I paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo guardano all'Oriente

I paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo guardano all'Oriente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ricercatore associato presso l'International Institute for Global Strategic Analysis in Pakistan come analista di affari internazionali in Medio Oriente, Mohammad Salami, in questo articolo apparso su China Daily - che presentiamo di seguito in italiano - esamina le crescenti relazioni tra i paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG) e l'Asia orientale, con un particolare focus sulla Cina. Esplora le motivazioni che stanno dietro a questa sempre più stretta collaborazione, come l'importanza strategica dell'energia, l'accesso alle tecnologie cinesi, e la volontà di diversificare le relazioni geopolitiche ed economiche. Inoltre, analizza le implicazioni di questo rapporto per l'ordine mondiale tradizionale e le prospettive future di questa dinamica relazione tra il CCG e l'Asia orientale.

----------

I paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo sanno che le relazioni con l'Est, a differenza di quelle con l'Occidente, sono interazioni tra pari e lontane dall'atteggiamento coloniale prepotente e dalle opinioni imposte dei paesi occidentali.

Come ha detto Nguyen Minh Triet, presidente periodico dell'Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico di quest'anno, in una riunione congiunta con i paesi del CCG l'11 aprile 2010: "Voi avete ciò che noi non abbiamo, e noi abbiamo in abbondanza ciò che voi non avete, quindi dobbiamo unire le nostre forze".

Negli ultimi decenni, le relazioni tra il CCG e l'Asia orientale si sono intensificate. Nel 2018, il Giappone è stato il settimo partner commerciale di Dubai, con 131 aziende registrate. Dal 1970 al 2013, la Repubblica di Corea ha investito il 41,4 percento dei suoi contratti totali di ingegneria, approvvigionamento e costruzione nei paesi del CCG. Nel 2018, l'India e Oman hanno raggiunto un accordo per l'accesso di New Delhi al strategicamente importante Porto di Duqm in Oman, e anche la Cina ha effettuato ingenti investimenti nell'infrastruttura del CCG.

L'Asia sarà il nuovo gigante industriale del mondo in futuro. Nei prossimi decenni, l'industria, il commercio e la crescita delle nuove tecnologie saranno incentrati sull'Est. Il CCG sta seguendo attentamente questa tendenza.

L'alto tasso di crescita demografica, urbanizzazione e industrializzazione aumenterà la domanda interna dei paesi asiatici per il consumo di energia. Ad esempio, il consumo di energia tra i paesi del Sud-est asiatico è raddoppiato tra il 1990 e il 2007 e si prevede che triplicherà entro il 2030 rispetto ai livelli del 2007. La maggior parte delle importazioni di energia di questa regione proviene dai paesi del CCG.

Tra i paesi dell'Est, la Cina è considerata la più importante a causa della sua posizione di maggiore consumatore di energia. Nel Golfo Persico, la Cina ha firmato partnership strategiche comprehensive con l'Iran, l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, e partnership strategiche con l'Iraq, la Giordania, il Kuwait, Oman e il Qatar.

Il petrolio e il gas sono le due principali industrie e importanti fonti di entrate per i paesi del CCG. Attualmente, la Cina importa più del 70 percento delle sue esigenze energetiche dall'estero, e il Medio Oriente è il suo più importante fornitore estero. Nel 2020, circa il 47 percento delle esigenze energetiche della Cina, del valore di 176 miliardi di dollari, provenivano dal Medio Oriente. Tra questi, i paesi del CCG sono i fornitori più importanti per la Cina. L'Arabia Saudita è il più grande esportatore verso la Cina, rappresentando circa il 15,9 percento delle importazioni totali di petrolio greggio della Cina nel 2020, a un costo di circa 28,1 miliardi di dollari. Nello stesso anno, la Cina ha ricevuto 13,4 miliardi di metri cubi di gas naturale (circa il 14 percento della sua domanda totale) dai paesi arabi, in particolare dai paesi del CCG.

A causa della prevista crescita del consumo di energia in Cina e della dipendenza delle economie del CCG dal petrolio, sono molto interessati a approfondire le relazioni con la Cina. Il petrolio e il gas rappresentano più del 20 percento del PIL e almeno il 50 percento delle entrate governative per la maggior parte dei paesi del CCG. I paesi del CCG impiegheranno almeno 10 anni per porre fine alla dipendenza dal petrolio a causa della dipendenza dalla stabilità economica dal mercato energetico e dagli shock petroliferi.

La seconda ragione dell'interesse del CCG verso la Cina è l'uso delle nuove tecnologie cinesi senza condizioni politiche e l'assenza di interferenze negli affari interni dei paesi del CCG. Per anni, l'Occidente ha subordinato il trasferimento di tecnologia a una serie di condizioni, come l'osservanza dei principi della democrazia e dei diritti umani.

A differenza dell'Occidente, la Cina non crede nell'interferenza politica nei paesi del CCG e si oppone al cambio di regime. I governi del Medio Oriente generalmente accolgono con favore le partnership con Pechino perché ritengono che li tratti come pari anziché come partner junior o procuratori coloniali. La Cina ha promosso il concetto di pace sviluppista - in contrasto con il concetto occidentale di pace democratica - nel Medio Oriente, sostenendo che la causa principale dell'insicurezza regionale sia la stagnazione economica, la disoccupazione elevata, le cattive infrastrutture, la rapida crescita demografica e la fuga di cervelli anziché un deficit democratico.

La cooperazione commerciale e gli investimenti nell'infrastruttura del CCG sono un altro fattore che spinge alla cooperazione tra il CCG e la Cina. I paesi del CCG intendono integrarsi nell'economia globale, il che richiede investimenti nell'infrastruttura.

L'Arabia Saudita prevede di investire 45 miliardi di dollari nella sua rete ferroviaria nazionale. Il valore delle offerte per i progetti principali del Kuwait ha già raggiunto i 30 miliardi di dollari. Il Qatar ha speso 220 miliardi di dollari per la Coppa del Mondo del 2022, 15 volte più della Russia, che aveva ospitato l'edizione precedente nel 2018. Gli Emirati Arabi Uniti ospiteranno la 28ª Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) a dicembre e prevedono di investire 54 miliardi di dollari nelle risorse energetiche rinnovabili. Oman intende costruire la zona economica speciale di Duqm nella sua governatorato di Al Wusta ed ha espresso una volontà inequivocabile di cooperare con la Cina.

I paesi del CCG sono sempre più concentrati sulla diversificazione dei loro impegni, in particolare con l'Asia e la Cina. La Cina è già un importante partner economico nel Golfo Persico. Nel 2020, ha sostituito l'Unione europea come principale partner commerciale dei paesi del CCG, con scambi bilaterali del valore di 161,4 miliardi di dollari, e negli ultimi 17 anni ha investito quasi 25 miliardi di dollari in questi paesi.

Infine, gli sforzi per definire un nuovo ordine mondiale interessano il CCG. I governi arabi nella penisola arabica preferiscono l'ordine tradizionale dell'Occidente, ma la minore attenzione degli Stati Uniti al Medio Oriente e il loro spostamento verso l'Est hanno dimostrato che non possono fare affidamento sull'Occidente.

La richiesta dell'Arabia Saudita, degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrain di unirsi al gruppo BRICS come strumento per indebolire la struttura tradizionale dell'Occidente, la richiesta di tutti i paesi del CCG tranne Oman di unirsi all'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai come partner di dialogo, la de-dolarizzazione e la richiesta degli Emirati Arabi Uniti e dell'Arabia Saudita di commerciare con le valute locali e di non applicare sanzioni alla Russia mostrano la volontà dei paesi del CCG di riformare almeno alcune caratteristiche dell'ordine mondiale occidentale.

Negli ultimi due decenni, i paesi del CCG hanno dimostrato un grande desiderio di commercio e comunicazione con i paesi dell'Asia orientale, compresa la Cina. Trarre vantaggio dal commercio, dagli investimenti e dalle tecnologie asiatiche e mostrare opposizione ad alcune politiche dei paesi occidentali sono tra le ragioni per cui si connettono con questi paesi.

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti