/ Hezbollah conferma il lancio di 55 missili in risposta agli attac...

Hezbollah conferma il lancio di 55 missili in risposta agli attacchi di Israele contro la Siria

 

Il Segretario Generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato, oggi, che 55 missili sono stati lanciati dalla Siria verso le alture del Golan occupate giovedì scorso, in risposta alla più recente aggressione israeliana contro il territorio siriano.


"Che cosa è successo in realtà, 55 missili, alcuni dei quali di grande potere distruttivo sono stati lanciati, alcuni hanno colpito postazioni militari dell'occupazione israeliana e diversi punti del Golan, (...) e costretto i coloni israeliani a lasciare ai rifugi ", ha dichiarato oggi in un discorso trasmesso dalla televisione libanese, il Segretario Generale del Movimento di Resistenza Islamico in Libano (Hezbollah), Seyed Hassan Nasrallah.
 
Il leader di Hezbollah, tuttavia, ha sottolineato che le forze israeliane hanno nascosto il numero di vittime e le postazioni interessate e il numero di missili abbattuto da sistemi di difesa aerea in Siria durante la sua aggressione aerea contro il territorio siriano.
 
L'aggressione cui si riferisce Nasrallah si è verificato all'inizio di giovedì scorso quando l'aviazione israeliana ha attaccato la Siria, sostenendo che si trattava di una risposta al presunto lancio di 20 razzi dalla Siria delle Alture del Golan occupate da parte del regime di Tel Aviv.

 
Tuttavia, il segretario generale di Hezbollah ha sottolineato che la risposta missilistica recente dalla Siria ha segnato una "nuova fase nel conflitto siriano" perché dimostra che Damasco ed i suoi alleati sono pronti a difendere nella "misura massima" il territorio siriano prima della "sistematica aggressione di Israele".
 
Tuttavia, Nasrallah ha sottolineato che la recente risposta missilistica della Siria ha segnato una "nuova fase del conflitto siriano".
 
Nasrallah, inoltre, ha avvertito le autorità del regime di Tel Aviv che se continueranno le loro violazioni contro il territorio siriano, riceveranno una risposta ferma nel "cuore dei territori occupati, non solo nelle alture del Golan".
 
"I nemici israeliani non possono continuare a violare la sovranità della Siria, a commettere aggressioni contro il popolo e l'asse della Resistenza della Siria, senza avere una forte risposta", ha avvertito.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa