/ I droni yemeniti che hanno attaccato gli impianti petroliferi sau...

I droni yemeniti che hanno attaccato gli impianti petroliferi sauditi, hanno sconfitto le attrezzature militari fornite a Riad da USA e Israele

 

I colpi inferti dai droni yemeniti contro obiettivi critici in Arabia Saudita, come le sue raffinerie, sono coerenti con le dichiarazioni del leader della Ansarullah Abdel Malek al-Houthi, durante la sua recente intervista televisiva.


Il Generale yemenita Aziz Rashid, esperto di questioni militari e strategiche, ha dichiarato nel corso di un'intervista esclusiva con canale televisivo iraniano Al-Alam e rilanciata dal media di Hezbollah, 'Al Manar',  che gli attacchi spettacolari yemeniti contro Riad costituiscono una risposta alle uccisioni, tra cui due attacchi da parte di la coalizione saudita nel mese sacro del Ramadan. "Le operazioni di sette droni contro obiettivi cruciali in Arabia Saudita sono una risposta a queste uccisioni", ha detto.
 
Ha aggiunto: "Le capacità yemenite nei droni stanno aumentando di giorno in giorno e questo progresso è stato reso possibile dalla solidarietà esemplare tra le unità balistiche e le unità di artiglieria. Le vittorie registrate dalle unità dei droni dei combattenti yemeniti dimostrano ancora una volta che hanno prevalso su equipaggiamenti militari forniti da Stati Uniti, Regno Unito e Israele all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti."
 
Il generale ha sottolineato che le operazioni condotte martedì 14 maggio da sette droni yemeniti hanno messo in evidenza l'inefficienza dei sistemi di missili Patriot fabbricati negli USA utilizzati dall'Arabia Saudita.
 
"Lo Yemen ha preso di mira obiettivi cruciali in Arabia Saudita, mentre gode del forte sostegno di Stati Uniti, Francia e Regno Unito.
Gli yemeniti hanno dimostrato ancora una volta di avere un database che elenca gli obiettivi strategici dell'Arabia Saudita e che sono stati in grado di infliggere pesanti danni ai sauditi durante i loro attacchi", ha spiegato Rashid.
 
L'esperto yemenita ha sottolineato che questa straordinaria operazione è un duro colpo per i paesi aggressori, che mina il loro morale, che le armi americane e britanniche avevano tentato di risollevare. "Questa operazione dimostra l'abilità scientifica e accademica della nazione yemenita e migliorerà il morale dei combattenti yemeniti."
 
Secondo Aziz Rashid, "l'operazione condotta da sette droni yemeniti nel cielo saudita è una sconfitta umiliante per le forze speciali USA, che si sono schierati a Asir e Najran per intercettare i missili dei droni yemeniti ".
 
L'esperto yemenita ha precisato che l'attacco ha portato ad un calo degli indici azionari in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti e allo scetticismo degli investitori stranieri.
 
Le forze yemenite hanno condotto un attacco di droni contro gli impianti petroliferi di proprietà di ARAMCO martedì 14 maggio, nei governatorati di Afif e al-Duwadimi vicino a Riad.
 
 
Fonte: Al Manar
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa