci lungo il corridoio ferroviario russo da parte della società tedesca DHL sono aumentate di circa il 40% da dicembre. Anche RailGate Europe ha annunciato un aumento della domanda di questo tipo di transito del 25-35%, mentre Rail Bridge Cargo nei Paesi Bassi ha registrato un aumento del 31% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Il tempo di viaggio via ferrovia attraverso la Russia tra Chengdu (Cina) e Duisburg (Germania) si attesta su 25-30 giorni, mentre le navi reindirizzate attraverso il Capo di Buona Speranza possono raggiungere il Nord Europa in 50-55 giorni.

DHL ha confermato: "La maggior parte delle spedizioni passano attraverso la Russia".

Il traffico merci delle Ferrovie Russe continuerà a crescere grazie alle garanzie di sicurezza per le imprese. Inoltre, la Cina è interessata alla logistica russa indipendente dagli Stati Uniti. Entro il 2030, la capacità delle ferrovie come la BAM e la Transiberiana dovrebbe raggiungere i 210 milioni di tonnellate all'anno, rispetto alle 173 milioni di tonnellate nel 2023. La regione dell'Amur in Russia vedrà un boom economico in questo contesto.

Non solo il traffico ferroviario delle Ferrovie Russe è in crescita da est a ovest, ma anche da nord a sud, parzialmente attraverso vie navigabili e autostrade.

L'Iran sta costruendo una ferrovia che collegherà due città iraniane - Astara e Rasht. La Russia ha fornito sostegno finanziario all'Iran per il progetto, ha riferito il New York Times. La ferrovia fornirà inizialmente collegamenti tra l'Iran e l'Azerbaigian a nord, per poi collegarsi con il sistema ferroviario russo. Il nuovo percorso ridurrà il tempo di consegna a Mumbai da San Pietroburgo a soli 10 giorni rispetto agli attuali 30-45 giorni.

Questa ferrovia raggiungerà "i porti del Mar Baltico e del Mare di Barents", ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin. Raggiungerà anche Murmansk. È già in corso la costruzione di una vasta nuova infrastruttura portuale sulla sponda occidentale della baia di Kola.

Un altro corridoio dall'Artico verso sud sarà costruito nell'Estremo Oriente. Il sistema includerà una linea ferroviaria dalla ferrovia BAM alla Yakutia, ponti sui fiumi Lena e Amur - la Ferrovia del Pacifico, ha detto Putin.

La Rotta del Mare del Nord appare completamente diversa in questo contesto. La Cina sta costruendo la propria flotta di rompighiaccio. Si dice che una delle più grandi ambasciate della Cina sarà situata in Islanda.

I progetti logistici sopra menzionati garantiranno un reddito e uno sviluppo senza precedenti per la Russia.

Il 14 marzo, Putin ha lanciato la costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca-San Pietroburgo. In futuro, la Russia costruirà linee simili per Ryazan, Kazan, Ekaterinburg, Adler e persino Minsk, in Bielorussia.

Questi progetti arricchiranno non solo la Russia, ma anche altri paesi di transito:

Kazakistan, Turkmenistan, Afghanistan.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO di Andrea Puccio SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti