Gli Stati Uniti fanno il primo passo per creare uno "stato curdo" in Siria

Gli Stati Uniti fanno il primo passo per creare uno "stato curdo" in Siria

Gli Stati Uniti hanno annunciato che, nel prossimo futuro, invieranno diplomatici nelel aree sotto il controllo delle forze curde nel nord della Siria, una mossa che sarebbe il primo passo verso il riconoscimento di uno "stato curdo" nel nord della Siria.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Secondo il quotidiano arabo 'Al-Sharq al-Awsat', citando un importante funzionario occidentale, che ha preferito l'anonimato, gli Stati Uniti, attraverso la misura recentemente annunciata di inviare altri diplomatici statunitensi nelle zone settentrionali della Siria, cercano di fare il primo passo concreto per riconoscere l'esistenza di uno "stato curdo" a nord del territorio siriano.


 
Così, secondo il funzionario, Washington cerca di conquistare consigli locali, formare un numero sufficiente di persone per lavorare nelle istituzioni governative (dello "stato curdo") e fornire i fondi e il capitale necessari per riparare e migliorare le infrastrutture nel aree sotto il controllo delle cosiddette 'forze democratiche siriane' (FDS), sostenute dagli Stati Uniti, che occupano in totale un'area che è tre volte più grande del Libano.
 
Inoltre, ha rivelato che l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta già sviluppando una nuova strategia per la Siria, secondo la quale uno dei principali obiettivi statunitensi faciliterà la creazione di uno stato curdo nel nord della Siria e, in seguito, presterà il suo sostegno diplomatico per essere riconosciuto nel mondo.
 
Il governo siriano, guidato dal presidente Bashar al-Assad, ha più volte denunciato presunti progetti e gli sforzi degli alleati regionali degli Stati Uniti per dividere il territorio siriano e il suo presunto sostegno a gruppi terroristici come l'ISIS in Siria.
 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti