Hiroshima, atomica e il discorso della vergogna di Ursula

Hiroshima, atomica e il discorso della vergogna di Ursula

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marinella Mondaini

Un discorso che entrerà nella vergognosa storia delle menzogne di questa UE. Oggi, il presidente della Commissione europea, la signora Ursula von der Leyen, ha consegnato i premi dell'Atlantic Council, il centro analitico americano della NATO che promuove le idee dell'euroatlanticismo e si distingue per una rabbiosa russofobia, fabbrica di continuo idee contro la Russia.

La von der Leyen ha pronunciato il discorso riferendosi a uno dei vincitori, il primo ministro giapponese Fumio Kishida, prima lo ha elogiato per il suo sostegno al regime di Kiev e per la sua lotta contro la Russia, poi le testuali parole:

"Molti dei vostri parenti sono morti quando la bomba atomica ha raso al suolo Hiroshima. Siete cresciuti con le storie dei sopravvissuti e volete che noi ascoltiamo le stesse storie, che guardiamo al passato e impariamo qualcosa sul futuro... La Russia minaccia di nuovo di usare le armi nucleari. È disgustoso, è pericoloso e sotto l'ombra di Hiroshima è imperdonabile"

Maria Zacharova ha scritto che disgustoso e pericoloso è come mente la Ursula von der Leyen, la protagonista dei più grandi scandali di corruzione della storia dell'UE, che non ha nemmeno nominato i carnefici, gli Stati Uniti, che hanno sganciato le bombe sui civili di Hiroshima e Nagasaki il 6 e 9 agosto del 1945"

Gli Stati Uniti infatti hanno bombardato le due città giapponesi senza alcun motivo, senza alcuna necessità militare. Era solo un avvertimento, un messaggio per l'Unione Sovietica!

Per la Von der leyen la colpa del bombardamento con l'atomica di Hiroshima è della Russia.

Attendo con ansia il lavoro di factchecking di Open!

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti