Alberto Rodríguez García: "Il Libano di oggi è il figlio maledetto del colonialismo francese"

Alberto Rodríguez García: "Il Libano di oggi è il figlio maledetto del colonialismo francese"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

di Alberto Rodríguez García*- RT
 
 
 
Il 4 agosto 2020 alle 18:08, il tempo si è fermato a Beirut. Il magazzino 12 nel porto principale del Libano è esploso, facendo sparire parte della città e distruggendo definitivamente ogni speranza per un Paese verso il collasso. Perché l'esplosione del porto di Beirut non è il sintomo di qualcosa che non va, ma la conseguenza di un sistema cleptocratico, settario, clientelare e disfunzionale.



Gli attuali problemi del Libano non possono essere compresi senza guardare indietro; fino alla sua configurazione come stato moderno sotto il mandato francese. Il Libano di oggi, lungi dall'essere il risultato di un processo di costruzione e liberazione nazionale, è il figlio maledetto del colonialismo francese.
 
Quando la Francia arrivò in Siria dopo aver disintegrato l'Impero Ottomano con il Trattato di Sèvres, trovò un popolo che, sotto la guida del re Faisal, non voleva sottomettersi a un altro impero. E fu dopo la battaglia di Maysalun nel 1920 in cui le truppe francesi massacrarono la rivolta araba, quando Henri Gouraud dopo aver sputato sulla tomba di Saladino comprese l'importanza del "divide et impera" nella regione. Ecco perché nel settembre dello stesso anno ha annunciato la creazione del "Grande Libano" come campo di pratica per dividere in cantoni il resto della Siria naturale.
 
Sotto il loro mandato,  i francesi stabilirono un'élite di rentier di cristiani principalmente maroniti. Dedicato al marketing, lo Stato libanese rimaneva dipendente dal vicino siriano, così come i siriani (divisi in cantoni) dipendevano da Beirut come principale porto di entrata e di uscita per i materiali nell'area. Mantenere le divisioni in un puzzle etnico e religioso complesso come quello della regione si è rivelata la migliore strategia per mantenerla debole, impantanata in dispute interne e, come è successo con il Libano dal 1975, in guerre fratricide. Da questo contesto nascono gli attuali problemi del Libano e della sua classe dirigente. Priva di un'identità collettiva, la popolazione si è rifugiata per anni nei suoi leader spirituali, dividendo anche i quartieri sulla base di confessioni, partiti e milizie. Quando lo stato non esiste, ognuno trova rifugio nella sua fede, spirituale e mondana, materializzato nella partita. Se qualcosa di così complesso dovesse essere semplificato, non sarebbe sbagliato affermare che il Libano, in una certa misura, è la simbiosi tra il sistema tribale e lo Stato moderno.
 
Un modello economico volatile basato sul sistema finanziario, la speculazione immobiliare e il turismo è stato messo in pratica in un paese in cui  l'élite corrotta e predatrice ha devastato tutto  e non è in grado di fornire ai propri cittadini i servizi più elementari, come elettricità e acqua potabile del rubinetto, e un sistema che sopravvive grazie ai prestiti, accumulando debiti che le istituzioni nascondono. Quindi ora possiamo riassumere cos'è il Libano.
 
E per capire il contesto in cui è avvenuta l'esplosione nel porto di Beirut, bisognerebbe aggiungere ancora più elementi a un cocktail già velenoso: una crisi senza precedenti e la pandemia Covid-19, che ha impedito a molti di lavorare e ha fatto sparire il turismo. Dall'ottobre 2019, quando la parola Thawra (rivoluzione) è apparsa nel vocabolario quotidiano dei libanesi, la sterlina libanese è stata svalutata del 90% e il debito ammonta a 90.000 milioni di dollari; circa il 170% del PIL libanese. E in uno scenario già catastrofico si è verificata la peggiore catastrofe, con la scomparsa del porto principale di un Libano che importa praticamente di tutto, con la distruzione del silo che ha immagazzinato il grano per un anno intero, con la morte di centinaia, il dolore di migliaia e una classe politica incapace di proporre soluzioni. 300.000 abitanti di Beirut hanno perso le loro case o sono stati sfollati.
 

Il sistema è il problema
 
Comprendendo che la politica libanese non funziona per il bene collettivo, ma a beneficio di ogni blocco politico e confessionale, è facile dedurre perché i problemi del paese non possono essere risolti se il sistema non viene riformato e l'élite politica viene sostituita da profili diversi dagli attuali signori della guerra civile (Aoun, Berri, Geagea, Gemayel, Joumblatt…). Ma il cambiamento è complicato, perché la società civile disposta a rimuovere il tumore è ancora una minoranza .
 
Una parte non trascurabile della società, sebbene consapevole dei problemi e stufo dello status quo, continua a pensare in modo settario e coloniale. Da un lato,  il blocco del 14 marzo , di chiara tendenza occidentale e liberale, non propone altro che sottomissione al mercato. Perché? Gli umili, generalmente i più poveri del nord (Tripoli), antepongono il riavvicinamento all'Arabia Saudita al proprio sistema sovrano. I cristiani delle forze libanesi  rappresentano quella popolazione francesizzata, quell'élite costituita durante il mandato che dal 2006 ha visto i suoi privilegi sempre più minacciati da una popolazione sciita rafforzata con Hezbollah, che demograficamente non smette di crescere mentre i cristiani in Medio Oriente continuano a diminuire.
 
Il blocco dell'8 marzo  per la sua stessa unione forzata e artificiale, non può articolare una strategia di successo. Il movimento patriottico libero  cerca di suonare diverse correnti, con un modello liberale, incontrando forze socialiste che hanno obiettivi molto diversi. D'altra parte,  Amal, la principale forza sciita nel governo, è entrata l'8 marzo, ma potrebbe benissimo far parte del 14 marzo; con la sua agenda e un Nabih Berri che ha negoziato lo scioglimento del proprio governo con Walid Jumblatt come rappresentante degli interessi del 14 marzo (e delle sue reti clientelari all'interno della comunità drusa).
 
In questi tiro alla fune, in queste vicende in cui i governi si dissolvono, se ne creano di nuovi dal volto tecnocratico per dissolverli nuovamente… il problema essenziale del sistema non viene messo in discussione, perché il problema sono tutte le parti. Per l'élite non è altro che un gioco. Quello che uno vuole oggi, domani vuole l'altro e  dove ho detto dico ... dico Diego ; il che dà forza a uno degli slogan più politici dei manifestanti antigovernativi: "Sono tutti uguali". Senza eccezioni.
 
Ora che la popolazione è di nuovo sull'orlo del baratro, le ferite più profonde del Libano si aprono. Da un paese creato dalla segregazione e dall'individualismo collettivo (dalle comunità). Di un Grande Libano che non è mai stato tale. Con una classe dirigente incapace di fornire soluzioni, sempre più cittadini si rifugiano nella resistenza islamica al sud, in Francia al centro e in Turchia al nord.
 
Il governo è crollato con dimissioni in blocco, costringendone  lo scioglimento , a fronte di nuove elezioni forzate secondo la consueta legge settaria, aprendo una serie di scenari incerti frutto dell'improvvisazione. Abbiamo già provato a creare qualcosa di nuovo con Hassan Diab - un profilo tecnocratico - al timone, ma con le vecchie dinamiche è impossibile. Con un sistema imposto dall'esterno ma sostenuto dalle élite dall'interno, le promesse non contano, perché né il governo sarà giusto, né la comunità internazionale lo sarà.
 
Il Libano non può permettersi di scommettere di nuovo sul suo vecchio sistema, né può permettersi di scommettere su  amici  lontani dall'estero. L'unica soluzione per il Paese deve essere attorno a due chiavi: identità e comunità.
 
  • Identità
 
La mafia settaria ha beneficiato per un secolo delle reti clientelari per servire "le proprie". Finché la comunità era buona, non c'erano problemi ... ma lo Stato stava lentamente morendo. Il mandato non è mai stato veramente rotto e il  Libano non è mai appartenuto ai libanesi . Anche dopo la guerra civile, il sistema settario non è stato rotto alla ricerca dell'unità per evitare di ripetere gli errori del passato. Nel 1989 fu firmato l'accordo di Taif, che sostiene un Libano diseguale,  in cui i cittadini non sono uguali , in cui si vota in base ai propri interessi religiosi; in cui il voto cristiano vale due terzi e il resto un terzo.
 
 
  • Comunità
 
Il Libano non è "la Svizzera del Medio Oriente". Nemmeno "la piccola Parigi". Il Libano è il Libano, punto. E un libanese ha molte più opzioni per prosperare se invece di credersi vicino a Parigi, presume che i suoi vicini siano a Damasco e ad Amman. Il mandato francese voleva trasformare il Libano in un territorio isolato, nascosto tra il mare e le montagne, estraneo al Medio Oriente. Il Libano non può voltare le spalle ai fatti, ed è che il 28% di tutti i dollari nelle sue banche sono dollari siriani. Integrare l'economia di entrambi i paesi significa reintrodurre il Libano nel suo spazio naturale.
Le dispense francesi che Macron ora raccoglie non sono nulla in confronto a ciò che potrebbe derivare dall'integrazione del paese nella Nuova Via della Seta cinese. Non l'Iran, non il Golfo, non la Francia, non gli Stati Uniti; Il Libano appartiene al Levante. E di fronte al divide et impera, non c'è altra forza che l'unità: sociale e regionale. Quello è sempre stato l'incubo di Gouraud.
 
(Traduzione de l'AntiDiplomatico)
 
*Giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo
 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti